Da Capa a Newton, grandi fotografi a Torino. I musei della città fanno rete per i 5 anni di Camera

In occasione dei festeggiamenti dei primi 5 anni di vita del Centro Italiano per la Fotografia, i musei di Torino presentano grandi esposizioni in tema. Ecco 5 mostre da non perdere

In questi giorni a Torino è un boom di inaugurazioni di mostre di fotografia nei principali musei della città, segno della sua capacità di fare sistema anche (o soprattutto) in questi momenti di difficile convivenza con la pandemia. A fare da traino CAMERA – Centro Italiano per la Fotografia che festeggia i suoi primi cinque anni con un ricco programma di attività, in corso fino al 4 ottobre 2020. Tra un inedito Robert Capa a colori ai Musei Reali e la proroga della retrospettiva su Helmut Newton alla GAM, vediamo una selezione di esposizioni nel dettaglio…

-Claudia Giraud

1. MUSEI REALI – ROBERT CAPA A COLORI

Robert Capa_L’americana Judith Stanton, Zermatt, Svizzera_1949-50_Credits Robert Capa International Center of Photography Magnum Photos

Per la prima volta in Italia, nelle Sale Chiablese viene presentata una raccolta di oltre 150 immagini a colori di Robert Capa (Budapest, 1913–Tay Ninh, 1954), lettere personali e appunti dalle riviste su cui furono pubblicate. L’esposizione è nata da un progetto di Cynthia Young, curatrice della collezione al Centro Internazionale di Fotografia di New York, per illustrare il particolare approccio di Capa verso i nuovi mezzi fotografici e la sua straordinaria capacità di integrare l’uso del colore nei reportage realizzati tra il 1941 e il 1954, anno della morte.

Capa in Color
Fino al 31 gennaio 2021
Musei Reali, piazzetta Reale, 1 – Sale Chiablese
www.capaincolor.it

2. CAMERA – GIANNI BERENGO GARDIN

Mostra_Gianni Berengo Gardin_Laboratorio di Meccanica Olivetti, Ivrea

Curato da Margherita Naim e Giangavino Pazzola, il progetto espositivo evidenzia l’intensità del rapporto professionale tra Gianni Berengo Gardin (Santa Margherita Ligure, 1930) e l’azienda di Ivrea, attraverso un’accurata selezione pressoché inedita di oltre 70 fotografie d’epoca in bianco e nero, pubblicazioni e altri documenti d’archivio.

Gianni Berengo Gardin e la Olivetti
Fino al 15 novembre 2020
Project room Camera, via delle Rosine 18
www.camera.to

3. REGGIA DI VENARIA – PAOLO PELLEGRIN

Un’aquila di mare, il più grande uccello rapace della Norvegia, nei fiordi dell’arcipelago di Flatanger. Lauvsnes, Norvegia, 2019. ©Paolo Pellegrin Magnum Photos

Mostra antologica di Paolo Pellegrin (Roma, 1964), noto fotografo della storica agenzia Magnum Photos, su progetto di Germano Celant. Vincitore di numerosi premi internazionali, presenta nella sontuosa Reggia di Venaria oltre 200 fotografie che vanno dai conflitti armati che dilaniano il mondo, all’emergenza climatica. Con una sezione speciale ed inedita dedicata ad un racconto personale ed intimo: le fotografie realizzate in Svizzera con la propria famiglia durante il periodo della quarantena per il lockdown del coronavirus.

Paolo Pellegrin. Un’antologia
Fino al 31 gennaio 2021
Reggia di Venaria, Piazza della Repubblica 4 – Venaria Reale (TO)
https://www.lavenaria.it

4. GAM – HELMUT NEWTON

GAM Torino – NEWTON Preview – Ph. Perottino

Prorogata fino all’8 novembre – nella stessa data in cui terminerà l’esposizione dedicata alla nascita della fotografia non-oggettiva e informale in Italia – la mostra di Helmut Newton, prodotta da Civita Mostre e Musei con la collaborazione della Helmut Newton Foundation di Berlino. È a cura di Matthias Harder, direttore della fondazione tedesca, che ha selezionato 68 fotografie con lo scopo di presentare una panoramica, la più ampia possibile, della lunga carriera del grande fotografo che sin dagli inizi non ha mai smesso di stupire e far scalpore per i suoi concetti visivi veramente unici.

Helmut Newton – Works / Forma /Informe
Fino all’8 Novembre 2020
GAM – Galleria Civica d’Arte Moderna e Contemporanea di Torino, Via Magenta, 31
https://www.gamtorino.it

5. MEF MUSEO ETTORE FICO – MASSIMO VITALI

Massimo Vitali, Carcavelos Pier Paddle – 2016

La retrospettiva di Massimo Vitali (Como, 1944) – presentata dal Museo Ettore Fico in collaborazione con la galleria Mazzoleni con sedi a Londra e a Torino – si articola in circa 30 opere scelte in venticinque anni di produzione. Il percorso espositivo non scandito in ordine cronologico è, a tutti gli effetti, una sorta di mostra antologica.

Massimo Vitali – Costellazioni umane
Fino al 20 dicembre2020
MEF – Museo Ettore Fico, via Cigna, 114
www.museofico.it

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Claudia Giraud
Nata a Torino, è laureata in storia dell’arte contemporanea presso il Dams di Torino, con una tesi sulla contaminazione culturale nella produzione pittorica degli anni '50 di Piero Ruggeri. Giornalista pubblicista, iscritta all’Albo dal 2006, svolge attività giornalistica per testate multimediali e cartacee di settore. Dal 2011 fa parte dello Staff di Direzione di Artribune (www.artribune.com ), è Caporedattore Musica e cura, per il magazine cartaceo, la rubrica "Art Music" dedicata a tutti quei progetti dove il linguaggio musicale si interseca con quello delle arti visive. E’ stata Caporedattore Eventi presso Exibart (www.exibart.com). Ha maturato esperienze professionali nell'ambito della comunicazione (Ufficio stampa "Castello di Rivoli", "Palazzo Bricherasio", "Emanuela Bernascone") ed in particolare ha lavorato come addetto stampa presso la società di consulenza per l'arte contemporanea "Cantiere48" di Torino. Ha svolto attività di redazione quali coordinamento editoriale, realizzazione e relativa impaginazione degli articoli per l’agenzia di stampa specializzata in italiani all’estero “News Italia Press” di Torino. Ha scritto articoli e approfondimenti per diverse testate specializzate e non (SkyArte, Gambero Rosso, Art Weekly Report e Art Report di Monte dei Paschi di Siena, Exibart, Teknemedia, Graphicus, Espoarte, Corriere dell’Arte, La Piazza, Pagina).