Lo sguardo complice. Maria Mulas a Roma

Howtan Space, Roma – fino al 10 novembre 2018. Maria Mulas offre sguardi in stato di grazia che superano il momento unico e decisivo per la buona riuscita della foto. L’evidente complicità evoca continuazioni di serate, parole e momenti euforici. Condivisione di quotidianità elitaria, complicità eterna a disposizione degli altri.

Maria Mulas (Manerba sul Garda, 1935) scatta, comprende e invita a condividere la sua intimità, le amicizie gloriose. In osservazione dalle pareti c’è una galleria mitica di ritratti, ricostruzione politeistica del mondo artistico in dialogo continuo con chi osserva. Nessuno è assente, la partecipazione è totale. Sicurezza quotidiana negli scatti rubati e presenza accondiscendente in ritratti posati. Immortali e appagati, occhi all’obiettivo, i miti ritratti osservavano la fotografa e ci osservano. Si offrono generosamente, mai distanti, con attributi caratterizzanti da divinità greche. Dario Fo ha gli occhi puntati su Milano, Carla Accardi sorride allo specchietto da borsa, Warhol formale in parrucca rosa, Jeff Koons ha… Ilona Staller. Non c’è vita scolorita e pallida, ma l’incontrastabile potenza degli sguardi, volti iconici con il dono dell’empatia.

Raffaele Orlando

Evento correlato
Nome eventoMaria Mulas
Vernissage27/09/2018 ore 18,30
Duratadal 27/09/2018 al 10/11/2018
AutoreMaria Mulas
CuratoreBarbara Martusciello
Generifotografia, personale
Spazio espositivoHOWTAN SPACE
IndirizzoVia dell’Arco de’ Ginnasi, 5 - 00186 - Roma - Lazio
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Raffaele Orlando
Raffaele Orlando è nato a Benevento nel 1986. Sannita con influenze magnogreche maturate a Napoli durante gli anni di studio, archeologo con interessi per la museologia e la scrittura creativa. Ha svolto attività di progettazione mostre e percorsi museali alla Reggia di Caserta grazie al bando MiBACT “150 giovani per la cultura”. Oggi vive e lavora a Roma con l'obiettivo di ricostruire aspetti della vita quotidiana in antico e nella contemporaneità.