Il fascino dell’underground. Al Ratatà Festival di Macerata

Dal centro sociale all’ambiente urbano, il festival Ratatà di Macerata ha coinvolto l’intera città in una grande rassegna dedicata alla grafica, ai fumetti e all’editoria. Nel segno dell’indipendenza. Perché la cultura non è solo mainstream.

Elzo Durt - Ratatà Festival – Macerata 2016 – photo Giovanni Vignetti
Elzo Durt - Ratatà Festival – Macerata 2016 – photo Giovanni Vignetti

UN FESTIVAL INDIPENDENTE
C’è sempre stata una cultura di tendenza che si è mossa nel sottosuolo tra locali underground e spazi autogestiti, quel tipo di cultura (arte, musica, spettacolo) scansata dal sistema come cultura minore, indegna del finanziamento pubblico, che è sopravvissuta e si è sviluppata attraverso l’autonomia economica e il libero scambio di idee e talento tra le persone.
Ora quegli artisti sono diventati “grandi”, e sono cresciuti insieme alla loro capacità di fare ricerca e sperimentazione, a volte fallendo, altre volte approdando a linee di ricerca che per temi e linguaggi stanno suscitando l’interesse (anche economico) di quel sistema che una volta li teneva in disparte. Entrati anch’essi nella società, non vogliono però rinunciare al metodo che è diventato il loro stile, e soprattutto non vogliono rinunciare alla propria indipendenza. Da questo sottosuolo artistico nasce il Festival Ratatà di Macerata che, coraggiosamente nato in una placida cittadina marchigiana dall’iniziativa del suo centro sociale, è arrivato alla terza edizione coinvolgendo tutta la città, “invasa”, dal 14 al 17 aprile, è negli spazi pubblici e privati da esposizioni, workshop, incontri, musica, murales, mercato di illustrazioni, fumetto ed editoria indipendente, coinvolgendo un pubblico molto ampio e diverso.

Igor Hofbauer - Ratatà Festival – Macerata 2016 – photo Giovanni Vignetti
Igor Hofbauer – Ratatà Festival – Macerata 2016 – photo Giovanni Vignetti

CREATIVITÀ NON DI MASSA
Cresciuto attraverso il crowdfunding e la capacità di fare rete con altre associazioni del territorio, il festival non solo ha portato a Macerata un pubblico da atmosfera internazionale, ma anche artisti e opere che non si erano mai visti in Italia, come la prima retrospettiva italiana di Igor Hofbauer, artista underground famoso per il suo contributo estetico al Club Močvara, storica sala concerti di Zagabria e al festival di editoria indipendente NOVO DOBA di Belgrado. O il serigrafo francese Blexbolex, le cui coloratissime opere sono edite da importanti case editrici e hanno vinto numerosi premi. O il fumettista e disegnatore italiano Riccardo Mannelli, collaboratore di La Repubblica e Il Fatto Quotidiano, o ancora Elzo Durt, responsabile della comunicazione grafica al Recyclart, la mecca della cultura underground di Bruxelles. Impossibile nominare tutti gli artisti coinvolti, rappresentativi di più generazioni e linguaggi: il festival lascerà il segno nell’immaginario e anche sui muri della città, con i murales di HitnesLui GigAndrea CasciuGeometric BangPatrizia Mastrapasqua, ampliando l’itinerario-galleria d’arte pubblica tracciato dal festival POP UP!, che oggi conta ventiquattro opere di artisti internazionali disseminate su tutto il territorio regionale.

Annalisa Filonzi

www.ratatafestival.com

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Annalisa Filonzi
Laurea in Lettere classiche a Bologna, torno nelle Marche dove mi occupo di comunicazione ed entro in contatto con il mondo dell'arte contemporanea, all'inizio come operatrice didattica e poi come assistente alla cura di numerose mostre per enti pubblici e privati del territorio. Dell'arte mi interessano soprattutto i nuovi linguaggi e gli artisti che si fanno portavoce e anticipatori delle emozioni del nostro tempo: video, fotografia, street art, contaminazioni di linguaggi. Nel 2007 fondo l’associazione culturale GLAZonART per la quale curo la mostra “VIDEOGLAZ Mario Sasso e l’immagine elettronica” presso il Museo d’Arte Moderna di Mosca. Ora insegno di ruolo Lettere negli istituti superiori, alternando l’attività didattica a quella di critica, principalmente per la rivista Artribune, e di curatrice indipendente, per la quale collaboro con gallerie e festival come l’Associazione AOCF58 di Roma, il festival Nottenera di Serra de’ Conti e altre realtà del territorio. Dal 2013 curo il progetto dello spazio espositivo USB Gallery a Jesi (AN), una homegallery a cui ho dato vita nella mia abitazione e che gestisco nello spirito di assoluta libertà, ricerca e incontro insieme agli artisti ospitati, per dare forma alla complessità e alla profondità dei nostri tempi che solo l’arte contemporanea può indagare.