La Biennale Light Art di Mantova visitabile online. Le immagini delle installazioni

La manifestazione si pone la sfida di far dialogare opere contemporanee di light art con l’eredità rinascimentale di Mantegna e della Mantova dei Gonzaga. Ora visitabile grazie al Virtual Tour.

Biennale Light Art Mantova, Federica Marangoni
Biennale Light Art Mantova, Federica Marangoni

La Biennale Light Art di Mantova, nuovamente chiusa al pubblico a causa delle restrizioni dovute alla pandemia, rimane visitabile però da casa grazie al Virtual Tour sul sito biennalelightart.it. La manifestazione, con la curatela generale del critico d’arte Vittorio Erlindo, è allestita nella Casa di Andrea Mantegna, edificio monumentale di grande valore storico e artistico e principale sede espositiva della provincia di Mantova. La sfida della Biennale è quella di far convivere nello stesso spazio le installazioni luminose degli artisti contemporanei e il palazzo rinascimentale progettato da uno dei maggiori maestri del Rinascimento italiano. La Biennale Light Art, dal titolo Elogio della luce tra destrutturazione e ricostruzione degli spazi, è divisa in due sezioni: Light Art, curata da Vittorio Erlindo, con la partecipazione di 21 artisti, e Black light, curata da Gisella Gellini e Gaetano Corica, che raccoglie i lavori di 13 artisti. “Nella Biennale di Mantova”, spiega Vittorio Erlindo, “il nesso che unisce l’arte al progresso scientifico è evidente dal loro legame coi diversi materiali luminosi che fanno affiorare un’intesa armonica capace di aprire a nuove prospettive non solo per l’arte ma anche per la scienza”. Nella galleria le immagini delle installazioni.

– Giulia Ronchi

BIENNALE LIGHT ART MANTOVA 2020
Casa del Mantegna
Via Giovanni Acerbi 47 – Mantova
Virtual Tour:https://biennalelightart.it/

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Giulia Ronchi
Giulia Ronchi è nata a Pesaro nel 1991. È laureata in Scienze dei Beni Culturali all’Università Cattolica di Milano e in Visual Cultures e Pratiche curatoriali presso l’Accademia di Brera. È stata tra i fondatori del gruppo curatoriale OUT44, organizzando mostre e workshop con artisti emergenti del panorama milanese. Ha curato il progetto Dissuasori Mobili, presso il festival di video arte “XXXFuoriFestival” di Pesaro. Ha collaborato con le riviste Exibart e Artslife, recensendo mostre e intervistando personalità di spicco dell’arte. Ha collaborato con le testate femminili Elle, Elle Decor, Marie Claire e il maschile Esquire scrivendo di arte, cultura, lifestyle, femminismo e storie di donne.