PhotoEspaña presenta per la prima volta a Madrid la collezione di Carla Sozzani

“Tra l’arte e la moda. Fotografie della collezione di Carla Sozzani” è la mostra organizzata da PhotoEspaña, il Festival Internazionale di Fotografia e Arti Visive di Madrid, ospitata fino al 10 gennaio 2021 nelle gallerie al quarto piano di CentroCentro. Il diario di una vita, tra arte, moda e fotografia d’arte.

MARIO DE BIASI Gli italiani si voltano, 1954 © Archivio Mario De Biasi
MARIO DE BIASI Gli italiani si voltano, 1954 © Archivio Mario De Biasi

Carla Sozzani (Mantova, 1947) è una personalità che in Italia non ha certo bisogno di presentazioni. In Spagna non tutti conoscono, invece, questa colta ed elegante signora milanese che, insieme alla compianta sorella Franca, ha contribuito in maniera determinante a promuovere la moda e il design nel mondo, non solo attraverso le testate giornalistiche del gruppo Vogue Italia. A Madrid si conosce poco anche Corso Como 10, il raffinato concept store d’alta gamma, pioniere in Italia, che Carla Sozzani ha aperto negli anni Novanta a Milano e che ospita anche la sua galleria d’arte, specializzata in fotografia.

ROGER BALLEN Portrait of Sleeping Girl, 2000 © Roger Ballen
ROGER BALLEN
Portrait of Sleeping Girl, 2000
© Roger Ballen

LA MOSTRA SU CARLA SOZZANI A MADRID

Si intitola Tra l’arte e la moda. Fotografie della collezione di Carla Sozzani l’esposizione organizzata da PhotoEspaña 2020, il Festival Internazionale di Fotografia e Arti Visive di Madrid, e allestita fino al 10 gennaio nelle gallerie al quarto piano di CentroCentro, centro culturale madrileno. Le sontuose architetture dell’edificio firmato da Antonio Palacios – sorto nel 1919 come ufficio centrale delle poste e oggi sede del Comune di Madrid – ospitano questa mostra “alla milanese”, semplice ma raffinata. Protagoniste sono 174 immagini di 96 fotografi, fra i nomi classici e più noti della storia della fotografia, esposte insieme a documenti d’archivio, inviti, cataloghi, articoli stampa, lettere e foto di inaugurazioni che raccontano la storia di Carla Sozzani e della sua passione per l’arte fotografica.

LILLIAN BASSMAN Dorian Leigh, for Harper’s Bazaar, April 1948 © The Estate of Lillian Bassman
LILLIAN BASSMAN
Dorian Leigh, for Harper’s Bazaar, April 1948
© The Estate of Lillian Bassman

LA MOSTRA SU CARLA SOZZANI A MADRID: UNA BIBLIOTECA DI SCATTI

Il criterio dell’allestimento non è né tematico né cronologico: si tratta perlopiù di immagini in bianco e nero, di piccolo e medio formato, accostate secondo l’ordine alfabetico dei loro autori, come i volumi di una qualunque biblioteca. Dalla A di Berenice Abbott alla W di Francesca Woodman e alla Y di Masao Yamamoto e Iwao Yamawaki, gli scatti si susseguono senza un nesso apparente. Spetta al pubblico osservarne i dettagli ed immergersi nei dialoghi inaspettati, spesso spontanei, che nascono dall’accostamento fra immagini degli ultimi anni e foto storiche, pose inedite di autori classici, bellissimi scatti vintage (anni Trenta, Quaranta e Cinquanta) e immagini di autentici pionieri dell’obbiettivo. L’opera più antica in mostra è la photogravure He Crow, datata 1907, di Edward Curtis, il fotografo degli indiani d’America; tra le acquisizioni più recenti, le immagini del giapponese Masahisa Fukase, dal Masahisa Fukase Archives. Leitmotiv dell’intera collezione – che la rende coerente ed omogenea – è la presenza costante del corpo nello spazio, del volto e della figura umana; un corpo, però, che non è sempre bellezza, non è necessariamente femminile e talvolta non è neppure al centro dell’immagine. La moda si riduce così a un puro pretesto per andare oltre la bellezza fotografica.

HIETT STEVE Cecilia Changellor, 1996
HIETT STEVE
Cecilia Changellor, 1996

LA MOSTRA SU CARLA SOZZANI A MADRID: DIARIO DI UNA VITA PER IMMAGINI

Carla Sozzani è cresciuta fin da bambina contornata dalla bellezza, grazie anche alla consuetudine familiare di frequentare mostre e musei, come racconta lei stessa nel video inviato a Madrid, in occasione dell’apertura della mostra. La sua collezione è una sorta di diario di una vita, fatto di incontri e di scambi fecondi con alcune delle personalità di spicco del mondo dell’arte, molte delle quali hanno collaborato con lei in ambito editoriale. Il suo approccio intimo, personalissimo alla fotografia nasce da una maniera di vedere il mondo e di intendere proprio la bellezza. Sono più di 2mila le foto che Carla Sozzani ha raccolto in oltre quarant’anni: la prima, firmata Irving Penn, la acquistò nel 1974; Helmut Newton invece le regalò l’ironico autoritratto davanti a L’origine del mondo di Courbet. Impossibile citare tutti i nomi degli artisti e fotografi presenti a Madrid: tra questi, David La Chapelle, Man Ray, Richard Avedon, Laszlo Moholy-Nagy, Alfred Stieglitz, Vivien Sussex, Cecil Beaton, Philip Halsman, e tra gli italiani Ferdinando Scianna, Mario De Biasi, Paolo Roversi, Gianni Berengo Gardin e Franco Fontana.

-Federica Lonati

Tra l’arte e la moda. Fotografie della collezione di Carla Sozzani
fino al 10 gennaio
CentroCentro, Madrid
www.centrocentro.org 
www.phe.es 

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Federica Lonati, nata a Milano nel 1967, diploma di Liceo classico a Varese, si è laureata nel 1992 in Lettere Moderne alla Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università Cattolica di Milano con una tesi dedicata all’opera lirica e alla sua riproducibilità audiovisiva (Comunicazioni Sociali). Giornalista professionista dal 1997, dai primi anni Novanta collabora con “La Prealpina”, quotidiano di Varese, scrivendo soprattutto di teatro, opera lirica e musica classica. Dal 1995 è assunta nella redazione di “Lombardia Oggi”, settimanale di attualità, spettacoli e tempo libero, allegato domenicale al quotidiano “La Prealpina”. Redattore ordinario fino all’agosto del 2005, si occupa delle pagine di arte, musica classica e attualità in generale. Dal settembre 2005 vive a Madrid. Dalla Spagna ha scritto articoli per “Libero”, “Qui Touring”,”Il Corriere del Ticino”, “Il Sole 24 Ore” e “Grazia”. Tra il 2008 e il 2011 ha collaborato con “Agrisole”, supplemento settimanale del “Sole 24 ore”, realizzando cronache e reportage dedicati all’economia agricola spagnola.