Abu Dhabi Art. Ecco i tre progetti outdoor ad Al Ain

0
134

Ammar Al Attar, Moataz Nasr e Imran Qureshi sono i tre artisti invitati dalla fiera Abu Dhabi Art per l’edizione 2018 del progetto “Beyond”, ovvero opere site specific concepite appositamente per l’evento e in mostra fino a metà gennaio. La città scelta quest’anno è Al Ain, culla del giovane Paese della penisola arabica.

Occorre spostarsi fin sul confine con l’Oman per andare a vedere i tre progetti site specific del programma Beyond della fiera Abu Dhabi Art, andata in scena lo scorso weekend. Progetti che restano visibili fino a metà gennaio e che sono collocati in altrettanti luoghi cardine della città di Al Ain, culla della civiltà araba e degli Emirati Arabi Uniti.

IMRAN QURESHI

Nell’oasi è di scena il pakistano Imran Qureshi, che è intervenuto in due degli appezzamenti gestiti dalle famiglie locali. In particolare, il lavoro si dispiega nei canali d’irrigazione, concepiti secondo l’antico sistema della cascata e fondamentali per la vegetazione in quest’aerea del pianeta.
Due interventi pittorici che si adattano alla differente conformazione delle rispettive aree, l’una più arida e l’altra più rigogliosa; due interventi che hanno diverse dominanti cromatiche: rosso e bianco nel primo caso, con decorazioni floreali che si mescolano a candidi spermatozoi; sui toni del blu nel secondo caso, con il pigmento che, a mo’ di dripping, è spruzzato anche sulle foglie più basse degli alberi di palma.

Abu Dhabi Art 2018 Beyond Imran Qureshi, Morning and night sang a due together for a long moment, 2018. Courtesy Galerie Thaddaeus Ropac. Photo Marco Enrico Giacomelli
Abu Dhabi Art 2018 Beyond Imran Qureshi, Morning and night sang a due together for a long moment, 2018. Courtesy Galerie Thaddaeus Ropac. Photo Marco Enrico Giacomelli

MOATAZ NASR

Qureshi è presente anche al Forte Jahil con una paradossale aiuola di rose nere sintetiche, in dialogo con la (im)possibilità della crescita vegetale in un’area desertica.
Al Forte la fa da padrona però l’opera dell’egiziano Moataz Nasr, di grande impatto visivo e sociale: un ampio circolo è infatti formato da decine di remi intrecciati fra loro, a costruire un Sole-barriera. E tuttavia, non di remi si tratta, bensì di pale per infornare il pane – strumento diffuso in tutta l’area mediterranea e oltre. Chiara dunque la voluta ambiguità messa in campo da Nasr: la migrazione, spesso drammatica, degli uomini via mare è accompagnata dalla migrazione di un elemento che ci accomuna tutti, rappresentato da uno strumento che serve per mettere in cottura il cibo fondamentale per le popolazioni mediterranee, uguale e diverso su ogni sua costa.

AMMAR AL ATTAR

Nell’originaria residenza del fondatore della patria Zayed, ora trasformata in museo, è infine collocata l’opera di Ammar Al Attar, una serie fotografica che a prima vista pare totalmente astratta e che invece, a uno sguardo più attento, si rivela essere costituita da particolari di manti animali che creano texture affascinanti e geometriche, con un rimando nemmeno poi così celato all’astrattismo geometrico della cultura araba tradizionale.

Marco Enrico Giacomelli

Dati correlati
AutoriImran Qureshi, Moataz Nasr
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Giornalista e dottore di ricerca in Estetica, ha studiato filosofia alle Università di Torino, Paris8 e Bologna. Ha collaborato all’"Abécédaire de Michel Foucault" (Mons-Paris 2004) e all’"Abécédaire de Jacques Derrida" (Mons-Paris 2007). Tra le sue pubblicazioni: "Ascendances et filiations foucaldiennes en Italie: l’operaïsme en perspective" (Paris 2004; trad. sp., Buenos Aires 2006; trad. it., Roma 2010), "Another Italian Anomaly? On Embedded Critics" (Trieste 2005), "La Nuovelle École Romaine" (Paris 2006), "Un filosofo tra patafisica e surrealismo. René Daumal dal Grand Jeu all'induismo" (Roma 2011), "Di tutto un pop. Un percorso fra arte e scrittura nell'opera di Mike Kelley" (Milano 2014), "Un regard sur l’art contemporain italien du XXIe siècle" (Paris 2016, con Arianna Testino). In qualità di traduttore, ha pubblicato testi di Deleuze, Revel, Augé e Bourriaud. Nel 2014 ha curato la mostra (al Museo della Scienza e della Tecnologia di Milano) e il libro (edito da Marsilio) "Achille Compagnoni. Oltre il K2". Nel 2018 ha curato la X edizione della Via del Sale in dieci paesi dell'Alta Langa e della Val Bormida. Ha tenuto seminari e lezioni in numerose istituzioni e università, fra le quali la Cattolica, lo IULM, l'Università Milano-Bicocca e l'Accademia di Brera di Milano, l’Alma Mater di Bologna, la LUISS di Roma, lo IUAV e Ca' Foscari di Venezia, l'Accademia Albertina di Torino. Redige (insieme a Massimiliano Tonelli) la sezione dedicata all'arte contemporanea del rapporto annuale "Io sono cultura" prodotto dalla Fondazione Symbola. Insegna Critical Writing alla NABA di Milano. È vicedirettore editoriale di Artribune e direttore responsabile di Artribune Magazine.