Intervista col cavernicolo. Nathaniel Mellors a Roma

Monitor, Roma ‒ fino al 20 gennaio 2018. Passaggio romano per Nathaniel Mellors, reduce dall’exploit alla Biennale di Venezia (Padiglione Finlandese) e ora atteso a New York per una personale al New Museum. Il piatto forte è un video proiettato a tutta sala.

Nuova personale da Monitor per Nathaniel Mellors (Doncaster, 1974). Il protagonista è l’irsuto personaggio già visto alla Biennale di Venezia, qui definito “uomo di Neanderthal”. In un video proiettato a tutta sala il nostro antenato è irresistibile sia mentre precipita/plana schiantandosi al suolo dopo essersi lanciato da un aereo, sia mentre arringa chissà chi in una grotta illuminata con luci ed effetti psichedelici. A rapire è l’andirivieni tra l’immensamente aperto e il claustrofobico. In un’altra sala lo stesso personaggio è a terra: è diventato una scultura ed è colto nel momento dell’impatto al suolo. C’è anche un busto di Shakespeare con due cannucce di plastica che si dipartono dalle narici come antenne di insetto: non male come digressione (visto che il cavernicolo ne ha due di nasi). C’è poi un secondo video in cui l’“uomo di Neanderthal” viene raggiunto e intervistato, ma qui il registro reality dà risultati più fiacchi. Menzione speciale per i costumi.

Pericle Guaglianone

Evento correlato
Nome eventoNathaniel Mellors - Escape from Neolithic
Vernissage17/11/2017 ore 19
Duratadal 17/11/2017 al 20/01/2018
AutoreNathaniel Mellors
Generiarte contemporanea, personale
Spazio espositivoMONITOR
IndirizzoVia Sforza Cesarini 43a-44 - Roma - Lazio
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Pericle Guaglianone
Pericle Guaglianone è nato a Roma negli anni ’70. Da bambino riusciva a riconoscere tutte le automobili dalla forma dei fanali accesi la notte. Gli piacevano tanto anche gli atlanti, li studiava ore e ore. Le bandiere erano un’altra sua passione. Ha una laurea in storia dell’arte (versante arte contemporanea) ma è convinto che nessuna immagine sia paragonabile per bellezza a una carta geografica. Da qualche anno scrive appunto di arte contemporanea e ha curato delle mostre. Ha un blog di musica ma è un pretesto per ingrandire copertine di dischi. Appena può si fionda in qualche isola greca. Ne avrà visitate una trentina.