Matera 2019. Cittadini x cittadini

Grande successo per il bando “Chiamata Pubblica dei Progetti di Comunità”, con cui la Fondazione Matera Basilicata 2019 ha invitato le associazioni lucane a partecipare attivamente al programma della Capitale Europea della Cultura. Tante le iniziative che si svolgeranno in queste ultime settimane, fra le quali ne abbiamo selezionate sei.

1. LA CORSA DEI POVERI CRISTI

Attraversate da una profonda vena spirituale, Matera e la Basilicata sanno sfoderare anche una buona dose di sarcasmo. In questa corsa podistica non agonistica, infatti, bisognerà portare con sé una croce, in cima alla quale – al posto del tradizionale I.N.R.I. – sarà indicata la propria croce. Gli organizzatori fanno alcuni esempi: “Mia moglie, mio marito, il mio capo, l’insicurezza…”. Ci sarà da divertirsi, anche se in maniera un poco irriverente.

www.lacorsadeipovericristi.it

2. SE I SASSI POTESSERO RACCONTARE

C’è un modo di intendere la lettura che prevede un lettore isolato mentre cerca di comprendere il senso esatto di quanto propone lo scrittore. C’è poi un mondo di interpretazioni che aprono la lettura alla partecipazione e ne fanno strumento di condivisione – che si tratti di culture o generazioni diverse, o di qualsiasi confronto con l’alterità. È così che si formano i cittadini del futuro, a Matera in primis.

 

3. COMPOSTIAMO MATERA

Tema più che mai attuale, quello dell’ambiente e della sua salvaguardia. Il progetto si focalizza sul riciclo dei rifiuti organici e sulle potenzialità della fabbricazione digitale, in particolare della stampa 3D e delle schede elettroniche Arduino. In pratica, si co-progetteranno e costruiranno insieme alle comunità delle compostiere, utilizzando tecnologie di fabbricazione digitale e un sistema di monitoraggio open source.

4. OSPITA UN ARTISTA

Con Rotondella e la sua gente – People and Landscapes, il piccolo Comune materano si impegna a ospitare dai tre ai cinque artisti presso alcune famiglie rotondellesi per la durata di una settimana. Insieme alla comunità e alle associazioni partner, i selezionati (non solo artisti visivi, ma anche performer, videomaker, poeti ecc.) potranno conoscere le peculiarità del territorio dal punto di vista naturalistico, storico e culinario.

5. PARCO DEGLI ANGELI

Un classico incompiuto si trova nel quartiere di Serra Rifusa: è il Parco lntegrato Urbano “Parco degli Angeli”, che dagli Anni Novanta attende ancora di essere completato. Gli abitanti della zona non sono rimasti inattivi: lo hanno trasformato in un luogo di attività sporadiche e spontanee, sfruttando informalmente i pochi spazi accessibili. Ora la volontà è quella di realizzare in maniera partecipata alcuni arredi urbani. 

6. DIALETTO TURSITANO – UNA RISORSA

L’Italia è ricca di lingue e dialetti, che costituiscono la trama profonda della cultura della Penisola. Non fanno eccezione i piccoli centri come Tursi, la cui parlata rischia di perdersi per sempre. Il progetto dell’associazione Tursah mira proprio a mantenerne viva la memoria tramite la raccolta e la catalogazione di frammenti audio e video di dialoghi avvenuti in occasione di matrimoni, rappresentazioni teatrali e folkloristiche.

– Marco Enrico Giacomelli

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Giornalista e dottore di ricerca in Estetica, ha studiato filosofia alle Università di Torino, Paris8 e Bologna. Ha collaborato all’"Abécédaire de Michel Foucault" (Mons-Paris 2004) e all’"Abécédaire de Jacques Derrida" (Mons-Paris 2007). Tra le sue pubblicazioni: "Ascendances et filiations foucaldiennes en Italie: l’operaïsme en perspective" (Paris 2004; trad. sp., Buenos Aires 2006; trad. it., Roma 2010), "Another Italian Anomaly? On Embedded Critics" (Trieste 2005), "La Nuovelle École Romaine" (Paris 2006), "Un filosofo tra patafisica e surrealismo. René Daumal dal Grand Jeu all'induismo" (Roma 2011), "Di tutto un pop. Un percorso fra arte e scrittura nell'opera di Mike Kelley" (Milano 2014), "Un regard sur l’art contemporain italien du XXIe siècle" (Paris 2016, con Arianna Testino). In qualità di traduttore, ha pubblicato testi di Augé, Bourriaud, Deleuze, Groys e Revel. Nel 2014 ha curato la mostra (al Museo della Scienza e della Tecnologia di Milano) e il libro (edito da Marsilio) "Achille Compagnoni. Oltre il K2". Nel 2018 ha curato la X edizione della Via del Sale in dieci paesi dell'Alta Langa e della Val Bormida. Ha tenuto seminari e lezioni in numerose istituzioni e università, fra le quali la Cattolica, lo IULM, l'Università Milano-Bicocca e l'Accademia di Brera di Milano, l’Alma Mater di Bologna, la LUISS di Roma, lo IUAV e Ca' Foscari di Venezia, l'Accademia Albertina di Torino. Redige (insieme a Massimiliano Tonelli) la sezione dedicata all'arte contemporanea del rapporto annuale "Io sono cultura" prodotto dalla Fondazione Symbola. Insegna Critical Writing alla NABA di Milano. È vicedirettore editoriale di Artribune e direttore responsabile di Artribune Magazine.