Drawing factory: una residenza artistica dedicata disegno all’Hôtel Cécilia di Parigi

Con il supporto del Cnap – National Center for Plastic Arts, nello storico Hôtel Cécilia saranno accolte fino a settembre 2021 trenta residenze d’artista. L’obiettivo è fare di questo luogo un nuovo importante centro dedicato al disegno contemporaneo.

Hotel Cecilia, Parigi
Hotel Cecilia, Parigi

Fino al 20 settembre 2021, a Parigi, un ex albergo nel 17° arrondissement accoglie Drawing factory, un progetto che destina 30 residenze ad artisti che utilizzano il disegno come pratica espressiva. Da un’idea di Christine Phal, fondatrice di Drawing Lab Paris, Carine Tissot, direttrice di Drawing Now Art Fair e del Drawing Hotel, in associazione con il National Center for Plastic Arts (Cnap) e in collaborazione con l’immobiliare Soferim, gli artisti selezionati avranno l’opportunità di sviluppare i rispettivi ambiti di ricerca, supportati dal team del Drawing Lab Paris che faciliterà anche gli incontri con collezionisti e professionisti attraverso una serie di eventi.

Drawing Lab, Parigi
Drawing Lab, Parigi

DRAWING FACTORY: GLI ARTISTI COINVOLTI

Lo storico Hôtel Cécilia non sarà solo un luogo di lavoro, ma un centro dedicato al disegno contemporaneo. Riservato ad artisti che vivono in Francia da un numero di anni sufficiente a giustificare un percorso professionale svolto sul territorio, l’iniziativa mira a sostenere tutti i partecipanti e a rendere piena visibilità alle loro opere, nel cuore della capitale. Il Cnap, sostenuto a sua volta dalla Ministero della cultura, offre gratuitamente la residenza agli artisti e in più consente di perseguire e potenziare progetti già in corso con una borsa di studio mensile. Gli artisti selezionati sono: Pooya Abbasian, Ethan Assouline, Fabrice Cazenave, Camille Chastang, Dalila Dalleas Bouzar, Odonchimeg Davaadorj, Chloé Dugit-Gros, Camille Fischer, Gabriel Folli, Éléonore Geissler, Juliette Green, Marie Havel, Gabrielle Kourdadzé, Boris Kurdi, Vanina Langer, Gaspard Laurent, Benjamin Laurent-Aman, Shuo Hao, Matthias Lehmann, Thomas Léon, Claire Malrieux, Pauline Martinet & Zoé Texereau, Audrey Matt-Aubert, Chloé Poizat, Clovis Rétif, Araks Sahakyan, Thibault Scemama De Gialluly, Quentin Spohn, Louise Vendel, Maxime Verdier, Raphaëlle Peria e François Réau.

DRAWING FACTORY: 30 RESIDENZE ALL’HÔTEL CÉCILIA

Drawing factory occupa cinque piani dell’Hôtel Cécilia. Nel primo è collocato uno spazio comune per discussioni, conferenze o workshop, oltre a due laboratori per lavori di gruppo o di grande formato, accessibili su prenotazione. Gli altri quattro piani sono destinati ai 30 laboratori individuali e sono dotati di servizi, con la possibilità di personalizzazioni in base alle esigenze di ogni singolo artista, e sono utilizzabili 7 giorni su 7.

-Marilena Di Tursi

https://www.drawinglabparis.com/ 

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Marilena Di Tursi
Marilena Di Tursi, giornalista e critico d'arte del Corriere del Mezzogiorno / Corriere della Sera. Collabora con la rivista Segno arte contemporanea. All'interno del sistema dell'arte contemporanea locale e nazionale ha contribuito alla realizzazione di numerosi eventi espositivi, concentrandosi soprattutto sulla promozione dei giovani artisti pugliesi dal 1988 fino ad oggi. È autrice di numerose pubblicazioni e di testi critici di presentazione dell’opera di giovani artisti, contenuti in cataloghi redatti in occasione di mostre personali e collettive. Per conto della Fondazione Corriere della Sera, in qualità di membro del consiglio scientifico, ha curato cicli di incontri dedicati all’arte contemporanea nell’ambito dell’iniziativa “Da Est a Ovest Bari incontra il mondo” (2015/2016) e “Quanto è contemporanea l’arte contemporanea?” (2016, con Marco Scotini, Achille Bonito Oliva, Domenico Fontana, Marco Senaldi). Laureata in Lettere presso l’Università degli Studi di Bari, con una tesi in Storia dell’arte contemporanea, ha conseguito la specializzazione triennale in storia dell’arte medievale e moderna presso l’Università “La Sapienza” di Roma e il titolo di Dottore di ricerca in Documentazione, catalogazione, analisi e riuso dei beni culturali presso la facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università di Bari. Insegna Storia dell’arte nel locale Liceo artistico.