Cinque artisti per il Tribunale di Firenze. Ecco i vincitori del bando per un’installazione

I vincitori sono il giapponese Shigeru Saito, Antonio Violetta, l’albanese, ma residente a New York, Sislej Hxafa, Virginia Zanetti e Mauro Pace: per loro budget da 70mila a 136mila euro

Il Palazzo di Giustizia di Firenze
Il Palazzo di Giustizia di Firenze

Tra le città che negli ultimi anni si sono maggiormente distinte nella promozione dell’arte contemporanea – ne abbiamo parlato mille volte – c’è stata sicuramente Firenze, con iniziative – più o meno amate – come la strafamosa operazione di Ai Weiwei a Palazzo Strozzi, o il maxi intervento di arte pubblica Riva diretto da Valentina Gensini sul tema dell’alluvione, per citarne solo un paio. Non tutti sapevano inoltre che nel 2015 il Comune aveva indetto un bando per selezionare cinque artisti per altrettanti interventi a Palazzo di Giustizia e nelle aree vicine a Novoli, un quartiere a nord-ovest della città.

ARTE, LEGGE E DIRITTI CIVILI

Ora arrivano i vincitori: che sono il giapponese Shigeru Saito, Antonio Violetta, l’albanese – ma residente a New York – Sislej Hxafa, Virginia ZanettiMauro Pace (insieme a Saverio Villirillo e Gregorio De Luca Comandini). Pace e Zanetti, per la categoria under 35, riceveranno 70mila euro, gli altri beneficeranno di una somma massima di 136mila euro. Le opere, selezionate su 228 candidature, dovranno essere consegnate entro il 2017 e rispettare i temi della relazione tra le persone e la giustizia e quello dei diritti civili: insomma respirare lo spirito del luogo e sottolineare l’importanza dei valori legati a giustizia, rispetto, parità, imparzialità nella nostra società. Il bando è stato indetto in base alla legge 717 del 1949, che impone alle amministrazioni pubbliche che costruiscono nuovi edifici pubblici di destinare una quota della spesa per realizzare opere di abbellimento degli edifici stessi. Firenze è stata una delle pochissime città a tenere conto di questa legge…

comune.fi.it/

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Artribune è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata all’arte e alla cultura contemporanea, nata nel 2011 grazie all’esperienza decennale nel campo dell’editoria, del giornalismo e delle nuove tecnologie.