L’artista Jasmine Pignatelli ricorda lo sbarco della Vlora a Bari nel 1991. Le immagini

È un memoriale a ricordo degli albanesi arrivati a Bari nel 1991, l’installazione permanente Sono Persone 8.8.1991 di Jasmine Pignatelli, promossa dalle gallerie Misia Arte e Cellule Creative in un quartiere della periferia barese, in collaborazione con l’amministrazione comunale.

Lo sbarco della nave Vlora nel porto di Bari ha segnato un nuovo corso nella percezione dell’altro non solo per la comunità locale ma per l’intera Europa. Per ricordare il primo tragico esodo, da Est verso un’Occidente percepito come Eden salvifico, Jasmine Pignatelli ha realizzato un’installazione sulla facciata di un alloggio popolare che guarda il rinnovato waterfront del quartiere San Girolamo. Si chiama Sono Persone 8.8.1991 e richiama l’appello che l’allora sindaco di Bari, Enrico Dalfino rivolse ai cittadini per sollecitare una civile accoglienza dei profughi. Tradotte in codice morse le singole lettere del titolo interrompono la compatta cortina muraria con un’ordinata sintassi geometrica che sostiene un’opera di arte pubblica ad alta densità civile. Sono linee aggettanti in acciaio, forme di una comunicazione digitale ante litteram, nata per essere suono ma sfuggita alla sua natura effimera per farsi epigrafe permanente, celebrazione condivisa di un pezzo di storia del nostro tempo. Ecco le immagini dell’intervento.

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Marilena Di Tursi
Marilena Di Tursi, giornalista e critico d'arte del Corriere del Mezzogiorno / Corriere della Sera. Collabora con la rivista Segno arte contemporanea. All'interno del sistema dell'arte contemporanea locale e nazionale ha contribuito alla realizzazione di numerosi eventi espositivi, concentrandosi soprattutto sulla promozione dei giovani artisti pugliesi dal 1988 fino ad oggi. È autrice di numerose pubblicazioni e di testi critici di presentazione dell’opera di giovani artisti, contenuti in cataloghi redatti in occasione di mostre personali e collettive. Per conto della Fondazione Corriere della Sera, in qualità di membro del consiglio scientifico, ha curato cicli di incontri dedicati all’arte contemporanea nell’ambito dell’iniziativa “Da Est a Ovest Bari incontra il mondo” (2015/2016) e “Quanto è contemporanea l’arte contemporanea?” (2016, con Marco Scotini, Achille Bonito Oliva, Domenico Fontana, Marco Senaldi). Laureata in Lettere presso l’Università degli Studi di Bari, con una tesi in Storia dell’arte contemporanea, ha conseguito la specializzazione triennale in storia dell’arte medievale e moderna presso l’Università “La Sapienza” di Roma e il titolo di Dottore di ricerca in Documentazione, catalogazione, analisi e riuso dei beni culturali presso la facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università di Bari. Insegna Storia dell’arte nel locale Liceo artistico.