A Parigi una mappa della metro dedicata ai luoghi della cultura

Per incentivare le visite a musei e monumenti duramente provati dalle chiusure forate imposte dalla pandemia, il tweeter Lucas Destrem ha ideato una mappa della metropolitana e della RER.

Il Trianon, sala da ballo inaugurata nel 1807
Il Trianon, sala da ballo inaugurata nel 1807

Dal 3 marzo, per chi si muove a Parigi e dintorni utilizzando i mezzi pubblici, è consultabile una nuova mappa interamente dedicata all’identità culturale di Parigi. Sul nuovo strumento, la stazione Anversa diventa Trianon – Elysée-Montmartre, la stazione Château Rouge diventa Institut des Cultures d’Islam, così come la fermata RER Stade de France Saint-Denis diventa Académie Fratellini. Nomi noti e (almeno per i turisti)  meno noti, in città e in periferia, scelti fra musei, monumenti storici, biblioteche, teatri, caffè culturali e musicali, sale da concerto, laboratori artistici, centri socio-culturali, parchi di divertimento, istituzioni mediatiche, archivi, cinema, scuole d’arte, centri di ricerca.

Una parte della nuova mappa © Lucas Destrem
Una parte della nuova mappa © Lucas Destrem

DESTREM: LA CULTURA UN SETTORE STRATEGICO

Come spiega Destrem (che nella vita è responsabile per la valorizzazione del patrimonio industriale nella Terra dell’Arte e della Storia dei Pirenei catari), “l’obiettivo di questo piano è promuovere istituzioni, luoghi e soggetti culturali duramente colpiti dalla crisi sanitaria del Covid-19, sia nelle prospettive economiche sia negli aspetti psicologici. Vorrei inoltre promuovere la ricchezza del tessuto socio-culturale della città di Parigi, ma anche nella cintura periferica. per attirare l’attenzione sulla ricchezza e la diversità del tessuto socio-culturale e artistico della regione parigina”. La cultura rappresenta il 10% dei posti di lavoro nella regione dell’Île-de-France, ovvero più dei settori automobilistico, aeronautica e farmaceutico messi insieme, che rappresentano il 7% dell’occupazione.

PARIGI: LA GUIDA IN PDF

E buona parte di questi posti di lavoro si trovano a Parigi e nei suoi immediati dintorni. Per questo, su iniziativa di Enlarge your Paris e del centro creativo Les Magasins Généraux, è stata lanciata Grand Paris de la culture, una guida in PDF scaricabile gratuitamente, che contiene 35 indirizzi culturali, Dal Louvre alle sale cerimoniali del Palazzo di Versailles, passando per teatri e sale da concerto; luoghi purtroppo non ancora fruibili in maniera normale e continuata, ma che è importante continuare a visitare, anche se “a distanza”. Perché, come spiegano gli ideatori, dopo i confinamenti e le chiusure, tornerà il momento in cui i parigini potranno riprendere la vita normale, e tornare a frequentare quei luoghi che fanno parte del patrimonio storico e identitario della città e della regione.

– Niccolò Lucarelli

lucasdestrem.com

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Niccolò Lucarelli
Laureato in Studi Internazionali, è curatore, critico d’arte, di teatro e di jazz, e saggista di storia militare. Scrive su varie riviste di settore, cercando di fissare sulla pagina quella bellezza che, a ben guardare, ancora esiste nel mondo.