Scrittura e processo creativo. Fabian Herkenhoener a Roma

Galleria T293, Roma – fino al 27 gennaio 2017. L’artista tedesco presenta le opere realizzate durante la sua residenza nella Capitale: grandi tele e murales eseguiti con la tecnica del cut-up. Esposti anche alcuni video che ritraggono Herkenhoener al lavoro.

Fabian Herkenhoener, Untitled (Her veils...), 2016. Courtesy of the Artist & T293. Photo Roberto Apa
Fabian Herkenhoener, Untitled (Her veils...), 2016. Courtesy of the Artist & T293. Photo Roberto Apa

I lavori esposti in questa prima mostra personale di Fabian Herkenohoener (Hennef, 1984) sono tutti caratterizzati da scritte disposte su tela bianca o su fondi colorati a formare griglie geometriche o a mimare appunti vergati a mano. L’artista parte dalla scelta di alcuni versi sia suoi che di poeti come Rimbaud, Bataille, Eliot e da brani tratti da Burroughs o da canzoni rap, mescolati casualmente da un software. Ne derivano testi privi di significato compiuto, poi ripresi e copiati sulle tele o sui muri. Le parole assumono un significato che va oltre quello semantico ed esprimono una valenza emozionale; diventano parte di un processo che mette insieme aspetti diversi dell’artista: quello più intimo e riflessivo e quello più esteriore. L’opera è vista come un momento di tale percorso. Lo stesso titolo della mostra, che significa “appena arrivato a casa”, sottolinea proprio il momento di transizione tra l’intimità domestica e il mondo esterno. Le parole assumono anche una valenza estetica. Spogliate del loro significato, diventano dei segni di cui l’artista cura la forma e la posizione. Allo stesso tempo Herkenhoener non può avere il controllo totale dell’opera e la stessa casualità che determina i testi caratterizza anche gli sfondi ottenuti strofinando le tele su pigmenti colorati sparsi sul pavimento.

Barbara Di Tanna

Evento correlato
Nome eventoFabian Herkenhoener - Heim just
Vernissage14/12/2016 ore 19
Duratadal 14/12/2016 al 27/01/2017
AutoreFabian Herkenhoener
Generiarte contemporanea, personale
Spazio espositivoT293
Indirizzovia Ripense 6 - Roma - Lazio
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Barbara Di Tanna
Sono un architetto, mi occupo di progettazione architettonica e interior design. In passato ho lavorato nell'ambito del restauro architettonico ed archeologico. Ho sempre dipinto, disegnato, creato. Adoro lavorare con le mani e mi interessa l'arte in tutte le sue forme. Quasi per caso mi sono avvicinata al mondo del contemporaneo, territorio che sto esplorando con vivo interesse e curiosità, ricercando punti di incontro tra la mia professione e questa nuova passione.