Affrontare la paura guardando in faccia la realtà, anche quella più dolorosa: è l’invito rivolto da Artur Żmijewski agli spettatori della sua mostra allestita al PAC di Milano. È la prima personale in Italia

Il PAC di Milano accoglie la mostra Quando la paura mangia l’anima, prima personale in Italia di Artur Żmijewski (Varsavia, 1966), artista di punta della scena polacca – nel 2012 ha curato la settima edizione della Biennale d’Arte Contemporanea di Berlino. L’esposizione esplora con assoluta veridicità le nefandezze e la meschinità che si celano nella parte più maligna del genere umano, indagando aspetti oscuri dell’animo, tra violenze e paure.

Artur Żmijewski, Autoritratto. Courtesy l’artista
Artur Żmijewski, Autoritratto. Courtesy l’artista

LA MOSTRA DI ARTUR ŻMIJEWSKI A MILANO

“La paura mangia l’anima”, espressione usata da arabi e nordafricani per descrivere la loro condizione di immigrati e di paura perenne, dà un efficace input su ciò che l’esposizione vuole raccontarci. La mostra presenta alcuni lavori storici e recenti, incluse tre opere pensate per questo progetto milanese e prodotte dal PAC, come il film ispirato al cinema scientifico del neurologo Vincenzo Neri e la serie fotografica Refugees/Cardboards, un murale in bianco e nero dove emergono dall’oscurità figure di profughi che, attraverso la loro immagine, mettono in luce la sofferenza subita quotidianamente. Un riferimento ai tanti rifugiati al confine polacco-bielorusso durante l’estate e l’autunno 2021 e che evocano l’attuale situazione in Ucraina. Le opere esposte danno forma a un viaggio attraverso racconti dolorosi altrimenti destinati all’oblio. Una lotta dell’uomo contro l’uomo in un’esistenza consumata dalla paura. Ticchettii di scalpellini e canzoni ci accompagnano per tutto l’esposizione e si amalgamano alla perfezione con le altre opere esposte. La mostra è un grido silenzioso verso le nefandezze del genere umano e un richiamo all’umanità perduta. Żmijewski riesce a far immedesimare lo spettatore nei panni del cosiddetto “diverso”, generando sensazioni di angoscia, reclusione, estraneità, alienazione. Il senso di paura è la chiave interpretativa della mostra. Paura che tocca temi come immigrazione, malattia mentale, ignoto, controllo sociale.

CORPI, GESTI E POLITICA NELLE OPERE DI ŻMIJEWSKI

Nell’opera An Eye For An Eye, Żmijewski, attraverso la nudità di quattro corpi imperfetti, mostra la bellezza degli stessi e la rivendicazione estetica della loro esistenza. Corpi mutilati che, grazie a uno sguardo più puro e reale, risultano perfetti. Altra opera di grande impatto è Political Gestures, dove è evidenziata la gestualità del potere politico dittatoriale. Fotografie ispirate all’iconografia della propaganda hitleriana, in particolare agli scatti realizzati da Heinrich Hoffman, fotografo ufficiale dell’ex dittatore nazista, dove Hitler appariva, grazie alle espressioni facciali e alla mimica studiata, sicuro e minaccioso. Nell’opera i suoi soggetti crescono d’intensità fino ad arrivare a un picco centrale in cui il volto risulta mostruoso. Żmijewski mostra come alcuni governanti utilizzano la democrazia per elevarsi a un livello più alto al fine di mantenere il potere: questi personaggi sono davanti ai nostri occhi ogni giorno, per vederli basta far cadere il velo di paura e di terrore che abbiamo eretto cosi da arrivare a capire chi sono i veri nemici.

‒ Giada Fanelli

Eventi d'arte in corso a Milano

Evento correlato
Nome eventoArtur Zmijewski - Quando la paura mangia l’anima
Vernissage28/03/2022 ore 11.30 su invito
Duratadal 28/03/2022 al 12/06/2022
AutoreArtur Żmijewski
CuratoreDiego Sileo
Generiarte contemporanea, personale
Spazio espositivoPAC - PADIGLIONE D'ARTE CONTEMPORANEA
IndirizzoVia Palestro 14 - Milano - Lombardia
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Giada Fanelli
Giada Fanelli è nata a Lucca ma ha sempre vissuto a Empoli. Si è diplomata al Liceo Artistico ”Leon Battista Alberti” di Firenze e in seguito ha conseguito la laurea in interior design al Design Campus di Firenze. Ha seguito vari studi di formazione, tra cui: corso di teatro a Empoli, corso di ceramica a Firenze, corso di fotografia a Firenze, corso di grafica a Bologna. Ha collaborato per l’allestimento e l’attività di segretariato con alcuni musei tra Firenze e Lucca. Ha collaborato con altre testare giornalistiche, sempre inerenti l’arte. Ama viaggiare, anche da sola, e mescolarsi alle usanze del luogo. Affascinata dall’arte in tutte le sue forme.