David Lynch pittore e incisore. In Slovenia per la prima volta 70 litografie del regista culto

Arriva per la prima volta in Slovenia una mostra di incisioni del regista americano diventato celebre per le sue pellicole cupe e misteriose e per la serie tv di culto Twin Peaks

David Lynch
David Lynch, A Parting Kiss, 2007, lithography, 66 x 86 cm. Courtesy Item Editions

David Lynch (Missoula, 20 gennaio 1946) è per tutti il regista di pellicole dalle atmosfere cupe e misteriose come Velluto blu e Cuore selvaggio, e della serie tv di culto Twin Peaks, arrivata alla terza stagione l’anno scorso, 25 anni dopo la messa in onda televisiva della seconda. Ma non tutti sanno che prima di dedicarsi al cinema, Lynch ha studiato pittura negli anni ’60, iscrivendosi alla School of the Museum of Fine Arts di Boston per un anno, prima di partire per l’Europa con l’intenzione di studiare il pittore espressionista austriaco Oskar Kokoschka. Poi la sua attenzione all’arte visiva è cresciuta in misura sempre maggiore, fino alla realizzazione in tempi recenti di diverse mostre in giro per il mondo, anche con varie installazioni. Una di queste si chiama Fire on Stage – in programma dal 13 aprile presso l’International Centre of Graphic Arts (MGLC) a Lubiana – e si tratta di una prima assoluta in Slovenia, dove sarà possibile vedere una selezione di settanta stampe grafiche di alta qualità prodotte con la tecnica litografica. Con un percorso arricchito da dipinti provenienti da collezioni private, acquerelli e da una serie di film sperimentali e animati. Dalle atmosfere ovviamente lynchiane. Ecco le immagini.

– Claudia Giraud

David Lynch, Fire on stage
13 aprile-29 luglio 2018
International Centre of Graphic Arts (MGLC), Grad Tivoli, Pod turnom 3, Ljubljana
http://www.mglc-lj.si

 

Dati correlati
AutoreDavid Lynch
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Claudia Giraud
Nata a Torino, è laureata in storia dell’arte contemporanea presso il Dams di Torino, con una tesi sulla contaminazione culturale nella produzione pittorica degli anni '50 di Piero Ruggeri. Giornalista pubblicista, iscritta all’Albo dal 2006, svolge attività giornalistica per testate multimediali e cartacee di settore. Dal 2011 fa parte dello Staff di Direzione di Artribune (www.artribune.com ), è Caporedattore Musica e cura, per il magazine cartaceo, la rubrica "Art Music" dedicata a tutti quei progetti dove il linguaggio musicale si interseca con quello delle arti visive. E’ stata Caporedattore Eventi presso Exibart (www.exibart.com). Ha maturato esperienze professionali nell'ambito della comunicazione (Ufficio stampa "Castello di Rivoli", "Palazzo Bricherasio", "Emanuela Bernascone") ed in particolare ha lavorato come addetto stampa presso la società di consulenza per l'arte contemporanea "Cantiere48" di Torino. Ha svolto attività di redazione quali coordinamento editoriale, realizzazione e relativa impaginazione degli articoli per l’agenzia di stampa specializzata in italiani all’estero “News Italia Press” di Torino. Ha scritto articoli e approfondimenti per diverse testate specializzate e non (SkyArte, Gambero Rosso, Art Weekly Report e Art Report di Monte dei Paschi di Siena, Exibart, Teknemedia, Graphicus, Espoarte, Corriere dell’Arte, La Piazza, Pagina).