Beirut ieri e oggi. Le due mostre di Studio la Città a Verona

La galleria Studio la Città di Verona rende omaggio a Beirut con un bis di mostre. Accostando pratiche artistiche contemporanee e la fotografia di Gabriele Basilico.

La mostra collettiva I am one acquainted with the night e la retrospettiva Omaggio a Gabriele Basilico costituiscono un’unità armonicamente connessa e un sentito tributo storico-artistico alla città di Beirut da parte della galleria Studio la Città, in collaborazione con la galleria Tanit di Beirut e la gallerista Naila Kettaneh Kunigk.
La connessione fra i due eventi espositivi traccia un parallelo ideale fra la guerra civile del 1975-1991, la successiva guerra breve, o “guerra del Libano” del 2006, conflitto durato soltanto 34 giorni, e il disastro causato dall’esplosione al porto di Beirut del 2020. Evento accidentale quest’ultimo, provocato dall’incendio di un container che ospitava materiale combustibile, ma in grado di lasciare nel popolo libanese la sensazione di un destino ineluttabile.

15 ARTISTI E IL LIBANO

Gli artisti riuniti dalla collettiva, attraverso lavori che ritraggono atmosfere cupe, in toni drammatici ma soprattutto disincantati, disegnano il corpo martoriato di una terra perennemente in lotta, luogo di confine e teatro di migrazioni, contrasti d’interesse e inconciliabili diversità. Le opere di Adel Abidin, Shirin Abu Shaqra, Sadik Kwaish Alfraji, Abed Al Kadiri, Nadim Asfar, Jean Boghossian, Roy Dib, Simone Fattal, Chafa Ghaddar, Gilbert Hage, Rania Matar, Randa Mirza, Kevork Mourad, Ghassan Zard, Cynthia Zaven lasciano però emergere la consapevolezza della luce, che pur dal buio ha origine, essendo quest’ultimo mescolanza e unione di tutti i colori dello spettro, e che pur da esso è destinata a rinascere.
Il concetto è perfettamente esemplificato dall’intervento di Abed Al Kadiri, appartenente alla serie Nyctophilia, esposta alla galleria Tanit proprio durante il terribile incidente dell’agosto scorso, che causò la distruzione della galleria, recentemente ricostruita.

Shirin Abu Shaqra, Conversations with Changes, 2010. Video di animazione, 12 min. Courtesy Studio la Città – VeronaGABRIELE BASILICO E IL VOLTO SFIGURATO DI BEIRUT

Gabriele Basilico si reca quattro volte a Beirut: nel 1991, su incarico della Fondazione Hariri, con altri cinque fotografi internazionali, per documentare il centro della città in rovina dopo la fine della guerra, e successivamente nel 2003, 2008 e 2011, quando ritrarrà l’alienazione dei luoghi riedificati, che hanno smarrito completamente la loro sembianza originaria e stratificazione storica. Il suo sguardo oggettivo e volutamente imparziale accarezza le superfici sventrate delle case, la ramificazione deserta delle vie ormai spopolate, permettendo a esse di parlare e di raccontarsi, esprimendo appieno la propria sofferenza.
Dalla prima spedizione, dai suoi appunti di viaggio, Tanino Musso, inviato RAI al seguito di Basilico, trarrà il cortometraggio Beyrouth Centre Ville, proiettato anch’esso in mostra, a testimonianza dello spirito della missione.

Maria Palladino

Evento correlato
Nome eventoI am one acquainted with the night / Omaggio a Gabriele Basilico
Vernissage05/06/2021 dalle 10:30 alle 13 e dalle 15 alle 17:30 su prenotazione
Duratadal 05/06/2021 al 25/09/2021
AutoreGabriele Basilico
Generifotografia, arte contemporanea, personale, collettiva
Spazio espositivoSTUDIO LA CITTA'
IndirizzoLungadige Galtarossa 21 - Verona - Veneto
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Maria Palladino
Maria Palladino, curatrice di eventi artistici e critico d’arte, si occupa dell’organizzazione di mostre d’arte contemporanea, dal progetto espositivo all’allestimento, presentazione, comunicazione e ufficio stampa dal 2003, operando con associazioni artistiche e nel contesto di gallerie e spazi istituzionali a Padova, dove risiede attualmente, e in tutta Italia. Quale curatrice della Fondazione Arte Contemporanea – presidente lo storico, critico d’arte e curatore Giorgio Grasso – contribuisce alla realizzazione di numerosi eventi nel territorio Italiano, nel contesto di prestigiose manifestazioni culturali come la Biennale Internazionale d’Arte di Venezia. In collaborazione con lo storico, critico d’arte e curatore Giancarlo Bonomo dà vita a eventi artistici in spazi espositivi privati e pubblici nazionali. La passione per la scrittura costituisce una naturale inclinazione e una componente sostanziale del suo lavoro.