Elisabetta Catalano in mostra a Mosca, a due anni dalla sua scomparsa. Una preziosa testimonianza

Tutte le immagini della mostra al Multimedia Art Museum di Mosca, a due anni dalla scomparsa della famosa fotografa. 120 le opere scattate tra il 1964 e il 2004. Ecco le immagini.

Elisabetta Catalano - Foto Salvatore Piermarini
Elisabetta Catalano - Foto Salvatore Piermarini

Fino al 16 luglio 2017 il MAMM, il Multimedia Art Museum di Mosca, collegato alla Rodchenko School presenta Precious Testimony, una mostra che celebra la fotografa italiana Elisabetta Catalano (1941-2015), a due anni dalla sua scomparsa. Il progetto moscovita, a cura di Laura Cherubini, nasce nel contesto della X Moscow International Biennale of Fashion and Style.
120 sono gli scatti in mostra, datati tra il 1964 e il 2004, tra cui foto di shooting da film di culto, prove di importanti produzioni teatrali, performance e molto altro ancora. L’aspetto “sociale” della vita e dell’opera di Catalano assume un ruolo fondamentale: la mostra racconta infatti la sua frequentazione, professionale con personaggi e poetiche del calibro di Pier Paolo Pasolini, Federico Felliini, Rudolf Nureyev, Philip Glass, per citarne solo alcuni. La fotografa apre il suo studio a Roma negli anni ’70 e comincia una strabiliante carriera, lavorando per le più influenti riviste come Vogue, Il Mondo, L’Espresso. Incrocia inoltre diversi artisti con i quali comincia una importante collaborazione: tra questi Gilbert & George, Joseph Beuys, Mario Schifano, Tano Festa, Joseph Kosuth, Francesco Clemente, Franco Angeli, Carla Accardi, Mario Merz, Mimmo Rotella, Jannis Kounellis, Alighiero Boetti, Michelangelo Pistoletto, Vettor Pisani. Ecco tutte le immagini della mostra.

Santa Nastro

Elisabetta Catalano, Precious Testimony
Fino al 16 luglio 2017
MAMM, Multimedia Art Museum MoscowOstozhenka St. 16, Mosca

http://www.mamm-mdf.ru/

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Santa Nastro
Santa Nastro è nata a Napoli nel 1981. Laureata in Storia dell'Arte presso l'Università di Bologna con una tesi su Francesco Arcangeli, è critico d'arte, giornalista e comunicatore. Attualmente è membro dello staff di direzione di Artribune. È inoltre autore per il progetto arTVision – a live art channel, ufficio stampa per l’American Academy in Rome e Responsabile della Comunicazione della Fondazione Pino Pascali. Dal 2011 collabora con Demanio Marittimo.KM-278 diretto da Pippo Ciorra e Cristiana Colli, con Re_Place, Mu6, L’Aquila e con Arte in Centro. Dal 2006 al 2011 ha collaborato alla realizzazione del Festival dell'Arte Contemporanea di Faenza, diretto da Angela Vettese, Carlos Basualdo e Pier Luigi Sacco. Dal 2005 al 2011 ha collaborato con Exibart nelle sue versioni online e onpaper. Ha pubblicato per Maxim e Fashion Trend, mentre dal 2005 ad oggi ha pubblicato su Il Corriere della Sera, Arte, Alfabeta2, Il Giornale dell'Arte, minima et moralia e saggi testi critici su numerosi cataloghi e pubblicazioni.