A Milano la settima edizione di Sprint, salone su editoria indipendente e libro d’artista

La manifestazione, dedicata alla libreria La Pecora Elettrica di Roma, è a cura di Dafne Boggeri e si svolge nella sede di Spazio Maiocchi a Milano. Ecco tutte le novità

David Reinfurt, A*New* Program for Graphic Design
David Reinfurt, A*New* Program for Graphic Design

Torna a Milano Sprint,Independent Publishers and Artists’ Books Salon, ovvero il salone dedicato all’editoria indipendente e al libro d’artista, giunto quest’anno alla sua settima edizione. A raccontarcelo è l’artista Dafne Boggeri, alle redini insieme all’Associazione ‘O di questa esperienza ospitata nell’arco di due giornate dal 22 al 23 novembre, nella sede di Spazio Maiocchi. Il progetto sarà anticipato da un workshop dedicato alla stampa risografica, in collaborazione con la designer svizzera Eilan Friis-Lund e l’Archivio Primo Moroni, che si svolgerà il 16 e il 17 novembre. 90 i publisher in mostra, provenienti da tutto il mondo, alcuni peraltro per la prima volta a Milano. Tra questi, Cynthia Alfonso & Óscar Raña (Vigo, Spagna), Anthology Editions (New York), Boabooks (Ginevra), Cherimus (Perdaxius, Sardegna), Colorama (Berlin), Dale Zine (Miami), Day + Night (New York), Ddoogg (Vancouver), Dirty Looks (New York, Edition Fink (Zurigo), Editions Du Caïd (Tavier, Belgio), Elevator Teeth (San Diego), Entorse (Parigi), Everyedition (Zurigo), Ariel Finch (Londra), Flip Project (Napoli), I Apologize (Marsiglia), Jungle Books (St. Galle, Svizzera), KLD Retro (Copenhagen), Leebinsoyeon (Seoul), pantingo (Ghent/Madrid), Russian Independent Selfpublished (Mosca), Scarto di filoferro architetti (Firenze), Sib Sib Books (Los Angeles), trial publishing platform (Zurigo/Beijing), Vesper (Helsinki). 

Ginevra Dolcemare per Fuzao Studio
Ginevra Dolcemare per Fuzao Studio

LE MOSTRE

Non mancano le mostre: il festival infatti si apre da O’ con la personale di Devid Reinfurt. “David”, spiega la Boggeri, “Il suo lavoro è stato presentato e incluso nelle collezioni permanenti del Walker Art Center, Whitney Museum of American Art, Cooper Hewitt National Design Museum, e nel Museum of Modern Art. Durante l’opening avremo anche modo di assistere ad una lecture, in cui presenterà il suo ultimo libro A *New* Program for Graphic Design (pubblicato da Inventory Press, Los Angeles e Distributed Art Publishers, New York) – che dà il titolo alla mostra – e che sintetizza l’aspetto pragmatico e sperimentale dei modelli pedagogici, del modernismo alla fine del XX secolo, per trasmettere i principi avanzati del design contemporaneo ad un pubblico non specializzato, con anche brevi momenti di musica live generata da un sintetizzatore”.La sezione Screening ospiterà invece il video dell’artista ungherese Dóra Maurer (Budapest, 1937), Arányok / Proportionen / Proportions (1979) un’anteprima italiana in cui viene documentata una sequenza di azioni che mettono in relazione il corpo con un modulo di carta. Sempre a Spazio Maiocchi si svolgerà la rassegna Blade-Banner, “moduli di 1×1 m, stampati su seta, ‘pixel’ metaforico dell’immaginario dell’artista. Per questa edizione sono stati commissionati ad Alessandro Di Pietro, Tania Grace Knuckey, Viola Leddi, Petra Rocca, Matteo Rubbi, Giovanni Zanda. I banner vengono realizzati in due copie, una è donata all’autore/autrice mentre l’altra è conservata nell’Archivio di SPRINT e potrà diventare una mostra itinerante che presenterà l’intera collezione”.

Vera King
Vera King

A SOSTEGNO DE LA PECORA ELETTRICA

La settima manifestazione di SPRINT è dedicata alla libreria La Pecora Elettrica di Roma, situata nel quartiere Centocelle, data alle fiamme per la seconda volta da ignoti. “Rispetto a questi fatti di cronaca è fondamentale ricordare che la stessa libreria Calusca (da cui deriva l’Archivio Primo Moroni), negli anni ’90, ha subito la stessa violenza da estremisti di destra, prima che potesse inaugurare lo spazio occupato nel dazio di Porta Genova. Questi episodi drammatici ci portano a considerare quanto sia fondamentale sforzarsi di promuovere un pensiero intersezionale in ogni ambito, allora ed oggi”.Nato nel 2012 come evoluzione del 12esimo episodio del Full Moon Saloon, manifestazione interdisciplinare a cura proprio della Boggeri che si svolgeva in quell’anno ad ogni luna piena, SPRINT si configura fin da subito come evento no profit con accesso gratuito al pubblico. Gratuito è anche lo spazio per artisti e ed editori, in quello che è disegnato come un vero e proprio progetto d’artista, non concentrandosi “su un formato specifico ma abbracciando una pluralità di linguaggi, voci e strutture produttive in cui artisti ed editori hanno il totale controllo sui progetti, senza vincoli dettati dal mercato o per lo meno senza vincoli ‘stretti’ del mercato”. 

Santa Nastro

Venerdì 22 novembre: inaugurazione mostra: 18—22; talk 19
O’ Associazione Non Profit, Via Pastrengo, 12 Mi
A *New* Program For Graphic Design
David Reinfurt
La Mostra Rimane Visibile Dal 23 Al 24 novembre dalle  11—18
Entrata Libera

sabato 23—domenica 24 novembre,  13—21
Spazio Maiocchi, Via Maiocchi, 7 Mi
Artifact, Via Maiocchi, 5 Mi
Art Book Fair
Programma Collaterale: Talk, Screening, Performance, Display
Entrata Libera

sabato 23 novembre,  23—05
Time Club, Via Massarani, 6 Mi
— Fundraising Party a Cura Di Elamor + Tomboys Don’t Cry
Ingresso 5€

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Santa Nastro
Santa Nastro è nata a Napoli nel 1981. Laureata in Storia dell'Arte presso l'Università di Bologna con una tesi su Francesco Arcangeli, è critico d'arte, giornalista e comunicatore. Attualmente è membro dello staff di direzione di Artribune. È inoltre autore per il progetto arTVision – a live art channel, ufficio stampa per l’American Academy in Rome e Responsabile della Comunicazione della Fondazione Pino Pascali. Dal 2011 collabora con Demanio Marittimo.KM-278 diretto da Pippo Ciorra e Cristiana Colli, con Re_Place, Mu6, L’Aquila e con Arte in Centro. Dal 2006 al 2011 ha collaborato alla realizzazione del Festival dell'Arte Contemporanea di Faenza, diretto da Angela Vettese, Carlos Basualdo e Pier Luigi Sacco. Dal 2005 al 2011 ha collaborato con Exibart nelle sue versioni online e onpaper. Ha pubblicato per Maxim e Fashion Trend, mentre dal 2005 ad oggi ha pubblicato su Il Corriere della Sera, Arte, Alfabeta2, Il Giornale dell'Arte, minima et moralia e saggi testi critici su numerosi cataloghi e pubblicazioni.