The Big Draw. Il più grande festival del disegno al mondo

Fino al 14 ottobre 2018 l’Italia celebra l’arte del disegno. Tante le associazioni, gli enti, le scuole, i musei e le biblioteche che hanno aderito al Festival più esteso del mondo. E molti anche gli eventi dedicati al disegno, organizzati da Bolzano a Catanzaro in tutto lo Stivale, isole comprese. Ma come nasce l’idea di celebrare in una manifestazione la pratica del disegno?

Fabriano ABC Stamperia
Fabriano ABC Stamperia

The Big Draw non poteva che vedere la luce in Inghilterra (patria di istituzioni come la Drawing Room e di corsi sul disegno contemporaneo promossi dalla Royal Academy). Primi vagiti nel 2000, in forma di charity. Oggi il progetto raduna invece ogni anno 300.000 persone solo in territorio inglese. Il principio che lo muove è celebrare il disegno inteso come linguaggio universale di apprendimento, espressione e invenzione. Ma l’obiettivo resta, da parte degli organizzatori, di diffondere la manifestazione in tutto il mondo, dando vita ad una grande festa del segno, con migliaia di attività, per lo più gratuite, che connettono persone di tutte le età, con musei, artisti, spazi pubblici e privati.

IN ITALIA

In Italia la kermesse, sostenuta dalla famosa cartiera Fabriano, giunge solo nel 2015. Anche il 2018 vede ai nastri di partenza la città di Milano. In programma workshop, laboratori, talk e dimostrazioni gratuite e aperte al pubblico di ogni età insieme a tanti artisti e illustratori: Sandra Borszcz, Anna Bruder, Anusc Castiglioni, Dario Cestaro, Eleonora Cumer, Maurizio De Bellis, Angelo Gorlini, Piero Guerriero, Francesco Lucchese, Claude Marzotto, Daniela Moretto e Massimo Gonzato di SMED, Giulia Orecchia, Fabio Persico, Alessandro Sanna e Guido Scarabottolo.

DOVE, COME, QUANDO

A partire dalla seconda settimana di settembre si svolgeranno in contemporanea, in tantissime sedi e città italiane, decine di incontri, appuntamenti che prolungheranno fino alla prima settimana di ottobre i giorni di inaugurazione di The Big Draw, allestita a Castello Sforzesco di Milano. Ecco alcuni esempi, da verificare, di giorno in giorno sul sito. Durante il week end il calendario si infittisce anche se già il prossimo giovedì 20 settembre, ad esempio, si possono trovare, a pagamento e gratuiti, momenti di apprendimento: la lezione di Cerchi sul pelo dell’acqua, laboratorio di suminagashi che si terrà a Legnano (MI) dalle 21 alle 22.30 e Universalmente artisti, intervento aperto al pubblico a Codroipo (UD) presso SPAZIO7 dalle 17 alle 18.30. Sabato prossimo, scorrendo il palinsesto, dalle 10 alle 12.30 a Roma, presso il Casale Vigna Cardinali al Parco della Caffarella si potrà seguire un corso sull’uso creativo del taccuino, mentre a Bologna, sempre durante la mattina, dalle 10 alle 13, si potrà seguire la lezione Nel Segno di Morandi, presso il Laboratorio D’Arte di Silvia Bruzzi. Domenica 23 settembre sono stati organizzati, nell’ordine: Acquerello en plein air (Esperienza di pittura all’aperto con la tecnica dell’acquerello, a Longone al Segrino, in provincia di Como dalle 8.30 alle 13) e anche, fra gli altri, un corso di calligrafia Cancelleresca base a Firenze, dalle 9 alle 12.30).

FARE UN LIBRO D’ARTISTA

Si consiglia, il 30 settembre di prenotarsi – qualora ci si trovasse nei pressi di Venezia – per Fabri/Cando II, organizzato negli spazi della Scalamata gallery, nel Ghetto Vecchio a Cannaregio. Il laboratorio è mirato alla creazione di un libro d’artista partendo da un progetto grafico. La tecnica che verrà proposta per la creazione della parte grafica sarà la “kitchen litography” (o litografia casalinga), una tecnica di stampa totalmente atossica e con materiali di facile reperibilità (fogli di alluminio da cucina, colori a olio, coca cola – per mordere l’alluminio – e olio vegetale come detergente). Il 5 ottobre, invece, a Torino, l’incontro Disegnare con la luce, presso Imperfect Comunicazione, propone di disegnare e stampare con la luce con il metodo della cianotipia, per arrivare a risultati inaspettati.

Ginevra Bria

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Ginevra Bria
Ginevra Bria è critico d’arte e curatore di Isisuf – Istituto Internazionale di Studi sul Futurismo di Milano. È specializzata in arte contemporanea latinoamericana.