Apre per la prima volta al pubblico il Labirinto Borges sull’Isola di San Giorgio a Venezia

Realizzato dalla Fondazione Giorgio Cini per volontà di Maria Kodama, vedova di Borges, il Labirinto ispirato al racconto dello scrittore argentino “Il giardino dei sentieri che si biforcano” aprirà finalmente al pubblico. Intanto ve lo mostriamo. Anche in video

Labirinto Borges, ph. Matteo De Fina, Courtesy of Fondazione Cini
Labirinto Borges, ph. Matteo De Fina, Courtesy of Fondazione Cini

È tra i luoghi più affascinanti di Venezia, sull’Isola di San Giorgio, dedicato a uno degli scrittori e poeti più influenti del Novecento: si tratta del Labirinto Borges, realizzato nel 2011 dalla Fondazione Giorgio Cini su progetto dell’architetto inglese Randoll Coate, un omaggio a Jorge Luis Borges e in particolare a una sua opera, Il giardino dei sentieri che si biforcano. Il labirinto, realizzato per volere della vedova di Borges Maria Kodama, finora è stato fruibile solo dall’alto, dal terrazzo del Centro Branca, da cui è possibile scorgere, tra le oltre 3200 piante di bosso alte novanta centimetri, una serie di simboli che richiamano le opere di Borges: un bastone, gli specchi, due clessidre, un enorme punto di domanda, la tigre, il nome Jorge Luis e le iniziali di Maria Kodama, con siepi disposte in modo da formare il nome Borges. Un luogo, questo, in cui finalmente sarà possibile immergersi, perdersi, disorientarsi e ritrovarsi: dal prossimo 11 giugno infatti il Labirinto aprirà per la prima volta al pubblico, un’occasione speciale per celebrare il decennale della sua creazione, i 35 anni dalla scomparsa di Borges e i 70 anni della Fondazione Giorgio Cini. Con un progetto speciale: sarà possibile visitare il Labirinto accompagnati dalle musiche appositamente composte da Antonio Fresa, eseguite e registrate con l’Orchestra del Teatro La Fenice.

IL LABIRINTO BORGES A VENEZIA

“Per me questo è un progetto meraviglioso, è un regalo magico che mi fece, dopo la morte di Borges, Randoll Coate, un architetto inglese di labirinti che ha conosciuto Borges molti anni fa in Argentina”, mamairacconta così Maria Kodama la nascita del Labirinto Borges. “Questo labirinto che si è fatto qui a Venezia, perché Venezia era una delle città più amate o tra le più amate da Borges, è una città labirinto, è una città unica di una delicatezza e una complessità sottili e meravigliosa, con una storia altrettanto meravigliosa”. Venezia quindi è la città che, per sua natura, è stata deputata ad accogliere un’opera dedicata a Borges, in qualche modo vicina allo stile e all’opera dell’autore argentino: non a caso Randoll Coate ha scelto di omaggiare, con il suo Labirinto,Il giardino dei sentieri che si biforcano, racconto del 1941 ambientato durante la Prima Guerra Mondiale che si sviluppa come un enigma il cui mistero, proprio sotto forma di simboli e di un labirinto, viene svelato solo alla fine.“Il giardino dei sentieri che si biforcano è un enorme indovinello, o parabola, il cui tema è il tempo: è questa causa recondita a vietare la menzione del suo nome”, scrive Borges ne Il giardino dei sentieri che si biforcano“Omettere sempre una parola, ricorrere a metafore inette e a perifrasi evidenti, è forse il modo più enfatico di indicarla. È il modo tortuoso che preferì, in ciascun meandro del suo infaticabile romanzo, l’obliquo Ts’ui Pen”.

Labirinto Borges, ph. Matteo De Fina, Courtesy of Fondazione Cini
Labirinto Borges, ph. Matteo De Fina, Courtesy of Fondazione Cini

LA VISITA AL LABIRINTO BORGES A VENEZIA

Il Labirinto potrà essere visitato tutti i giorni tranne il mercoledì, e per accedervi sarà necessario prenotare la visita sul sito web www.visitcini.com. Il pubblico potrà percorrere il Labirinto facendosi accompagnare, attraverso le audioguide, dalla suite di oltre 15 minuti appositamente composta da Antonio Fresa,Walking The Labyrinth, facente parte dell’album di prossima uscita THE BORGES LABYRINTH & VATICAN CHAPELS LIVE, A SOUNDTRACK EXPERIENCE, che contiene anche i brani composti da Fresa in occasione della riapertura delle Vatican Chapels. Il progetto rientra nell’ambito delle attività di valorizzazione ideate da Ilaria D’Uva che, con la sua azienda D’Uva, gestisce le attività di accoglienza e le visite guidate alla Fondazione Giorgio Cini, al bosco con le Vatican Chapels e al Labirinto, oltre a essere responsabile del San Giorgio Café. In attesa di poterlo finalmente visitare, intanto ecco immagini e video del Labirinto Borges…

– Desirée Maida

www.cini.it

Eventi d'arte in corso a Venezia

Mostre a Venezia, vai all'elenco completo di eventi d'arte in corso →

https://amzn.to/3gaPioH

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Desirée Maida
Desirée Maida (Palermo, 1985) ha studiato presso l’Università degli Studi di Palermo, dove nel 2012 ha conseguito la laurea specialistica in Storia dell’Arte. Palermitana doc, appassionata di alchimia e cultura giapponese, approda al mondo dell’arte contemporanea dopo aver condotto studi sulla pittura del Tardo Manierismo meridionale (approfonditi durante un periodo di ricerche presso la Galleria Regionale della Sicilia di Palazzo Abatellis) e sull’architettura medievale siciliana. Ha scritto per testate siciliane e di settore, collaborato con gallerie d’arte e curato mostre di artisti emergenti presso lo Spazio Cannatella di Palermo. Oggi fa parte dello staff di direzione di Artribune e cura per realtà private la comunicazione di progetti artistici e culturali.