La natura dello spazio logico. Giulia Marchi a Bologna

Mito, filosofia e letteratura costituiscono la base della ricerca di Giulia Marchi che, combinando diverse modalità di linguaggio artistico quali fotografia, scultura e poesia visiva, esplora tematiche di natura esistenziale.

Entrando negli spazi di LABS Contemporary Art si ha l’impressione di trovarsi in un luogo senza tempo, dove l’essenziale dello spazio e della forma, il rigore del candido marmo di Carrara incontrano il meravigliosamente intricato apparato concettuale costruito da Giulia Marchi (Rimini, 1976), in cui ogni rimando è perfettamente logico e, al contempo, profondamente personale.

GLI SPAZI E I LABIRINTI DI GIULIA MARCHI

La natura dello spazio logico fa riferimento al filosofo e architetto austriaco Ludwig Wittgenstein ed è il titolo del corpus di fotografie in mostra, cui seguono opere dedicate ai labirinti e lavori scultorei in marmo che uniscono l’approccio visivo a quello materico. Marchi, come scrive la curatrice Angela Madesani, propone una “riflessione di matrice esistenziale sulla gestione di ognuno di noi all’interno di un luogo, una dimensione che non ci appartiene totalmente”. Così, in questo spazio atemporale, l’artista ci riporta a un punto zero, ricco di suggestioni indecifrate, lasciandoci liberi di ‘gestire’ noi stessi nella dimensione sconosciuta che è il suo bellissimo labirinto concettuale.

‒ Laura Coppelli

Evento correlato
Nome eventoGiulia Marchi - La natura dello spazio logico
Vernissage24/10/2020 ore 15-20
Duratadal 24/10/2020 al 19/12/2020
AutoreGiulia Marchi
CuratoreAngela Madesani
Generifotografia, personale
Spazio espositivoLABS GALLERY
IndirizzoVia Santo Stefano 38 40125 - Bologna - Emilia-Romagna
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Laura Coppelli
Laura Coppelli (Pavullo nel Frignano, 1996) si laurea nel dicembre 2018 in Lingue e culture europee presso l’Università degli studi di Modena e Reggio Emilia, concludendo il suo percorso con una tesi in letteratura angloamericana sulle arti visive con l’obiettivo di unire le proprie conoscenze linguistiche alla passione per l’arte. Nel gennaio 2019 si aggiudica una borsa di studio per il master MaRAC (Management delle Risorse Artistiche e Culturali) dell’Università IULM con sede a Roma, che termina con un’esperienza lavorativa presso la Fondazione Modena Arti Visive, occupandosi principalmente di attività di ufficio stampa. Oggi frequenta il secondo anno di laurea magistrale del corso in lingua inglese EGArt (Economia e Gestione delle Arti e delle attività culturali) presso l’Università Ca' Foscari di Venezia e continua a coltivare l’interesse per l’arte anche a livello lavorativo collaborando alla realizzazione di progetti culturali, mostre ed eventi.