Cosa esporrà Damien Hirst a Venezia? Ad aprile doppia mostra alla Collezione Pinault

A 13 anni dall’ultima retrospettiva a Napoli, un grande ritorno in Italia dell’artista britannico. Con una personale in contemporanea, per la prima volta, a Palazzo Grassi e a Punta della Dogana

Damien Hirst ad aprile a Palazzo Grassi e a Punta della Dogana (foto Christoph Gerigk © Damien Hirst and Science Ltd)
Damien Hirst ad aprile a Palazzo Grassi e a Punta della Dogana (foto Christoph Gerigk © Damien Hirst and Science Ltd)

Per la prima volta nella storia dei suoi musei, le due sedi veneziane della Collezione Pinault – Palazzo Grassi e Punta della Dogana – saranno dedicate contemporaneamente ad un singolo artista. Del resto il nome, pur dividendo da sempre l’opinione pubblica fra detrattori e ammiratori, è di quelli che necessitano di eccezioni: ovvero Damien Hirst. Treasures from the Wreck of the Unbelievable – questo il titolo della mostra in questione, aperta al pubblico dal 9 aprile – segna anche il ritorno in Italia dell’artista britannico in una grande personale dopo la retrospettiva del 2004 presso il Museo Archeologico Nazionale di Napoli, ed è frutto di un lavoro durato dieci anni.

DUE MISTERIOSI VIDEO

A Venezia si vuole mettere in evidenza il rapporto di lunga data dell’artista con la Collezione Pinault, suo artista chiave: il lavoro di Hirst è stato, infatti, precedentemente esposto a Palazzo Grassi ben due volte. Prima, nella sua mostra inaugurale del 2006 Where Are We Going?, una collettiva che prendeva il titolo proprio dall’opera dell’artista britannico Where Are We Going? Where Do We Come From? Is There a Reason? (2000–2004); poi nel 2007 in A Post-Pop selection. Altri lavori di Hirst sono stati esposti in occasione di altre due mostre della Collezione Pinault: A Triple tour alla Conciergerie di Parigi nel 2013 e Art Lovers al Grimaldi Forum di Monaco nel 2014. La mostra, curata da Elena Geuna, fa parte di un ciclo di monografie intitolate a grandi artisti contemporanei: Urs Fischer (2012), Rudolf Stingel (2013), Martial Raysse (2015) e Sigmar Polke (2016) che si alternano alle mostre collettive tematiche della Collezione Pinault. E a far salire la febbre dell’attesa contribuiscono i due misteriosi video di presentazione della mostra, che suggeriscono un tema “acquatico” senza però consentire conclusioni…

www.palazzograssi.it

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Artribune è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata all’arte e alla cultura contemporanea, nata nel 2011 grazie all’esperienza decennale nel campo dell’editoria, del giornalismo e delle nuove tecnologie.

1 COMMENT

  1. Ricordo anzi io c’ero , il grande maestro dell’arte contemporanea a trasformato le suo sculture organiche in oro per milioni di euro di nuovo sarà in Italia incontrato a Napoli nella sua retrospettiva del lontano 2004 realizzata nel museo Archeologico quel giorno a assegnato la mia maturità artistica ed intellettuale grande incontro e divertente chiacchierata

Comments are closed.