Impossible Langhe: il romanzo turistico di Pietro Giovannini con le fotografie di Maurizio Beucci

I racconti di Pietro Giovannini, esperto di turismo, cibo e vino in Piemonte, ci portano alla scoperta di questo territorio: Impossible Langhe, con le fotografie di Maurizio Beucci

ImpossibleLanghe_MaurizioBeucci
ImpossibleLanghe_MaurizioBeucci

Un anno e mezzo a bordo di una Panda 4×4 per fotografare i luoghi (Maurizio Beucci), più decenni di esperienza, intimità, cura e profonda ricognizione (Pietro Giovannini) hanno dato vita a Impossible Langhe, un romanzo turistico di 643 pagine più appendici e altre sorprese. Questo folto volume avrebbe dovuto chiamarsi Tute stoire ma mentre veniva ideato ci si è accorti che i numerosissimi racconti tracciavano una “cartina ideale” che abbracciava tutto il territorio delle Langhe: il ricchissimo compendio è infatti frutto della Fondazione Radical Design di Sandra e Charley Vezza, suo figlio. Sandra Vezza è proprio lAstemia Pentitala cantina pop di 17 ettari tra Barolo e Monforte la cui struttura calca, anche nella decorazione, la cassetta di legno che contiene i vini – imprenditrice anche di Italgelatine e Gufram.

 

IMPOSSIBLE LANGHE, UNA GUIDA TURISTICA SENZA INDIRIZZI

Pietro Giovannini è un uomo cordiale, sorridente, pronto ad intrattenerti con gusto e spontaneità, con un amore sconfinato per il cibo e il vino, per il Piemonte e per la Russia (sfoggia con fierezza magliette con scritte in cirillico e immagini di artisti russi). Il suo modo di scrivere è coinvolgente e caldo; tra aneddoti, situazioni pittoresche, una conoscenza non superficiale riesce a concepire degli itinerari che portino alla scoperta dei luoghi, delle tradizioni ma soprattutto delle persone che li hanno trasformati: è ad esempio il caso di Alba con Michele Ferrero e la sua azienda, con Giacomo Morra, il re del tartufo, con Pinot Gallizio, l’artista della pro-vocazione situazionista. Il romanzo turistico è diviso in 9 capitoli, ognuno corredato da una mappa, il primo dedicato alla sopracitata Alba, poi le seguenti: Barbaresco, Moscato, Barolo (dove troviamo anche l’Astemia Pentita), Dolcetto, Tanaro, Belbo, Bormida, infine la Langa di Asti, Alessandria, Savona. Maurizio Beucci, fotografo della Leica, specializzato in scatti di moda, ci lascia fresche suggestioni visive tramite il suo reportage: scorci che incuriosiscono, offrono un’idea, mettono in luce alcuni angoli, usanze e costumi senza mettere a nudo completamente ciò che mostrano affinché sia il visitatore con i suoi occhi e la sua fantasia, a colmare le lacune dell’immagine. A conclusione, tra le Appendici troviamo un breve assaggio della Fonetica e un Piccolo Vocabolario Piemontese.

-Giorgia Basili 

http://www.mauriziobeucci.com/bio
https://www.impossiblelanghe.com
https://shop.fondazioneradicaldesign.it
http://www.astemiapentita.it/it/

  

 

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Giorgia Basili
Giorgia Basili (Roma, 1992) è laureata in Scienze dei Beni Culturali con una tesi sulla Satira della Pittura di Salvator Rosa, che si snoda su un triplice interesse: letterario, artistico e iconologico. Si è spe-cializzata in Storia dell'Arte alla Sapienza con una tesi di Critica d'arte sul cinema di Pier Paolo Pasolini, letto attraverso la lente warburghiana della Pathosformel. Collabora con diverse riviste di settore prediligendo tematiche quali l’arte urbana e il teatro, la cultu-ra e l’arte contemporanea nelle sue molteplici sfaccettature e derive mediali. Affascinata dall’innesto del visivo con la letteratura, di tea-tro e mitologia, si dedica alla scrittura di poesie per esprimere la propria sensibilità e il proprio pensiero estetico-critico su ciò che la circonda.