Nasce a Roma l’Art Hotel a 5 stelle Elizabeth Unique. E collabora con la Galleria Russo

Apre il 15 febbraio ed è già sold out. Presenterà installazioni site specific e opere temporanee nelle stanze, acquistabili in galleria e grazie ad una app che permette anche di vederla sulle pareti di casa

Roma, ph. courtesy Art Hotel Elizabeth Unique
Roma, ph. courtesy Art Hotel Elizabeth Unique

“In tre mesi abbiamo realizzato opere molto belle, progetti site specific anche importanti, coniugando più linguaggi e materiali, dalle resine ai cartoni, fino all’acciaio corten”.  A parlare è Fabrizio Russo, titolare della omonima galleria romana, che insieme ad un gruppo di imprenditori presenta a partire dal 15 febbraio l’Art Hotel Elizabeth Unique, un nuovo brand per l’ospitalità di lusso in Via delle Colonnette e affacciato sulla centralissima Via del Corso, a due passi dalla Fontana di Trevi e da Piazza di Spagna e da Fondaco in Via della Frezza. La Galleria Russo ha curato per l’hotel l’intero allestimento con interventi permanenti pensati per gli spazi dell’albergo e quelli “mobili”, costruiti invece per le raffinatissime stanze e suites, dotate di saune e vasche idromassaggio.

Franco Sarnari - Art Hotel Elizabeth Unique Roma
Franco Sarnari – Art Hotel Elizabeth Unique Roma

IL PROGETTO

“I lavori sono durati tre mesi”, racconta Russo. “Abbiamo costruito interventi permanenti, mentre le opere delle camere rimarranno a disposizione della clientela, e cambieranno quindi nel tempo. Gli ospiti avranno inoltre l’opportunità di avere maggiori informazioni sulle opere attraverso la app della galleria, che permette inoltre di vedere, attraverso una simulazione, l’opera prescelta sulle pareti della propria casa. Ogni camera, infatti, sarà dotata di un Iphone o di un Ipad per questo motivo”. Eventualmente i visitatori offline o quelli che non amano le tecnologie, potranno recarsi in galleria in Via Alibert, che dista solo 300 metri dall’hotel e potranno vedere le altre opere disponibili. “Insomma, si tratta di un invito alla tentazione. L’Hotel diventerà una naturale estensione della Galleria, anche a livello operativo, e permetterà ai suoi ospiti di apprezzare e conoscere le opere d’arte in un ambiente di impagabile comfort e lusso”.

Veronica Montanino,Art Hotel Elizabeth Unique Roma
Veronica Montanino,Art Hotel Elizabeth Unique Roma

GLI INTERVENTI DEGLI ARTISTI

L’hotel, dotato di ristorante e terrazza è, per i primi giorni di apertura, già sold out. Per Russo, questo è un bel segnale della ripresa del turismo d’alto livello in città. Gli artisti coinvolti nell’impresa sono Enrico Benetta, Diego Cerero Molina, Luca Di Luzio, Manuel Felisi, Roberto Floreani, Michael Gambino, Jonathan Guaitamacchi, Veronica Montanino, Tommaso Ottieri, Simafra, Giorgio Tentolini, Ilir Zefi. All’ingresso è collocata la cascata di lettere in cortèn, realizzate da Enrico Benetta. Manuel Felisi invade le scale con una Vertigine di alberi. Nelle camere d’accoglienza si sviluppano gli interventi di Tentolini e Gambino. Veronica Montanino ha lavorato sugli specchi della sala ristorante, mentre Di Luzio e Gambino hanno puntato al soffitto a cassettoni dei due piani di hotel. Tommaso Ottieri ha pensato ai corridoi, e così via. Sono previsti sei eventi, in collaborazione con la galleria, ci saranno semplici vernissage e conferenze stampa, ma anche serate dedicate al mondo del collezionismo contemporaneo e novecentista, nel rispetto delle due anime dello spazio nato nella Capitale 120 anni fa, che saranno festeggiati quest’anno con un documentario. Abbiamo domandato a Russo se sente l’esigenza di creare nuovi format per fare mercato e la mancanza di una fiera a Roma. “L’Art Hotel offre sicuramente grandi opportunità. La nostra galleria fa mercato da 120 anni e ha una storia felice. Io non penso che la galleria sia finita come modello, tutt’altro. Sulla fiera? Beh, ci hanno provato in tanti, però ci vorrebbe un luogo di 5000 – 6000 mq nel centro di Roma. I compratori vogliono l’evento sotto casa e io a Roma uno spazio così non lo conosco”.

– Santa Nastro

Inaugurazione, 15 febbraio 2018
Art Hotel Elizabeth Unique
Via delle Colonnette
ehrome.com

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Santa Nastro
Santa Nastro è nata a Napoli nel 1981. Laureata in Storia dell'Arte presso l'Università di Bologna con una tesi su Francesco Arcangeli, è critico d'arte, giornalista e comunicatore. Attualmente è membro dello staff di direzione di Artribune. È inoltre autore per il progetto arTVision – a live art channel, ufficio stampa per l’American Academy in Rome e Responsabile della Comunicazione della Fondazione Pino Pascali. Dal 2011 collabora con Demanio Marittimo.KM-278 diretto da Pippo Ciorra e Cristiana Colli, con Re_Place, Mu6, L’Aquila e con Arte in Centro. Dal 2006 al 2011 ha collaborato alla realizzazione del Festival dell'Arte Contemporanea di Faenza, diretto da Angela Vettese, Carlos Basualdo e Pier Luigi Sacco. Dal 2005 al 2011 ha collaborato con Exibart nelle sue versioni online e onpaper. Ha pubblicato per Maxim e Fashion Trend, mentre dal 2005 ad oggi ha pubblicato su Il Corriere della Sera, Arte, Alfabeta2, Il Giornale dell'Arte, minima et moralia e saggi testi critici su numerosi cataloghi e pubblicazioni.

1 COMMENT

  1. Arte che diventa semplice arredamento d’albergo.. una declinazione commerciale e consumistica riducente che comunque rispetto, ma preferisco continuare a sbagliare cercando l’Arte che mi interessa nei Musei, negli “ atelier d’artista “, nelle Collezioni, nelle Fondazioni, nelle Associazioni Culturali, nelle Gallerie, nelle Fiere, negli Ospedali, tranne in rarissimi casi isolati..
    Sopravviva sempre l’arte !

Comments are closed.