L’illusione del vetro. Alessandro Ciffo a Salerno

Galleria Paola Verrengia, Salerno ‒ fino al 21 gennaio 2020. Seconda personale di Alessandro Ciffo alla Galleria Paola Verrengia di Salerno, con nuove opere che proiettano il silicone al di là del cristallo.

Dopo aver adoperato il silicone a consistenza tixotropica e dunque dopo aver prodotto opere dall’andamento gestuale per assecondare la naturale fluidità del materiale, Alessandro Ciffo (Biella, 1968) spinge la sua ricerca in un territorio più etereo: parte dalla lezione classica di Murano, ma la trasforma spostando l’asse dal vetro a un nuovo composto siliconico prodotto in Giappone (un bicomponente privo di solventi), la cui trasparenza non solo permette all’artista una maggiore cristallificazione e consistenza, ma anche un gioco d’ombre che crea un dialogo con gli spazi, con le architetture.
Murano 5.0, la sua nuova personale alla Galleria Paola Verrengia, si apre con una grande installazione – parte di Sinapsi (2018), presentata lo scorso anno nello studio di Roberto Coda Zabetta – che scende dal soffitto e invita a un attraversamento luminoso, a cui seguono, poi, tutta una serie di progetti che rigenerano la murrina o l’anfora (le tre presenti in mostra sono concepite ad anelli sovrapposti) per offrire nuove e cromaticamente squillanti forme di silicone, come vetro, come ambra, come goccia…

Antonello Tolve

Evento correlato
Nome eventoAlessandro Ciffo - Murano 5.0
Vernissage29/11/2019 ore 19
Duratadal 29/11/2019 al 21/01/2020
AutoreAlessandro Ciffo
Generiarte contemporanea, personale
Spazio espositivoGALLERIA PAOLA VERRENGIA
IndirizzoVia Fieravecchia 34 - Salerno - Campania
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Antonello Tolve
Antonello Tolve (Melfi 1977) è teorico e critico d’arte. Dottore di ricerca presso l’Università di Salerno, insegna Pedagogia e Didattica dell'Arte e Antropologia dell'Arte all'Accademia di Belle Arti di Macerata. Studioso delle esperienze artistiche e delle teorie critiche del Secondo Novecento, con particolare attenzione al rapporto che intercorre tra arte, critica d’arte e nuove tecnologie. Pubblicista, collabora regolarmente con diverse testate del settore. Ha curato mostre in spazi pubblici e privati, in Italia e all'estero e vari cataloghi di artisti. Collabora, a Salerno, con la Fondazione Filiberto Menna e dirige con Stefania Zuliani, per l’editore Plectica, la collana Il presente dell’arte. Tra i suoi libri Giardini d’utopia. Aspetti della teatralizzazione nell’arte del Novecento (2008), Gillo Dorfles. Arte e critica d'arte nel secondo Novecento (2011), Giuseppe Stampone. Estetica Neodimensionale / Neodimensional Aesthetics (2011), Bianco-Valente. Geografia delle Emozioni / Geography of Emotions (2011).