Fantagraphic. Fumetti sotto l’ombrellone (IV)

Quarto appuntamento della nostra rubrica sui migliori fumetti di questa estate. Alex Urso vi propone altri cinque volumi da leggere in vacanza.

1. TRA MUSICA, TEATRO E DISEGNO

Francesco Di Bella, Luca Scornaienchi, Luca Ralli ‒ ‘O Diavolo (Round Robin, Roma 2019) _cover

Siamo a Roma. È la notte di Natale. Nella stanza 127 dell’Hotel Bellavista di Tor Bella Monaca, l’Ispettore Calabria è posto di fronte a Libero – artista di strada prima, e uomo di successo poi. Con l’aria di chi vorrebbe trovarsi altrove, il ragazzo risponde alle domande del poliziotto, esausto. Il racconto viaggia a ritroso; gli eventi vengono riportati a galla, delineando la storia di una strana compagnia di attori da cui tutto sembra avere inizio.
Tratto da ‘O Diavolo, l’ultimo album di Francesco Di Bella, il libro è il risultato dell’inedita collaborazione tra il cantautore ex leader dei 24 grana, Luca Scornaienchi, e Luca Ralli. Un fumetto tra la musica e il disegno che viaggia rapidissimo, e colpisce soprattutto per la bella capacità di sintesi delle sue tavole in bianco e nero.

Francesco Di Bella, Luca Scornaienchi, Luca Ralli ‒ ‘O Diavolo
Round Robin editrice, Roma 2019
Pagg. 112, € 18
ISBN  9788894953374
www.roundrobineditrice.it

2. UN TUFFO NEL FOLKLORE GIAPPONESE

Shigeru Mizuki – La guerra del riso e del ferro (Rizzoli Lizard, 2019)

Per gli appassionati di manga, il nome di Shiregu Mizuki rappresenta qualcosa non da poco: considerato uno dei mangaka più longevi e influenti di sempre, l’autore torna nelle librerie italiane con la pubblicazione della sua ultima opera – realizzata prima della morte nel 2015. Pubblicato da Rizzoli Lizard, il fumetto è l’acuta rivisitazione della storia dell’antica provincia giapponese di Izumo, le cui leggende hanno sempre lasciato intuire un passato ben più glorioso di quello attribuitole dagli storici.
Tutto comincia quando, sfogliando un quotidiano, Mizuki (che nel fumetto si auto-rappresenta da anziano) si imbatte in una curiosa scoperta archeologica: nei dintorni della città di Izumo sono stati rinvenuti degli antichi manufatti metallici. Da qui inizia questo viaggio nel tempo: una sequenza di tavole mozzafiato in cui si incontrano miti della tradizione nipponica, fantasia ed elementi di storia antica. Un tuffo (l’ultimo di Mizuki) nei misteri del folklore nipponico.

Shigeru Mizuki ‒ La guerra del riso e del ferro
Rizzoli Lizard, Milano 2019
Pagg. 270, € 22
ISBN  9788817102230
www.rizzolilibri.it

3. UN PIANETA, UN MOSTRO E NIENT’ALTRO

Maicol & Mirco – L’Arcanoide (Coconino Press, 2019)

 

Maicol & Mirco li conoscete. Sono quelli che si coniugano al plurale ma in realtà sono uno. Quelli che fanno fumetti blasfemi, e poi storie per bambini. Insomma, fumettisti sfuggenti. E se non fossero tali, che fumettisti sarebbero?!
L’ultimo libro dell’autore marchigiano (al secolo Michael Rocchetti) è la storia di un mostro solitario, perso nella sua misera condizione all’interno di un pianeta disabitato. Tutto qui: L’Arcanoide è il racconto di un mostro che fa i conti con la sua solitudine.
Un racconto puro, fatto di poche parole ma pieno di domande: qual è il valore dell’amicizia? Di cosa è fatto il rapporto tra individuo e comunità?

Maicol & Mirco ‒ L’Arcanoide
Coconino Press, Roma 2019
Pagg. 128, € 18
ISBN  9788876184451
www.fandangoeditore.it

4. TRA MEMORIA E DESIDERIO

Maurizio Lacavalla – Due attese (Edizioni DB, 2019)

Alcuni fumetti si leggono di botta, ed è subito amore. Di altri ne intuisci lo spessore, ma ne senti la distanza; allora lasci che la storia si sedimenti, fai un respiro, e poi decidi di tornarci sopra una seconda volta. Così è per Due Attese, esordio del giovane Maurizio Lacavalla: un racconto enigmatico e affascinante, sospeso tra memoria e desiderio.
Siamo a Barletta, agli sgoccioli della Seconda Guerra Mondiale. La signora Maria ha perso le tracce di suo marito Emilio, partito per il fronte e mai più tornato. Dopo aver chiesto aiuto a indovine ed ex-soldati, la donna viene a conoscenza di una serie di informazioni sull’uomo. I dettagli aumentano, i pezzi del puzzle si ricompongono: la storia di Emilio prende forma, cruda e difficile da concepire. Un libro forse non immediato, ma che di certo non lascerà indifferenti.

Maurizio Lacavalla ‒ Due Attese
Edizioni DB, Milano 2019
Pagg. 144, € 15
ISBN 9788832758061
www.edizionibd.it

5. UN NOIR TUTTO ITALIANO

Giuseppe Ferrandino e Ugolino Cossu – Zampino (Allagalla, 2019)

Negli Anni Settanta e Ottanta erano molti gli eroi noir pubblicati in Italia dalle riviste d’autore: alcuni più ironici, altri drammatici, ognuno con una caratteristica il più possibile unica e riconoscibile. Zampino, il protagonista ideato da Giuseppe Ferrandino e Ugolino Cossu, è stato certamente uno di quelli più fedeli al reale: serio, disincantato, ma soprattutto fortemente legato al suo contesto di provenienza – quello della città di Napoli.
Le sue storie, uscite tra il 1983 e il 1984 su Orient Express, sono oggi raccolte per la prima volta in un unico volume. Quattro episodi in cui l’ispettore partenopeo è costretto a districarsi tra storie di malavita e cronaca quotidiana, raccontati attraverso i dialoghi secchi e realistici di Ferrandino e il tratto asciutto di Cossu (che negli anni seguenti sarebbe diventato una delle firme più caratteristiche di Dylan Dog e Tex.). Un piccolo gioiello noir tutto italiano.

Giuseppe Ferrandino e Ugolino Cossu ‒ Zampino
Allagalla, Torino 2019
Pagg. 56, € 12
ISBN 9788899781569
www.allagalla.it

Alex Urso

Fantagraphic. Fumetti sotto l’ombrellone (I)
Fantagraphic. Fumetti sotto l’ombrellone (II)
Fantagraphic. Fumetti sotto l’ombrellone (III)

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Alex Urso
Artista e curatore. Diplomato in Pittura presso l'Accademia di Belle Arti di Brera. Laureato in Lettere Moderne presso le Università di Macerata e Bologna. Attualmente vive a Varsavia. I suoi interessi in ambito critico e curatoriale sono prevalentemente rivolti all'investigazione e alla concezione di punti di incontro tra artisti e istituzioni italiane e polacche. In questi anni Urso ha collaborato con spazi privati e pubblici, come la Galleria Nazionale di Varsavia – Zachęta e l'Istituto Italiano di Cultura di Varsavia. Nel 2017 è stato curatore della Biennale de La Biche. Dal 2014 scrive di arte per Artribune come corrispondente dalla Polonia. Dal 2013 al 2017 è stato redattore per Lobodilattice. Suoi articoli e testi critici sono apparsi su cataloghi e testate di settore nazionali e internazionali. Sempre per Artribune cura Fantagraphic, la rubrica di fumetti del sito.