Undicesimo comandamento: un silent book che ha molto da dire

Gli albi illustrati senza parole stanno ritagliandosi un posto sempre crescente nel mercato librario, dilagando dagli scaffali per l’infanzia a quelli per tutti i pubblici. Il volume di Davide Calì e Tommaso Carozzi ne è l’ultimo esempio

Davide Calì & Tommaso Carozzi – Undicesimo comandamento (Kite Edizioni, Padova 2022)
Davide Calì & Tommaso Carozzi – Undicesimo comandamento (Kite Edizioni, Padova 2022)

È assodato da tempo che viviamo immersi nella civiltà dell’immagine. L’esplosione – per quantità e qualità – del silent book ne è l’ennesima riprova, se pure ce ne fosse stato bisogno: non più solamente albi coloratissimi per bambini, ormai numerosi libri di grande formato illustrati anche in austero bianco e nero trovano estimatori tra chi l’infanzia se l’è lasciata dietro da tempo. Se hanno belle immagini, certo, perché no? È il caso di Undicesimo comandamento, scritto (si fa per dire: testo non ce n’è – ma idea e sceneggiatura in questi casi bastano) da una vecchia volpe dell’editoria illustrata internazionale, ossia Davide Calì, cinquantenne di natali svizzeri ma italiano di crescita e cultura e davvero globale quanto a carriera editoriale, avendo pubblicato, spesso in prima battuta, almeno in una dozzina di Paesi diversi; e messo in immagini da Tommaso Carozzi, artista (pittore, scultore, illustratore) veronese dotato di notevole tecnica figurativa, lui viceversa al proprio esordio librario.

Davide Calì & Tommaso Carozzi – Undicesimo comandamento (Kite Edizioni, Padova 2022)
Davide Calì & Tommaso Carozzi – Undicesimo comandamento (Kite Edizioni, Padova 2022)

IL SILENT BOOK DI CALÌ E CAROZZI

Undicesimo comandamento arriva infine in Italia dopo edizioni in Francia, Messico e Corea; non si può dire tradotto, e questo fa anche un po’ sorridere. Invece fa piuttosto meravigliare il risultato: si assiste a una fitta invasione di cetacei nel cielo di una grande città contemporanea. Pagina dopo pagina, tavole uniche o doppie trasportano il lettore in un panorama e in un’atmosfera tipicamente surreali (l’abitante dei mari levitante per l’aria è quasi un must dell’immaginario onirico), che vogliono rappresentare anche un accorato insegnamento morale e civile. Se diciamo che il comandamento aggiuntivo, svelato in conclusione, recita “Non sfidare la natura“, in realtà non roviniamo la festa, se poi di festa si potrà parlare. L’ecologico messaggio finale può anche non parere di assolutissima originalità, oggi; però decisamente degno d’ammirazione è il percorso visivo e spettacolare che fin lì ci conduce. E in tempi di figurazioni invasivamente sempre più policrome e sempre più digitali, l’incontro con una garbata realizzazione con tecnica tradizionale e in bianco e nero non può che risultare sorprendente e quanto mai gradita. Un bell’oggetto regalo, di buoni sentimenti, che piacerà a tutti.

Ferruccio Giromini

Davide Calì & Tommaso Carozzi – Undicesimo comandamento
Kite Edizioni, Padova 2022
Pagg. 44, € 18
ISBN 9788867451623
https://kiteedizioni.it/it/

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Ferruccio Giromini
Ferruccio Giromini (Genova 1954) è giornalista dal 1978. Critico e storico dell'immagine, ha esercitato attività di fotografo, illustratore, sceneggiatore, regista televisivo. Ha esposto sue opere in varie mostre e nel 1980 per la Biennale di Venezia. Consulente editoriale, ha diretto collane di libri, cd-rom, video, periodici per numerosi editori. Dal 1979 tiene docenze per istituzioni pubbliche e private, tra cui dal 1984 per il Politecnico G. Byron di Genova, dal 1988 per l'Istituto Europeo di Design di Milano e dal 2020 per l'Accademia Ligustica di Belle Arti di Genova. Finora ha curato e presentato oltre cinquecento esposizioni e manifestazioni su illustrazione, fumetto, fotografia, cinema d’animazione, arti visive contemporanee, in Italia e nel mondo, e ha fatto parte di oltre centocinquanta giurie, in molti casi in qualità di Presidente. A partire dal 1982 è stato consulente artistico di varie manifestazioni: il Premio Andersen-Baia delle Favole di Sestri Levante, il Festival Internazionale Comics "Babel" di Atene, il Festival Nuvole parlanti-Fumetto in palcoscenico di Genova, il Mondo Mare Festival in Liguria. Per alcuni anni ha condiviso la direzione della mostra internazionale di cinema d'animazione Cartoombria di Perugia. Dal 2007 è direttore artistico del Premio "Sergio Fedriani" di Genova; ha ideato e diretto in Liguria il Festival Fantastiche Terre di Portofino e a Camogli il Premio Skiaffino e la manifestazione Il Porto delle Storie. I suoi ultimi libri: “Res Pubica-De Occulta Lanugine” (Prisma Studio), “Très” (a2mani), “L’amo, la lettura” (Il Canneto).