Andrea Polichetti e Niccolò De Napoli aprono un tris di mostre dal barbiere Franco a Roma

Andrea Polichetti e Niccolò De Napoli lanciano il format Senza Appuntamento nel negozio di un barbiere. La prima inaugura il 9 febbraio.

Benni Bosetto, Florida (2016), installation view. Courtesy Tile project space e l'artista, foto di Floriana Giacinti
Benni Bosetto, Florida (2016), installation view. Courtesy Tile project space e l'artista, foto di Floriana Giacinti

Gli artisti Andrea Polichetti e Niccolò De Napoli lanciano Senza Appuntamento, un ciclo di mostre “da Franco”. Dove Franco sta per Franco Candela, il barbiere di Corso Vittorio Emanuele 122 a Roma. L’opening è previsto per il 9 febbraio alle 18. In uno spazio molto connotato, titolo e opere interagiscono con il contesto, con l’obiettivo però di creare un’associazione libera di idee, frutto della scelta individuale degli artisti, che in questo contesto decidono se presentare inediti o opere già realizzate, se creare forme di partecipazione o meno.

Il barbiere Franco
Il barbiere Franco

SENZA APPUNTAMENTO

“Senza Appuntamento”, spiegano i promotori, “è l’inizio di un ciclo di esposizioni che vuole creare innanzitutto un punto di incontro e confronto tra artisti, nazionali ed internazionali, che alimentati da una finalità condivisa, ovverosia quella del community building, presentano lavori e progetti che costituiscono la base per future collaborazioni”. Il format, che ha la collaborazione di Nero e Untitled Association, è incoraggiato anche dalla vicinanza del negozio con tanti spazi per l’arte contemporanea riconosciuti, ovvero gallerie e luoghi espositivi. In mostra, opere di Andrea PolichettiNiccoló De NapoliMichele TiberioBenni Bosetto e Silvio Saccá, con un lavoro per ogni artista. Tiberio presenterà una scultura, Benni Bosetto un drappo dipinto. De Napoli “porta un lavoro a metà tra pittura e scultura in vetro ed elementi naturali, mentre Saccà è ancora top secret. Io ho portato una grande carta incorniciata a tecnica mista. Tra le classiche riviste da barbiere, inoltre, troverai anche in consultazione del materiale editoriale che ogni artista ha prodotto di sua iniziativa. Saranno quindi molto eterogenee, dal libro d’artista alla fanzine”, racconta Polichetti

INCONTRO E MOSTRA CON URSULA MAYER

Tra questi, a 700 m, la galleria Monitor, che sempre venerdì 9 febbraio presenta, a dieci anni dalla sua prima personale italiana, la mostra di Ursula Mayer, artista viennese classe 1970. L’opening è preceduto, nella serata dell’8 febbraio da uno screening & talk, a cura della giornalista e curatrice Alessandra Mammì, presso la Casa del Cinema di Roma. “La duttilità del format”, continuano Polichetti e De Napoli, “per come è stato concepito, mira ad agevolare il dialogo trasversale tra artisti, curatori, fondazioni, accademie, gallerie e collezionisti. La centralità e la prossimità a spazi espositivi già affermati, rende “Senza Appuntamento” un possibile centro di incontro per un’audience eterogenea.” Senza Appuntamento” nasce per creare una dimensione sospesa ,un nuovo territorio di dialogo  che si  identifica nella sua location,e che mira ad una pluralità di linguaggio espositivo e fruitivo”.

– Santa Nastro

Dati correlati
AutoriAndrea Polichetti, Niccolò De Napoli
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Santa Nastro
Santa Nastro è nata a Napoli nel 1981. Laureata in Storia dell'Arte presso l'Università di Bologna con una tesi su Francesco Arcangeli, è critico d'arte, giornalista e comunicatore. Attualmente è membro dello staff di direzione di Artribune. È inoltre autore per il progetto arTVision – a live art channel, ufficio stampa per l’American Academy in Rome e Responsabile della Comunicazione della Fondazione Pino Pascali. Dal 2011 collabora con Demanio Marittimo.KM-278 diretto da Pippo Ciorra e Cristiana Colli, con Re_Place, Mu6, L’Aquila e con Arte in Centro. Dal 2006 al 2011 ha collaborato alla realizzazione del Festival dell'Arte Contemporanea di Faenza, diretto da Angela Vettese, Carlos Basualdo e Pier Luigi Sacco. Dal 2005 al 2011 ha collaborato con Exibart nelle sue versioni online e onpaper. Ha pubblicato per Maxim e Fashion Trend, mentre dal 2005 ad oggi ha pubblicato su Il Corriere della Sera, Arte, Alfabeta2, Il Giornale dell'Arte, minima et moralia e saggi testi critici su numerosi cataloghi e pubblicazioni.