Brendan Barry è un fotografo e insegnante inglese con una passione particolare: costruire macchine fotografiche usando oggetti non convenzionali: ciocchi di legno, costruzioni in lego, ananas e meloni. Per il suo ultimo progetto, la Shipping Container Camera, ha trasformato un container in un congegno gigante per scattare e sviluppare fotografie: “Non è solo una macchina fotografica, ma anche una camera oscura perfettamente funzionante. In pratica è la Polaroid più grande, più lenta e più scomoda del mondo”, commenta Barry, che si è fermato diverse settimane a Exeter, nel Regno Unito, per testare il meccanismo e condurre dei workshop con gli abitanti del posto. Nella fase finale, il container si è trasformato anche in uno spazio espositivo per accogliere tutti gli scatti realizzati.

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Artribune è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata all’arte e alla cultura contemporanea, nata nel 2011 grazie all’esperienza decennale nel campo dell’editoria, del giornalismo e delle nuove tecnologie.