Il tempo doppio. Concetta Modica a Palermo

Francesco Pantaleone Arte Contemporanea, Palermo – fino al 24 giugno 2017. Materia e tempo sono gli elementi cardine attorno a cui si concentra la ricerca dell’artista siciliana. Al confine tra passato e presente.

Concetta Modica. Fragile - Epico. Installation view at Francesco Pantaleone Arte Contemporanea, Palermo 2017
Concetta Modica. Fragile - Epico. Installation view at Francesco Pantaleone Arte Contemporanea, Palermo 2017

A Palermo va in mostra l’ultimo progetto personale di Concetta Modica (Modica, 1969) a cura di Agata Polizzi: l’artista siciliana torna a filare insieme al suo fantasma più grande, il tempo. La ricerca di Fragile / Epico risulta in bilico tra presente e passato, tra caducità e monumentalità. Il tempo esiste come metodo della sperimentazione, come cortocircuito che trasforma la materia – limitata, corruttibile, fragile – rivelando sempiterne identità.
La potenza del lavoro di Concetta Modica risiede nel travaglio di plasmare materiali già dati con interventi ex post facto. La materia genera altra “materia”, così come fa incessantemente la natura: il ricamo tesse trame cuneiformi di cotone mentre la ceramica rivive attraverso la soluzione installativa del colore alle pareti, di scarpiana memoria. L’artista è artefice di una sofisticata inversione di senso su oggetti storicizzati propri della millenaria miscellanea della Sicilia e, conservandone antiche reminiscenze, restituisce l’umana e fugace esistenza che scorre sotto i nostri occhi.

Giusi Affronti

Evento correlato
Nome eventoConcetta Modica - Fragile/Epico
Vernissage05/05/2017 ore 18,30
Duratadal 05/05/2017 al 24/06/2017
AutoreConcetta Modica
CuratoreAgata Polizzi
Generiarte contemporanea, personale
Spazio espositivoFRANCESCO PANTALEONE ARTECONTEMPORANEA
IndirizzoVia Vittorio Emanuele 303 (Palazzo Di Napoli - Quattro Canti) 90133 - Palermo - Sicilia
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Giusi Affronti
Giusi Affronti (Palermo, 1985) è storico dell’arte e curatore; vive a Milano e Palermo e lavora nella ricerca su linguaggi e fenomenologie della cultura visiva contemporanea. Si laurea a Palermo e, poi, trascorre due anni tra Milano e Roma per un master in Museologia, Museografia e Gestione dei Beni Culturali, dove impara a sperimentare pratiche di project management e strategie di comunicazione, marketing e fundraising applicate alla cultura. Dal 2011 si occupa di progettazione e curatela di arte contemporanea presso musei, fondazioni, gallerie e spazi indipendenti; ha collaborato con RISO. Museo d’Arte Contemporanea della Sicilia (Palermo), Farm Cultural Park (Favara), Fondazione VOLUME! (Roma), Nuvole, Galleria X3, neu [nòi] - spazio al lavoro (Palermo). Ha pubblicato saggi e testi in cataloghi e pubblicazioni indipendenti. Oggi è redattore per le testate Artribune e Q Code Magazine, dove è autore di un blog di critica d’arte narrativa, “So Contemporary!”. Di un’isola (panama sulla testa e sandali ai piedi) ha sempre necessità, ché - come scrive Gesualdo Bufalino – “l’insularità, voglio dire, non è una segregazione solo geografica, ma se ne porta dietro altre: della provincia, della famiglia, della stanza, del proprio cuore”.