Gianni Caravaggio incontra Piero Manzoni. A Firenze

Museo Novecento, Firenze – fino al 28 febbraio 2019. Terzo appuntamento del ciclo “Duel”, ideato da Sergio Risaliti, direttore artistico del museo fiorentino, che invita un artista contemporaneo a porsi in dialogo con un’opera proveniente dalla collezione civica oppure da una delle mostre temporanee. Come nel caso del felice incontro tra Gianni Caravaggio e Piero Manzoni.

Gianni Caravaggio. Iniziare un tempo II. Museo Novecento, Firenze 2018
Gianni Caravaggio. Iniziare un tempo II. Museo Novecento, Firenze 2018

A rievocare il celebre colpo di dadi di Mallarmé – il gesto poetico che sfida il caso ma che tuttavia jamais n’abolira le hasard – la relazione tra Base magica (1961) di Piero Manzoni (Soncino, 1933 ‒ Milano, 1963) e l’opera Giocami e giocami di nuovo (1996) di Gianni Caravaggio (Rocca San Giovanni, 1968) definisce lo spazio illimitato della possibilità, del sempre nuovo e imprevedibile mutamento dell’esistenza.
In piedi sulla base manzoniana, la vita si riversa nell’opera, nella scultura, accedendo a quella zona aurorale che riedifica la distanza tra il banale e l’assoluto. Ogni volta nuovamente l’artista rifà il mondo e mai a sua immagine, bensì lasciando che le cose accadano ed evolvano oltre il suo controllo. Similmente, nel lavoro processuale di Gianni Caravaggio, è lo spettatore a muoversi attorno a quattro orbite celesti (gli strati di tessuto sovrapposti a pavimento) e a “lanciare i dadi”, riversando sull’azzurro le cinque minute sculture con cui l’artista ha fissato nel bronzo la forma dei continenti.
L’atto artistico in quanto atto demiurgico si rigenera nel suo dispositivo”, scrive l’artista, ricorrendo a una visione dell’arte aperta all’impensabile e incontrollabile. Costruzione deleuziana di un fare che produce percorsi e non fermate, attraversamenti e improvvise svolte: “Non predire, ma essere attenti allo sconosciuto che bussa alla porta” (Gilles Deleuze, Che cos’è un dispositivo? 1997).

Gianni Caravaggio. Iniziare un tempo II. Museo Novecento, Firenze 2018
Gianni Caravaggio. Iniziare un tempo II. Museo Novecento, Firenze 2018

ASSENZA E SOSTANZA

Oltre lo spazio di questo “duello/dialogo”, prosegue la personale di Caravaggio configurando un secondo paradosso, questa volta tutto interno alla concezione stessa della materia scultorea e delle sue proprietà essenziali.
Il mistero nascosto da una nuvola (2013-18) – un grande blocco di granito sommerso, nella sommità di un angolo, dalla polvere effimera di zucchero a velo – depone la sua gravità in favore di una velatura sottile e candida, presenza incorporea che appena si posa per dissolvere e annullare il volume della scultura, consegnandola a una nuvola, all’essenza quasi-nulla della polvere. A pochi passi, oltre il varco di una parete che ospita un gruppo molto significativo di disegni a grafite dell’artista, l’inversione della regola è compiuta, l’assenza si sostanzia: con l’opera L’orizzonte si posa su una nuvola mentre il sole la attraversa (2015-18) il grande cumulo composto da chilometri di nylon trasparente genera una massa lieve e inconsistente che pure mostra la sua solidità, segnata dall’azzurro di un filo che disegna, in superficie, i contorni e le sue vette. È la traccia di un orizzonte instabile in grado di sormontare la luce del sole che appare e scompare al di sotto di quel gigante vaporoso e pallido posato in terra.

Gianni Caravaggio. Iniziare un tempo II. Museo Novecento, Firenze 2018
Gianni Caravaggio. Iniziare un tempo II. Museo Novecento, Firenze 2018

ESSERE LA CONTEMPLAZIONE

Ancora una volta, Caravaggio rievoca il lessico manzoniano degli Achromes sintetici al filo di nylon, o quello delle linee orientate verso l’infinità del tempo, la sola dimensione possibile e pensabile per l’artista. “Questa superficie indefinita (unicamente viva)” – appuntava Manzoni nel testo Libera dimensione (1960)se nella contingenza materiale dell’opera non può essere infinita, è però senz’altro infinibile, ripetibile all’infinito, senza soluzione di continuità”.
Così, Iniziare un tempo II, il titolo della mostra, sembra avvalorare il principio-speranza di una salvifica prassi dell’immaginazione, la formula combinatoria delle nostre certezze fisiche e psichiche, laddove peso, sostanza, forma, colore e memoria delle cose trovano declinazioni che appaiono impossibili ma che occorre accostare e comprendere, mettendo in questione il mistero, lanciando i dadi e rimescolando i mondi. All’infinito.
Noi siamo la contemplazione”, scrive Gianni Caravaggio. Siamo la visione sempre vergine e paziente di una creazione ancora in corso.

Roberto Lacarbonara

Evento correlato
Nome eventoGianni Caravaggio / Francesco Carone
Vernissage15/11/2018 ore 18 su invito
Duratadal 15/11/2018 al 28/02/2019
AutoriGianni Caravaggio, Francesco Carone
CuratoriGaspare Luigi Marcone, Rubina Romanelli
Generiarte contemporanea, doppia personale
Spazio espositivoMUSEO NOVECENTO
Indirizzopiazza Santa Maria Novella 10 50123 - Firenze - Toscana
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Artribune è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata all’arte e alla cultura contemporanea, nata nel 2011 grazie all’esperienza decennale nel campo dell’editoria, del giornalismo e delle nuove tecnologie.