Artisti italiani in trasferta. Federico Solmi in mostra nei musei in America e Cina

Il noto artista bolognese da anni a New York è protagonista di due eventi museali: nella collettiva per i 100 anni della Phillips Collection a Washington e nella mostra inaugurale del neonato museo Ocean Flower Island a Danzhou City

Federico Solmi, The Great Farce 202, Ocean FlowerIsland, China,
Federico Solmi, The Great Farce 202, Ocean FlowerIsland, China,

Federico Solmi (Bologna, 1973), diversamente da molti suoi colleghi italiani che hanno studiato e fatto le prime mostre in Italia per poi trasferirsi all’estero, è un artista che ha fatto il percorso inverso, iniziando la sua carriera a New York, dove risiede ormai da anni. Ora Solmi, noto per i suoi video-painting narrativi che mescolano le tecniche di pittura tradizionali con le nuove tecnologie, come i sistemi di videogioco, la motion capture e la modellazione 3D, è protagonista di due importanti eventi museali in America e in Asia. A Washington DC, per esempio, fa parte della mostra per il centenario della Phillips Collection: solo 200 opere per raccontare i 100 anni della storia del primo museo di arte moderna nato negli Stati Uniti d’America, che ha aperto le sue porte 100 anni fa in memoria del padre del fondatore Duncan Phillips, Duncan Clinch Phillips, e del fratello James, morto nell’epidemia di influenza del 1918. Invece, in Cina,  partecipa alla mostra inaugurale del complesso di isole artificiali Ocean Flower Island a Danzhou City, dal titolo Tides of the Century-2020. A cura di Wang Chuchen, la mostra ospita in uno dei suoi 9 edifici l’installazione video del 2017 dell’artista, The Great Farce: un cinema immersivo adattato per l’occasione nella stanza circolare di arti multimediali del museo di 1600 metri quadrati con 50 proiettori e schermo alto 7.5 metri. Ecco le immagini…

-Claudia Giraud

Seeing Differently: The Phillips Collects for a New Century
Fino al 12 settembre 2021
The Phillips Collection, 1600 21st Street, NW, Washington, DC

https://www.phillipscollection.org/event/2021-03-06-seeing-differently

The Tides of the Century – 2020
Fino all’8 dicembre 2021
Ocean Flower Island Museum, Danzhou, Hainan Province

http://www.cafa.com.cn/en/news/details/8330096

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Claudia Giraud
Nata a Torino, è laureata in storia dell’arte contemporanea presso il Dams di Torino, con una tesi sulla contaminazione culturale nella produzione pittorica degli anni '50 di Piero Ruggeri. Giornalista pubblicista, iscritta all’Albo dal 2006, svolge attività giornalistica per testate multimediali e cartacee di settore. Dal 2011 fa parte dello Staff di Direzione di Artribune (www.artribune.com ), è Caporedattore Musica e cura, per il magazine cartaceo, la rubrica "Art Music" dedicata a tutti quei progetti dove il linguaggio musicale si interseca con quello delle arti visive. E’ stata Caporedattore Eventi presso Exibart (www.exibart.com). Ha maturato esperienze professionali nell'ambito della comunicazione (Ufficio stampa "Castello di Rivoli", "Palazzo Bricherasio", "Emanuela Bernascone") ed in particolare ha lavorato come addetto stampa presso la società di consulenza per l'arte contemporanea "Cantiere48" di Torino. Ha svolto attività di redazione quali coordinamento editoriale, realizzazione e relativa impaginazione degli articoli per l’agenzia di stampa specializzata in italiani all’estero “News Italia Press” di Torino. Ha scritto articoli e approfondimenti per diverse testate specializzate e non (SkyArte, Gambero Rosso, Art Weekly Report e Art Report di Monte dei Paschi di Siena, Exibart, Teknemedia, Graphicus, Espoarte, Corriere dell’Arte, La Piazza, Pagina).