Perdersi e riconoscersi nelle opere di Simone Cametti. A Napoli

0
560

Shazar Gallery, a Napoli, ospita il progetto di Simone Cametti dedicato al dialogo fra uomo e natura e incentrato sulla riattivazione di rifugi ormai inglobati nel paesaggio.

Risvegliare i luoghi, viverli e marcarne il percorso per tracciarne uno nuovo. Con Primitivo, la mostra allestita a Napoli nelle sale di Shazar Gallery in pieno centro storico, Simone Cametti (Roma, 1982) presenta il grande progetto Bivacchi. Privo di qualsiasi riferimento, l’artista, che in questa occasione è anche co-curatore insieme a Valentina Muzi, indaga il concetto di smarrimento nella natura incontaminata, il rapporto tra uomo e natura, di limite e non limite: un confronto tra sé e l’ambiente circostante attraverso particolari azioni performative sul territorio, per ridare vita a quei rifugi abbandonati oramai inglobati dalla natura.
Azioni che si concretizzano in questo primo intervento vissuto nel rifugio Delle Serre a circa 1.500 metri di altitudine, tra Abruzzo e Lazio, e raccontate con medium differenti quali video, fotografie, installazioni e sculture che dialogano tra loro per esprimere, sì, l’esperienza vissuta dall’artista romano durante una passeggiata solitaria notturna, ma anche da due giovani artiste, Francesca Cornacchini e Chiara Fantaccione, coinvolte in questa prima parte del progetto, dopo l’accensione del rifugio.

Simone Cametti, Bivacco, 2020. Courtesy l'artista
Simone Cametti, Bivacco, 2020. Courtesy l’artista

DAL RIFUGIO NELLA NATURA ALL’ARTE DI CAMETTI

Cametti ripropone con due neon quella luce bianca e abbagliante impiegata per individuare il suo percorso verso il rifugio: una luce forte che contrasta le sfumature del buio sempre più insistente, mentre passo dopo passo la natura si fa più fitta e silente. Dopo un primo studio nel rifugio, i neon trovano una giusta collocazione in scatole di legno dedicate, quasi come a precisare un punto di partenza e di arrivo, un sentiero in cui interrompere il silenzio e rinascere. Le sale di via Pasquale Scura 8 diventano quindi un vortice nel quale perdersi in ogni opera, come nelle foto scattate in cima a una montagna da cui il bianco della neve circostante diventa complice dello smarrimento più totale, interrotto soltanto da superficiali accenni di boscaglia.
Premio Terna 2013 con l’opera Europe Moon, l’azione performativa di Simone Cametti si traduce quindi in un intervento sul territorio con l’obbiettivo di riattivare e cambiare il suo peso perlopiù attraverso la luce, per proporre al fruitore un’idea altra di natura: invitarlo alla riflessione e, con occhi nuovi, alla scoperta di un’altra identità.

‒ Fabio Pariante

ACQUISTA QUI la guida ai rifugi del CAI

Evento correlato
Nome eventoSimone Cametti - Primitivo
Vernissage16/01/2021 dalle ore dalle 11,00 alle 19,00
Duratadal 16/01/2021 al 13/03/2021
AutoreSimone Cametti
CuratoreValentina Muzi
Generipersonale, arte contemporanea
Spazio espositivoSHAZAR GALLERY
IndirizzoVia Pasquale Scura 8 80134 - Napoli - Campania
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Fabio Pariante
Docente e giornalista freelance, è laureato magistrale in Lingue e Comunicazione Interculturale in Area Euromediterranea con tesi in Studi Interculturali dal titolo "La Primavera Araba nell’era del web 2.0: il ruolo dei social network". Nel 2011, con il patrocinio della Presidenza della Repubblica, ha vinto il Premio Giovanni Giovannini – Nostalgia di Futuro per la tesi di laurea triennale in Storia dell’Arte Contemporanea dal titolo "Net.Art: l’arte di fare network". Inoltre, è co-founder del progetto Marina Abramovic Institute a New York dell’artista serba e a Napoli ha partecipato all’opera collettiva "Rebirth – Terzo Paradiso" di Michelangelo Pistoletto. Collabora con diverse redazioni italiane e straniere e alcune realtà culturali.