Dopo Banksy, Obey. Palazzo Ducale Genova riapre con un altro grande della street art. Le foto

La mostra di Genova presenta un viaggio nell’opera iconica di Shepard Fairey, che muove dai grandi protagonisti delle lotte civili e antirazziste per arrivare all’omaggio a infermieri e medici nei giorni del Covid-19

Dopo l’avventura espositiva di Banksy (tuttora in corso a Palazzo dei Diamanti di Ferrara dopo l’esperienza genovese), Palazzo Ducale di Genova ci riprova con un’imponente mostra dedicata a un altro grande della street art: Shepard Fairey, ossia Obey (Charleston, 1970). Saranno  numerose le opere esposte a partire dal 4 luglio, alcune iconiche come il famoso manifesto Hope in cui Obey raffigurò nel 2008 il futuro Presidente degli Stati Uniti Barak Obama e non ultima Angel of Hope and Strength, dove un’infermiera con ali celestiali e una fiaccola in mano, evoca gli eroi che hanno combattuto la pandemia, come ha fatto anche Banksy in Gran Bretagna. L’esposizione, a cura di Gianluca Marziani e Stefano Antonelli, prodotta e organizzata da MetaMorfosi in collaborazione con Palazzo Ducale Fondazione per la Cultura, propone così un viaggio nell’opera dell’artista americano, che muove dai grandi protagonisti delle lotte civili e antirazziste per arrivare all’omaggio a infermieri e medici nei giorni del Covid-19. Ecco le immagini in anteprima…

– Claudia Giraud

Evento correlato
Nome eventoObey fidelity. The art of Shepard Fairey
Vernissage04/07/2020 no
Duratadal 04/07/2020 al 01/11/2020
AutoreShepard Obey the Giant Fairey
CuratoriGianluca Marziani, Stefano Antonelli
Generipersonale, disegno e grafica, urban art
Spazio espositivoPALAZZO DUCALE DI GENOVA
IndirizzoPiazza Giacomo Matteotti 9 - Genova - Liguria
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Claudia Giraud
Nata a Torino, è laureata in storia dell’arte contemporanea presso il Dams di Torino, con una tesi sulla contaminazione culturale nella produzione pittorica degli anni '50 di Piero Ruggeri. Giornalista pubblicista, iscritta all’Albo dal 2006, svolge attività giornalistica per testate multimediali e cartacee di settore. Dal 2011 fa parte dello Staff di Direzione di Artribune (www.artribune.com ), è Caporedattore Musica e cura, per il magazine cartaceo, la rubrica "Art Music" dedicata a tutti quei progetti dove il linguaggio musicale si interseca con quello delle arti visive. E’ stata Caporedattore Eventi presso Exibart (www.exibart.com). Ha maturato esperienze professionali nell'ambito della comunicazione (Ufficio stampa "Castello di Rivoli", "Palazzo Bricherasio", "Emanuela Bernascone") ed in particolare ha lavorato come addetto stampa presso la società di consulenza per l'arte contemporanea "Cantiere48" di Torino. Ha svolto attività di redazione quali coordinamento editoriale, realizzazione e relativa impaginazione degli articoli per l’agenzia di stampa specializzata in italiani all’estero “News Italia Press” di Torino. Ha scritto articoli e approfondimenti per diverse testate specializzate e non (SkyArte, Gambero Rosso, Art Weekly Report e Art Report di Monte dei Paschi di Siena, Exibart, Teknemedia, Graphicus, Espoarte, Corriere dell’Arte, La Piazza, Pagina).