Puglia e Albania riflettono sul loro passato attraverso la figura di Antonio Gramsci. Succede a Turi e Tirana, con due progetti firmati da Alfredo Pirri. L’artista ci ha raccontato nella videointervista come si realizzerà.

Si chiama Compagni ed Angeli. Verso le Officine della Cultura l’accordo firmato a Bari dal presidente della Regione Puglia Michele Emiliano e dal Ministro della Cultura della Repubblica di Albania Mirela Kumbaro, con l’obiettivo di creare un ponte ideale tra Turi e la periferia di Tirana nel segno di Antonio Gramsci. L’accordo prevede la realizzazione di due opere progettate dall’artista Alfredo Pirri (Cosenza, 1957). Turi è un grazioso comune in provincia di Bari, noto per molte cose, ma anche per il suo carcere, un palazzo nato nel 1850 per diventare convento delle Clarisse, come ricorda Gianni Spinelli, in un articolo su Il Corriere del Mezzogiorno del 2011, trasformato invece nel 1880 in carcere, diventando in epoca fascista luogo per la reclusione dei condannati dal Tribunale speciale per la difesa dello Stato. Tra questi, dal 1928 Antonio Gramsci e nel 1931 Sandro Pertini. Quella del futuro presidente della Repubblica è un’altra storia e la si dovrà raccontare un’altra volta. Il progetto di Pirri racconta invece il primo detenuto speciale, che qui rimase fino a quando le sue condizioni di salute non si aggravarono e fu ricoverato in clinica, dove trascorse gli ultimi anni di vita. Qui nascono i famosi Quaderni dal Carcere.

Antonio Gramsci in carcere
Antonio Gramsci in carcere

GRAMSCI, TURI E L’ALBANIA

La famiglia paterna di Gramsci era originaria della città albanese di Gramsh. Solo successivamente si trasferì in Italia dove nel 1891 nacque Antonio. Ecco da qui spiegato l’incontro tra le due realtà nel segno del famoso intellettuale che ha cambiato la storia culturale del Paese. Inoltre Puglia e Albania avevano già firmato insieme nel 2016 un protocollo d’intesa con l’obiettivo di far nascere iniziative congiunte (tra queste la Biennale dei Giovani Artisti dell’Europa e del Mediterraneo (BJCEM) o il convegno internazionale dal titolo “Gramsci, la guerra e la rivoluzione tra oriente e occidente“). L’accordo nasce in collaborazione con l’Ambasciata della Repubblica di Albania in Italia e la Fondazione Gramsci. Le opere di Pirri renderanno fruibile a Turi la cella dove era recluso Gramsci, mentre a Tirana si creerà uno spazio aperto, che sarà inoltre un centro culturale per i giovani artisti.  L’Albania, come ha spiegato il Ministro Mirela Kumbaro ha avviato molte progettualità nel segno della memoria, – con l’apertura ad esempio della Casa delle Foglie o del bunker antiatomico del dittatore Hoxha, trasformato poi in museo -. Questi progetti, non hanno una vocazione passatista, ma vogliono provocare un dibattito, una riflessione su un passato recente, trasformando luoghi di chiusura in spazi di apertura, con l’obiettivo di creare una nuova visione per far sì che la storia non si ripeta.

IL PROGETTO DI PIRRI

Il titolo del progetto, Compagni e Angeli, è tratto da La Rosa di Turi, una canzone del gruppo Al Darawish, ispirato ad una delle lettere che Gramsci scrisse alla cognata Tatiana, donna importantissima nella vita dell’intellettuale. L’opera di Tirana, ci ha spiegato Pirri, che racconta al meglio il progetto nel nostro video, desidera valorizzare l’aspetto museale della cella di Gramsci, ovviamente non fruibile, facendo dialogare attraverso una scultura architettonica spazio interno ed esterno e intervenendo anche sui giardini vicini. Vuoti e pieni, dentro e fuori saranno alla base anche del progetto in acciaio e cristallo per Tirana (nel giardino adiacente al Ministero della Cultura. Il progetto di Pirri offrirà inoltre l’occasione per un lavoro di riqualificazione più ampio che interesserà anche gli studi cinematografici ex Kinostudio Shqiperia. Presenti anche l’Assessore regionale alla cultura, Loredana Capone, il sindaco di Turi Domenico Coppi, Beppe Vacca, presidente della Fondazione Istituto Gramsci, il console generale di Albania a Bari, Pirri, il cantante Nabil Salameh del gruppo dei Radioderwish e il direttore del dipartimento Cultura e Turismo, Aldo Patruno.

Uno dei bozzetti di Alfredo Pirri
Uno dei bozzetti di Alfredo Pirri

GRAMSCI E L’UNITÀ

Gramsci e l’Unità”, ha spiegato Emiliano, “sono quasi la stessa cosa. Tutti quelli che lavorano all’idea di mettere insieme le cose e di conoscerle, e un giornale serve a questo: mettere insieme le cose e conoscerle. E a volte conoscerle è la premessa per metterle insieme: per sfasciare le cose non ci vuole niente, metterle insieme è molto difficile, svolgendo un lavoro di rivalutazione della propria storia. Non vedo l’ora di vedere le opere installate nel giardino, e di rafforzare il legame con i nostri fratelli e sorelle cittadini albanesi, e il presidente Edi Rama con il quale ho un proficuo dialogo politico”.

Santa Nastro

Dati correlati
CuratoreAlfredo Pirri
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Santa Nastro
Santa Nastro è nata a Napoli nel 1981. Laureata in Storia dell'Arte presso l'Università di Bologna con una tesi su Francesco Arcangeli, è critico d'arte, giornalista e comunicatore. Attualmente è membro dello staff di direzione di Artribune. È inoltre autore per il progetto arTVision – a live art channel, ufficio stampa per l’American Academy in Rome e Responsabile della Comunicazione della Fondazione Pino Pascali. Dal 2011 collabora con Demanio Marittimo.KM-278 diretto da Pippo Ciorra e Cristiana Colli, con Re_Place, Mu6, L’Aquila e con Arte in Centro. Dal 2006 al 2011 ha collaborato alla realizzazione del Festival dell'Arte Contemporanea di Faenza, diretto da Angela Vettese, Carlos Basualdo e Pier Luigi Sacco. Dal 2005 al 2011 ha collaborato con Exibart nelle sue versioni online e onpaper. Ha pubblicato per Maxim e Fashion Trend, mentre dal 2005 ad oggi ha pubblicato su Il Corriere della Sera, Arte, Alfabeta2, Il Giornale dell'Arte, minima et moralia e saggi testi critici su numerosi cataloghi e pubblicazioni.