On The Road: il Calendario Pirelli 2022 firmato da Bryan Adams è rock e glam

Il cantautore canadese ha scelto un tema a lui caro per il calendario-anniversario di Pirelli, quello del tour: assieme a lui, compaiono grandi nomi della musica da Cher a Iggy Pop, da Rita Ora a Jennifer Hudson.

Tornare in tour: il Calendario Pirelli 2022 incarna il sogno della ripartenza, con la firma del cantautore e attivista canadese Bryan Adams (Kingstone, 1959). L’eclettico Adams, che suona da quando ha 15 anni, ha venduto 100 milioni di dischi e cantato O Sole Mio con Pavarotti, torna a stupirci con una serie di scatti che celebrano la vita delle pop e rockstar dietro le quinte. La lineup di artisti coinvolti è di altissimo livello: ci sono gli intramontabili Iggy Pop e Cher, le dive Jennifer Hudson e Rita Ora, la rapper Saweetie e l’alternativa Grimes, mentre la copertina-manifesto è tutta della cantante e musicista americana St. Vincent. “Quando stavamo scattando”, racconta Adams dalla sua camere d’albergo dove è in quarantena causa Covid, “io sapevo che St. Vincent doveva avere con sé una chitarra: è l’unica musicista del gruppo, insieme a Iggy. Ma ci stavamo fermando a quello. Per puro caso, però, io tenevo un plettro in tasca, e alla fine dello shooting mi è venuto in mente di proporle un ultimo scatto, iconico”. Così è nata la cover del nuovo The Cal, il più famoso calendario del mondo, che come un LP è contenuto quest’anno in una confezione quadrata. Il formato è speciale per un’annata speciale: il ritorno del Cal coincide infatti con il 150esimo anniversario della Pirelli, per la cui occasione l’ad e storico volto dell’azienda Marco Tronchetti Provera ha presentato un nuovo logo celebrativo.

LO SPIRITO DEL CALENDARIO PIRELLI 2022

Quale tematica migliore della strada, per celebrare la comune anima della musica live e di un brand di pneumatici? “È la cosa che conosco meglio, faccio questo lavoro da 45 anni, ed è ciò che Pirelli fa”, racconta Adams, che spiega come sia stato anche un omaggio nostalgico e apotropaico alla vita in tour: “Rappresenta anche ciò che non abbiamo potuto fare per due anni”. Le due location degli scatti dello Château Marmont di Los Angeles e di Capri rappresentano la vita da sogno delle star, esclusiva e luminosa. C’è una Jennifer Hudson in controluce, piena diva nel solco di Whitney Huston, una Saweetie in costiera, Iggy Pop ricoperto di argento – “un consiglio della costumista”, racconta il fotografo – e poi ancora Normani, Kali Uchis e Bohan Phoenix. Un inno alla musica nel senso più tradizionale del termine, quello di Adams, e a una vita sfaccettata: c’è, sì, il mondo del lusso, con tanto di piscine californiane e sogni mediterranei (il tocco qui è vintage), ma anche la solitudine della tournée: un tema affidato proprio a St. Vincent, che negli scatti guarda melanconicamente dalla finestra di una camera d’albergo. “Ci sono molti momenti di riflessione in tour, e si dorme male”, racconta ridendo la cantante, “ma è la cosa che ti manca di più: c’è lo show, ma anche un’idea di movimento a cui non potrei rinunciare, l’idea che ogni giorno accada qualcosa di emozionante e inaspettato. È ispirante”. La cantante ha appena concluso il suo tour autunnale che non esita a definire, dopo tanta attesa “il migliore di sempre”. Nonostante le attese dovute alla pandemia, che hanno allungato le tempistiche, tutti i soggetti sono rimasti con Adams: “Un onore, così come è un onore incredibile comparire insieme a grandissimi nomi della fotografia come Testino, Lindbergh, McCurry, Leibovitz e Weber”. Sono solo alcuni dei grandissimi fotografi che hanno scattato per il Calendario Pirelli. Oltre ad essere il fotografo, il cantautore è il soggetto dell’ultimo mese del calendario – “ci mancava una persona”, dice candidamente – e come se non bastasse ha scritto apposta, in un giorno, la canzone On The Road, che comparirà anche nel suo prossimo album. Per il futuro? “Ho visto i Maneskin, se vogliono collaborare, basta che chiamino”.

– Giulia Giaume

www.pirellicalendar.pirelli.com/it/home

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Giulia Giaume
Amante della cultura in ogni sua forma, è divoratrice di libri, spettacoli, mostre e balletti. Laureata in Lettere Moderne, con una tesi sul Furioso, e in Scienze Storiche, indirizzo di Storia Contemporanea, ha frequentato l'VIII edizione del master di giornalismo Walter Tobagi. Collabora con diverse riviste su temi culturali, diritti civili e tutto ciò che è manifestazione della cultura umana, semplicemente perché non può farne a meno.