Il lato buio di Istanbul nelle fotografie di Coşkun Aşar

La Fondazione Cassa di Risparmio di Jesi inaugura il 2021 con un importante accordo firmato insieme al Comune di Senigallia, ovvero un protocollo d’intesa in cui Senigallia città della fotografia si impegna a cedere per i prossimi cinque anni alla fondazione ‒ in deposito temporaneo ‒ alcuni nuclei di opere fotografiche appartenenti alla civica raccolta. Il protagonista del 2021 è il fotografo turco Coşkun Aşar e la sua “buia” Istanbul.

A partire con il piede giusto in questo anno pieno di speranze è la Fondazione Cassa di Risparmio di Jesi che, dopo l’accordo siglato con il Comune di Senigallia, apre le porte di Palazzo Bisaccioni ospitando una selezione di scatti della serie fotografica Blackout – The dark side of Istanbul del fotografo turco Coşkun Aşar, classe 1974, parte dell’omonima pubblicazione che racconta il lato oscuro della città turca. L’artista, che è cresciuto e ha studiato a Istanbul, si è avvicinato alla fotografia nel 1995, proprio mentre aveva intrapreso gli studi di cinema, partecipando per tre anni consecutivi – a partire dal 2002 ‒ al seminario World Press Photo, tenutosi in Turchia. Esplorando e sperimentando i diversi medium e lo storytelling fotografico, ha maturato un suo particolare sguardo, lo stesso che cattura storie di emarginazione, povertà e problematiche legate alla sfera gender, direttamente nel suo quartiere. A oggi, il fotografo turco è esponente della nuova Street Photography internazionale ed è già allievo di Ara Güler, maestro indiscusso della fotografia del Mediterraneo. Ma quale Istanbul si svela attraverso i suoi scatti? Qual è il lato oscuro che vuole mettere in luce?

Cosçun Aşar, Untitled from the series Blackout, 2010, archival pigment print su Hahnemuehle fine art barita 325g. Museo d'Arte Moderna dell'Informazione e della Fotografia, Senigallia
Cosçun Aşar, Untitled from the series Blackout, 2010, archival pigment print su Hahnemuehle fine art barita 325g. Museo d’Arte Moderna dell’Informazione e della Fotografia, Senigallia

LA MOSTRA di COŞKUN AŞAR

Coşkun Aşar con le sue fotografie racconta tante storie, compresa la sua, che negli ultimi vent’anni ha seguito e osservato nei sobborghi di Beyoglu, un quartiere che possiamo definire storico, nel cuore di Istanbul. Questa zona, nonostante sia abitata da individui socialmente esclusi e isolati durante il giorno, si anima nella notte, diventando totalmente viva e dinamica. Con questo interessante focus, l’artista non intende porre l’attenzione solo sulle condizioni estreme in cui questa fetta di popolazione vive, ma vuole far aprire lo sguardo, proprio come un obiettivo di una camera, spaziando verso il cambiamento sociale in atto, parallelamente a quello fisico della città, nonché sui processi di trasformazione e gentrificazione della stessa.
La sua bravura è stata anche quella di diventare amico di bambini, membri di gang, prostitute e comunità transgender, così da poter entrare in quel tessuto vitale lasciato in disparte, facendolo rivivere sia con i suoi scatti che nell’omonima pubblicazione. “Coşkun ha vissuto in tutte queste vite e ha condiviso la vita con loro lì dentro. […]” (Bruno le Dantec, 2017).

Valentina Muzi

ACQUISTA QUI il libro su Istanbul di Orhan Pamuk

Evento correlato
Nome eventoCoşkun Aşar - Blackout. The dark side of Istanbul
Vernissage10/02/2021 no
Duratadal 10/02/2021 al 30/11/2021
AutoreCoşkun Aşar
Generifotografia, personale
Spazio espositivoPALAZZO BISACCIONI
IndirizzoPiazza Colocci 4 - Jesi - Marche
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Valentina Muzi
Valentina Muzi (Roma, 1991) è diplomata in lingue presso il liceo G.V. Catullo, matura esperienze all’estero e si specializza in lingua francese e spagnola con corsi di approfondimento DELF e DELE. La passione per l’arte l’ha portata a iscriversi alla Facoltà di Studi Storico-Artistici dell’Università di Roma La Sapienza, laureandosi in Storia dell’Arte Contemporanea e svolgendo il tirocinio formativo presso il MLAC - Museo e Laboratorio di Arte Contemporanea dell’Ateneo, parallelamente ha frequentato un Executive Master in Management dei Beni Culturali presso la Business School del Sole24Ore di Roma. Dal 2016 svolge attività di PR, traduzione di cataloghi, stesura di testi critici e curatela indipendente. Dal 2017 svolge l’attività di giornalista di taglio critico e finanziario per riviste di settore. Attualmente è membro del Board Strategico presso l’Associazione culturale Arteprima noprofit, nella stessa ha svolto il ruolo di Social Media Manager ed è Responsabile organizzativa della piattaforma Arteprima Academy.