Nasce Open Wor(l)ds. Gli oggetti firmati da grandi illustratori per laFeltrinelli

Una nuova linea di cartoleria customizzata dai più bei nomi dell’illustrazione italiana, dedicata alla scoperta, alla libertà di espressione e alla condivisione. Si parte con Philip Giordano e Manuele Fior

 

OPEN WOR(L)DS, un mondo di oggetti che raccontano storie di creatività, ispirazione e sostenibilità in esclusiva per laFeltrinelli (8) (1200x800)
OPEN WOR(L)DS, un mondo di oggetti che raccontano storie di creatività, ispirazione e sostenibilità in esclusiva per laFeltrinelli (8) (1200x800)

Una nuova linea di cartoleria customizzata dai più bei nomi dell’illustrazione italiana, dedicata alla scoperta, alla libertà di espressione e alla condivisione. Stiamo parlando della collezione Open Wor(l)ds, che è prima di tutto un modo di essere: coraggiosi, responsabili, distintivi, liberi, in piena sintonia con i valori di laFeltrinelli che ha deciso di incarnarli in quaderni, taccuini, mug, bottle e shopper firmati da grandi autori. A questo progetto, che al momento si compone di due collezioni, una dedicata al rispetto dell’ambiente e una seconda all’amore per la lettura, hanno, infatti, contribuito gli illustratori Philip Giordano e Manuele Fior. “Volevo suggerire l’idea che non siamo solo spettatori ma siamo noi stessi parte di ciò che osserviamo; enfatizzare che siamo tutti indissolubilmente collegati al pianeta che abitiamo e a tutte le creature che lo popolano”, spiega Giordano che ha realizzato una cover grafica caratterizzata da un pianeta vergine, popolato da animali e da una natura incontaminata, in cui l’uomo è parte integrante di ciò che osserva. “Siamo in viaggio dentro una bolla blu persa nel mistero dell’Universo e penso che sia nostro compito avere un ruolo attivo nella protezione e conservazione del nostro pianeta. Più che solo spettatori, siamo custodi del pianeta Terra”. La seconda collezione, invece, ha visto il fumettista e illustratore Manuele Fior interpretare i classici e i protagonisti dei grandi romanzi come Alice nel Paese delle Meraviglie di Lewis Carroll, Piccole Donne di Louisa May Alcott, Peter Pan di James Matthew Barrie e Sherlock Holmes di Arthur Conan Doyle, con il suo inconfondibile stile sintetico e al contempo dettagliato. “Nell’interpretare un personaggio classico ho cercato di guardarlo spogliandolo da tutte le sue interpretazioni precedenti, osservandolo come se si svelasse a me per la prima volta”, conclude Fior. “I grandi spazi negativi in bianco mi sono serviti a aiutare l’adattabilità del disegno ai vari oggetti della linea”. Ecco le immagini…

– Claudia Giraud

www.lafeltirnelli.it
www.IBS.it
www.Libraccio.it

 

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Claudia Giraud
Nata a Torino, è laureata in storia dell’arte contemporanea presso il Dams di Torino, con una tesi sulla contaminazione culturale nella produzione pittorica degli anni '50 di Piero Ruggeri. Giornalista pubblicista, iscritta all’Albo dal 2006, svolge attività giornalistica per testate multimediali e cartacee di settore. Dal 2011 fa parte dello Staff di Direzione di Artribune (www.artribune.com ), è Caporedattore Musica e cura, per il magazine cartaceo, la rubrica "Art Music" dedicata a tutti quei progetti dove il linguaggio musicale si interseca con quello delle arti visive. E’ stata Caporedattore Eventi presso Exibart (www.exibart.com). Ha maturato esperienze professionali nell'ambito della comunicazione (Ufficio stampa "Castello di Rivoli", "Palazzo Bricherasio", "Emanuela Bernascone") ed in particolare ha lavorato come addetto stampa presso la società di consulenza per l'arte contemporanea "Cantiere48" di Torino. Ha svolto attività di redazione quali coordinamento editoriale, realizzazione e relativa impaginazione degli articoli per l’agenzia di stampa specializzata in italiani all’estero “News Italia Press” di Torino. Ha scritto articoli e approfondimenti per diverse testate specializzate e non (SkyArte, Gambero Rosso, Art Weekly Report e Art Report di Monte dei Paschi di Siena, Exibart, Teknemedia, Graphicus, Espoarte, Corriere dell’Arte, La Piazza, Pagina).