Dipingere l’anima. Rosario Vicidomini in mostra a Roma

Un corpus di intensi dipinti, un artista in fase di rapida evoluzione. Ai pezzi centrati sull’indagine tridimensionale vengono affiancate due tele di impostazione differente nella mostra allestita presso lo Spazio Curva Pura.

S’intitola Fino ad ora il bel volume che accompagna Rosario Vicidomini (Salerno, 1986) in questa sua personale romana. Il titolo è azzeccatissimo. In effetti l’artista è in fase di rapida evoluzione, verosimilmente in un momento cruciale del suo percorso.
Di lui si ricordano in particolare dei dipinti in cui ritraeva ciottoli, isolandoli e indagandone liricamente la volumetria. Qui Vicidomini si direziona altrove: vuole dipingere senza filtri l’anima (il volto soprattutto) e i suoi sommovimenti. Lo fa con intensità. Solo che, un po’ a sorpresa, i pezzi più felici e meno masticati sono quelli in cui viene meno la propensione per l’indagine tridimensionale. Due tele in cui Vicidomini, orientandosi verso un’inattesa bidimensionalità, sembra guardare a Matisse, invece che a Cézanne e a Jenny Saville.
Una sorta di enantiodromia, di “corsa all’opposto” che, viste le premesse, potrebbe portarlo in tempi brevi a risultati ragguardevoli.

Pericle Guaglianone

Eventi d'arte in corso a Roma

Evento correlato
Nome eventoRosario Vicidomini - Minacce di morte al cane unicorno
Vernissage10/06/2021 ore 18,30
Duratadal 10/06/2021 al 10/09/2021
AutoreRosario Vicidomini
CuratoreNicoletta Provenzano
Generiarte contemporanea, personale
Spazio espositivoSPAZIO CURVA PURA
Indirizzovia Giuseppe Acerbi, 1/a - Roma - Lazio
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Pericle Guaglianone
Pericle Guaglianone è nato a Roma negli anni ’70. Da bambino riusciva a riconoscere tutte le automobili dalla forma dei fanali accesi la notte. Gli piacevano tanto anche gli atlanti, li studiava ore e ore. Le bandiere erano un’altra sua passione. Ha una laurea in storia dell’arte (versante arte contemporanea) ma è convinto che nessuna immagine sia paragonabile per bellezza a una carta geografica. Da qualche anno scrive appunto di arte contemporanea e ha curato delle mostre. Ha un blog di musica ma è un pretesto per ingrandire copertine di dischi. Appena può si fionda in qualche isola greca. Ne avrà visitate una trentina.