Arte e visioni del mondo. All’American Academy in Rome

American Academy in Rome – fino al 4 aprile 2017. Vision(e) fisica, percettiva, politica, soprannaturale e mistica. La comprensione del mondo attraverso la molteplicità. Il confronto. Il percorso. La scelta. Il tutto o il nulla. Ultimi giorni di tempo per visitare la mostra allestita presso l’istituzione capitolina. Vision(s), gli ultimi giorni …

Vision(s). American Academy in Rome, 2017. Annalisa Metta in collaborazione con Jonathan Berger
Vision(s). American Academy in Rome, 2017. Annalisa Metta in collaborazione con Jonathan Berger

American Academy in Rome è il più antico centro americano fuori dagli Stati Uniti che ogni anno offre una borsa di studio a un gruppo di artisti e studiosi. Arte, architettura, composizione, conservazione, restauro e design. Ma anche musica e letteratura.
Il percorso espositivo 2017 è ampio e variegato, come i suoi artisti. Sviluppato su più livelli – non solo concettuali – e fisicamente dislocato in differenti visioni.
Un filo conduttore lega i diversi interventi, sia che li si voglia considerare come opere a sé stanti sia come parti di un intero. Poco cambia.
Il percorso conoscitivo non è per nulla didascalico, anzi. La fruizione è assolutamente libera e fuori da ogni schema. Come la vita.
Interventi site specific e opere preconfezionate raccontano i cambiamenti fisici, politici e culturali dell’esistenza. Senza nessuna pretesa di supremazia. Senza punti fermi. Non esiste alcuna nozione riconosciuta, alcun senso di appartenenza, nemmeno di provenienza. Tutto si mescola e si confonde magicamente.

UN PROGETTO CHE COLPISCE

Che si tratti di un progetto grandioso lo capiamo subito, accolti da una monumentale opera in legno (Robert Hutchison, Architecture and Ultramoderne). Oltre quaranta artisti coinvolti hanno dato estro alla loro creatività, confrontandosi. Mescolandosi. E così, tra immagini e sculture, si attraversa un labirinto iniziatico dove si viene avvolti da raggi luminosi che da un lucernaio raggiungono il suolo (E.V.Day, In-Vitro) o si viene rapiti lungo la scalinata dal suono delle Chimes (Emiliano Maggi), e così si prosegue dalla fotografia alla scultura, senza soluzione di continuità, fino alla fine del percorso. Passando per il cuore pulsante della rassegna che racchiude in sé il senso autentico della multiformità.

Vision(s). American Academy in Rome, 2017. Enrico Riley
Vision(s). American Academy in Rome, 2017. Enrico Riley

TUTTE LE SFUMATURE DI ARLECCHINO

The Most Brilliant of the Masks è l’Arlecchino camaleontico e servizievole, astuto e beffardo, estremamente versatile e contraddittorio (come i numerosi colori del suo costume). A questa icona della Commedia dell’Arte viene dedicata un’intera sezione, ampiamente sviluppata dai vari interventi. In questo puzzle multiforme, sublime metafora, gli equilibri vengono costantemente ridiscussi. Con le sue inconciliabili debolezze, nel tentativo di estorcere felicità a noi stessi, questa mirabile maniera di vedere il mondo, come forma di lusso dell’animo o di estrema povertà, ci spinge a trovare un traguardo che la maggior parte delle volte è nascosto dentro di noi. Nella nostra comune esperienza dell’immaginario e della realtà. Un semplice, umano desiderio di trovare chi ci assomiglia per stabilire un legame, e per sentire, nel profondo del cuore, che non siamo soli.

Michele Luca Nero

Evento correlato
Nome eventoCinque Mostre 2017 - Vision(s)
Vernissage14/02/2017 ore 18
Duratadal 14/02/2017 al 04/04/2017
CuratoreIlaria Gianni
Generiarte contemporanea, collettiva
Spazio espositivoAMERICAN ACADEMY IN ROME
IndirizzoVia Angelo Masina 5 - Roma - Lazio
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Michele Luca Nero
Michele Luca Nero (Agnone, 1979), figlio d’arte, inizia a dipingere all’età di sei anni. Una passione ereditata dal padre, Francesco, insieme a quella teatrale acquisita dal nonno, Valentino, poeta e drammaturgo riconosciuto a livello internazionale. In pochi anni ha curato e realizzato numerose mostre, tra cui alcune personali. Un successo di pubblico che lo ha accompagnato anche nelle performance teatrali, non senza un'esperienza come ufficio stampa. Appassionato di cultura e società ma dotato di uno spiccato senso critico. Curioso, perfezionista, esteta. Forse a causa della sua innata passione per la musica, per la quale vanta oltre ad una laurea in etnomusicologia, anche studi musicali di pianoforte. Ha maturato esperienze nell'insegnamento e nella trascrizione musicale apportando un decisivo contributo alla salvaguardia del patrimonio di tradizione orale delle melodie della sua terra di origine. Vivace sperimentatore nel campo della pittura è alla costante ricerca di sempre nuovi linguaggi espressivi. Sostenitore del collage cerca da sempre di unire tradizione e modernità, con un ricorrente accenno al mondo del sacro, sua costante ossessione. La formazione teatrale ha influito notevolmente sulla sua concezione del corpo (figura), dello spazio e della materia. Nelle sue opere prevale sempre un carattere deciso, vuoi nel colore che nella definizione del soggetto: eleganza nella postura, espressività delvolto. Ha frequentato un corso di mimo e uno di portamento e passerella. In qualità di illustratore ha pubblicato “Matteo e il viaggio nel meraviglioso mondo dei libri” (2009) e “Gigì le coiffeur et la maison de beauté” (2011) per la Edigiò. È direttore responsabile del magazine CU.SP.I.D.E. (cultura, spettacolo, intrattenimento, divagazioni artistiche, etno-gastronomia). Dal 2011 fa parte dello staff redazionale di Artribune.