59° Premio Faenza

Faenza - 26/06/2015 : 31/01/2016

Mostra del 59° Concorso Internazionale delle ceramica d’arte Contemporanea.

Informazioni

  • Luogo: MIC - MUSEO INTERNAZIONALE DELLE CERAMICHE
  • Indirizzo: Viale Alfredo Baccarini 19 - Faenza - Emilia-Romagna
  • Quando: dal 26/06/2015 - al 31/01/2016
  • Vernissage: 26/06/2015 ore 18,30
  • Curatori: Claudia Casali
  • Generi: arti decorative e industriali
  • Orari: mar-dom 10-19
  • Patrocini: Patrocini: Regione Emilia Romagna, Assemblea Legislativa della Regione Emilia Romagna, Provincia di Ravenna, Comune di Faenza, ICOM Italia Sponsor ufficiale: Fondazione Cassa di Risparmio di Ravenna I premi sono erogati da Fondazione Banca del Monte e Cassa di Risparmio di Faenza e Cersaie Con il contributo di: Banca di Romagna- Gruppo Cassa di Risparmio di Cesena e Regione Emilia-Romagna Con il supporto di: Caviro Media Partner: Publisole

Comunicato stampa

130 opere in ceramica provenienti da tutto il mondo saranno in mostra al Museo Internazionale delle Ceramiche in Faenza dal 27 giugno a 24 gennaio 2016. Sono le opere selezionate al 59esima edizione del Concorso Internazionale della Ceramica d'Arte Contemporanea, tra i più importanti e longevi del mondo.
Il Premio Faenza, istituito nel 1938, è da allora sismografo delle declinazioni contemporanee della scultura ceramica, ma anche del design

Negli anni ha visto la partecipazione di artisti come Lucio Fontana, Angelo Biancini, Guido Gambone, Leoncillo Leonardi, Pietro Melandri, Carlo Zauli - e stranieri – come Eduard Chapallaz, Sueharu Fukami - che hanno fatto, non solo la storia della ceramica del XX secolo, ma anche quella della scultura e della pittura del Novecento.
“Constato con piacere e devo dire con orgoglio che la partecipazione a questa edizione del Premio
Faenza è stata elevatissima, oltre 1300 opere - commenta il Presidente del MIC Pier Antonio Rivola- una grande dimostrazione di fiducia verso il concorso d’arte ceramica più longevo in ambito internazionale”.
Quest’anno hanno partecipato artisti di grande spessore che affrontano il materiale ceramico secondo un approccio artistico che si avvicina sempre più a una sensibilità prettamente di ricerca.
L’innovazione, la commistione dei materiali, l’attenzione ai temi, alle estetiche e ai temi contemporanei sono stati i criteri che hanno guidato la giuria (composta da Claudia Casali, Direttore del Museo Internazionale delle Ceramiche in Faenza, Monika Gass, Direttore del Keramikmuseum, Westerwald, Höhr-Grenzhausen, Germania; Grant Gibson, Direttore del Crafts Council Magazine, Gran Bretagna, e Daniela Lotta, storica dell’Arte e del Design, docente ISIA di Faenza) prima alla selezione dei partecipanti alla mostra, poi alla assegnazione dei premi.
“Le opere selezionate stanno a dimostrare una varia complessa realtà, frutto di ricerche, formazioni e percorsi diversi, tutti, nel loro personalissimo equilibrio, di altissimo livello. – commenta Claudia Casali - Come ho più volte sottolineato la ceramica oggi sta vivendo, almeno in Italia, un momento favorevole di attenzione critica e di grande innovazione, grazie all’apporto di nuove energie e di nuove possibilità espositive legate anche al complesso sistema dell’arte contemporanea”.
Così Silvia Celeste Calcagno, la vincitrice del 59° Premio per la sezione over 40 - offerto dalla Fondazione Banca del Monte e Cassa di Risparmio di Faenza - ha scelto di utilizzare l’argilla, un materiale appartenente alla tradizione, per realizzare le sue installazioni che invece appartengono prettamente ad un linguaggio contemporaneo. L’opera vincitrice Interno 8 – La fleur coupè unisce ceramica, fotografia e sonoro secondo una poetica che l’artista porta avanti da alcuni anni. Una ricerca sul femminile che è un lavoro intimo, quasi psicanalitico, e si concretizza in immagini impresse su grés e ceramica che compongono figure di corpi, come in un mosaico d’identità e forme del sentire.
Il premio under 40 - sempre offerto dalla Fondazione Banca del Monte e Cassa di Risparmio di Faenza - è diviso ex aequo tra l’austriaca Helene Kirchmair e lo statunitense Thomas Stollar. Con Bobbles la Kirchmair riproduce, attraverso una tecnica innovativa di ingobbio, forme a prima vista sembrano comunissime come vasi e ciotole, che in secondo momento rivelano la propria appartenenza al mondo microrganico delle muffe e batteri.
Thomas Stollar, con il suo 1900 steps#2, traduce in ceramica, un percorso fisico che è anche un percorso introspettivo. Un’opera plastico performativa che è un chiaro debito all’Arte Povera italiana.
Infine il terzo premio, quello Cersaie, riservato a ricerche più legate al design, va all’inglese Nicholas Lees con Four Leaning Vessels. Quattro vasi che, con una perizia tecnica stupefacente, vengono trasformati quasi in opere di optical art ingannando la percezione fino a simularne un movimento.
Come già accadde nella precedente edizione, gli artisti premiati saranno ospiti di Officine Saffi, Milano per una residenza d’artista a cui seguirà una mostra personale.

Le altre menzioni

- Premio d’onore della Presidenza del Senato della Repubblica all’artista belga Yves Malfliet, con l’opera "Somewhere…over the mountain”.

- Premio d’onore della Presidenza della Camera dei Deputati all’artista statunitense Kathy Ruttenberg con l’opera "Lost at Sea".

- Premio della Presidenza della Regione Emilia-Romagna all’artista belga Ann Van Hoey per l’opera "The Earthenware Ferrari".

- Premio della Presidenza dell’Assemblea Legislativa della Regione Emilia-Romagna all’artista italiana Chiara Lecca con l’opera "Triptych of true fake marble".

- Premio Monica Biserni all’artista ungherese Simon Zsolt József con l’opera "Spherical Atlas".

- Premio in memoria di Eleuterio Ignazi all’artista svizzera Marie-Laure Gobat-Bouchat, con l’opera “Ecorces Vives”.

- Premio del Rotary Club di Faenza agli artisti tedeschi Monika J. Schoedel-Mueller & Werner B. Nowka con l’opera “Blossoms and leaves - Blüten und Blätter”

-Premio del Lions Club Faenza Host all’artista turca Omur Tokgoz, con l’opera “Relativity 2”

- Premio in memoria di Valter Dal Pane, riservato ai nuovi talenti, all’artista italiano Giulio Mannino con l’opera “Sol 6272 Hz”.

-Medaglia della rivista D’A, riservato al più giovane partecipante, all’artista russa Irina Razumovskaya con l’opera “Balance.

- Menzione d’onore – medaglia d’oro del Museo Internazionale delle Ceramiche in Faenza per gli importanti risultati raggiunti nel suo percorso artistico all’artista finlandese Erna Aaltonen con l’opera “Noki”.


Tutti i finalisti
Johanna Aaspollu – Estonia, Toshiro Aki – Japan, Kunihiro Akinaga – Japan, Nikki Renee Anderson - United State, Leah Anderson - United State, Francesco Ardini – Italia, Christine Aschwanden – Swiss, Canbora Bayraktar – Turkey, Francesco Carone – Italia, Sara Dario – Italia, Marion Delarue- France, Giorgio Di Palma- Italia, Andrási Edina – Hungary, Mohamed El Abd- Egypt, Ricardo Escobar – Colombia, Antonio Fois – Italia, Luca Freschi – Italia, Corinna Petra Friedrich – Germany, Yuri Fukuoka – Japan, Eluned Glyn - United Kingdom, Marie-Laure Gobat-Bouchat – Swiss, Pinar Guzelgun – Turkey, Heidi Hentze – Denmark, Eduardo Herrera – Argentine, Eszter Imre – Hungary, Kim Jihae – Korea, Kiho Kang- Korea, Elvira Keller – Italia, Sangwoo Kim – Korea, Satoshi Kino – Japan, Helene Kirchmair – Austria, Luca Lanzi – Italia, Chiara Lecca – Italia, Miki Lin – Japan, Giulio Mannino – Italia, Davide Monaldi – Italia, Kanjiro Moriyama – Japan, Lorenzo Paganelli – Italia, Alicja Patanowska – Poland, Eva Pelechová - Czech Republic, Luana Perilli – Italia, Paolo Polloniato – Italia, Anne Drew Potter - United State, Sarah Pschorn – Germany, Irina Razumovskaya – Russia, Hasan Şahbaz – Turkey, Andrea Salvatori – Italia, Vivien Schneider-Siemssen – Austria, Tatsuma Segawa – Japan, Thomas Stollar - United State, Shinya Tanoue – Japan, Luca Trevisani – Italia, Mattia Vernocchi – Italia, Maria Volokhova – Germany, Saya Yamaguchi – Japan, Xu Ying – China, Ismet Yuksel – Turkey, Erna Aaltonen – Finland, Carolina Raquel Antich – Italia, Salvatore Arancio – Italia, Leonardo Bartolini – Italia, Nicola Boccini – Italia, Fosca Boggi – Italia, Jill Bryars - United Kingdom, Vincenzo Cabiati – Italia, Silvia Celeste Calcagno – Italia, Robert Carzedda – Italia, Elisa Confortini – Italia, Terry Davies - United Kingdom, Monika Debus – Germany, Annette Defoort – Belgium, Mirco Denicolò – Italia, Simcha Even-Chen – Israel, Ule Ewelt – Germany, Marino Ficola – Italia, Carolyn Genders - United Kingdom, Mária Geszler-Garzuly – Hungary, Silvia Granata – Italia, Monika Anna Grycko – Poland, Malene Hartmann Rasmussen – Denmark, Christoph & Ines Hasenberg – Germany, Doug Herren - United State, Ana Cecilia Hillar – Argentine, Jane King - United Kingdom, Nikola Knezevic – Serbia, Chie Kobayashi – Japan, Sanda Kürbus-Zore – Slovenia, Luciano Laghi – Italia, Lut Laleman – Belgium, Tony Lattimer - United Kingdom, Nicholas Lees - United Kingdom, Frank Louis – Germany, Yves Malfliet – Belgium, Crispin McNally - United Kingdom, Martin McWilliam - United Kingdom, Fabien Mérillon – France, Satou Norikatsu – Japan, Martha Eugenia Pachon Rodrìguez – Colombia, Marta Palmieri – Italia, Fiorenza Pancino – Italia, Eleni Papalexi – Greece, Monika Patuszynska – Poland, Bianca Piva – Italia, Antó (Antonia Campi, Antonella Ravagli) – Italia, Giuliana Reggi – Italia, Chiara Ricardi – Italia, Anima Roos – Belgium, Stephanie Marie Roos – Germany, Jochen Rueth – Germany, Kathy Ruttenberg - United State, Gabriella Sacchi – Italia, Hiroshi Sakai – Japan, Livio Scarpella – Italia, Catherine Schmid-Maybach - United State, Nathalie Schnider-Lang – Swiss, Monika J. and Werner B. Schoedel-Mueller & Nowka – Germany, Nataša Sedej – Slovenia, Imke Splittgerber – Germany, Enrico Stropparo – Italia, M.Gökhan Taskin – Nederland, Omur Tokgoz – Turkey, Anne Türn – Estonia, Ann Van Hoey – Belgium, Chris Vester – Germany, Andris Vezis – Lettonia, Vilma Villaverde – Argentine, Velimir Vukicevic – Serbia, Fabienne Withofs – Belgium, Bayrak Yesim – Turkey, Simon Zsolt József – Hungary.