I giovani artisti si vanno a pescare direttamente al liceo. A Verona la galleria Volto d’Arte promuove l’opera degli studenti

Inaugura il 17 dicembre a Verona il nuovo spazio, che vuole seguire il lavoro dei giovani studenti offrendo loro una prima piazza di confronto

Marita Galazzini, Figura, 2010-2015

Largo ai giovani. Anzi, ai giovanissimi. Se siete stanchi delle solite cose, se siete a caccia di nuove, anzi nuovissime idee, la galleria Volto d’Arte, che inaugura il 17 dicembre a Verona, potrebbe darvi delle risposte. Promossa dall’Associazione culturale nata in nome di Marita Galazzini, un’artista e professoressa veneta recentemente scomparsa, la galleria ha infatti come obiettivo quello di dare un’opportunità espositiva agli artisti in erba, con particolare interesse per i giovanissimi veronesi del Liceo Artistico. “Un luogo di sperimentazione e di incontro per l’arte contemporanea, opportunità di confronto e di visibilità con il mondo dell’arte e in relazione al territorio della città”, spiegano gli organizzatori.

UN FENOMENO EMERGENTE
La prima mostra – in onore della amata prof, nata nel 1959 a Peschiera del Garda – si intitola Tra e per i sogni di Marita, dedicata alla produzione dell’artista con una selezione di opere, soprattutto il recente ciclo dei Tappeti volanti (2010 – 2013), serie di tessuti realizzati a mano dall’artista intrecciando strisce di pile riciclato, o le Nature (2013 – 2015), ultimo progetto rimasto incompiuto. Successivamente la galleria si dedicherà alla promozione della giovane arte. Come già raccontato da Artribune, sono sempre di più i giovanissimi che ai 4 angoli del globo si rendono protagonisti nell’arte: pochi giorni fa parlavamo di Achilleas Souras, un giovanissimo artista di soli 16 anni che con la sua scuola, l’American School, ha realizzato un progetto artistico chiamato SOS – Save our Souls, finalizzato al recupero di oltre 4500 giubbotti di salvataggio abbandonati sull’Isola di Lesbo in Grecia, dove periodicamente approdano i migranti. E del diciassettenne Nenous Thabit, deciso a scolpire nuovamente le antiche statue distrutte dagli estremisti islamici nella città antica di Nimrud, in Iraq, un insediamento di 3300 anni, un tempo capitale dell’impero assiro.

Santa Nastro

Volto d’Arte
Via Volto San Luca 16 – Verona
www.voltodarte.it

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Santa Nastro
Santa Nastro è nata a Napoli nel 1981. Laureata in Storia dell'Arte presso l'Università di Bologna con una tesi su Francesco Arcangeli, è critico d'arte, giornalista e comunicatore. Attualmente è membro dello staff di direzione di Artribune. È inoltre autore per il progetto arTVision – a live art channel, ufficio stampa per l’American Academy in Rome e Responsabile della Comunicazione della Fondazione Pino Pascali. Dal 2011 collabora con Demanio Marittimo.KM-278 diretto da Pippo Ciorra e Cristiana Colli, con Re_Place, Mu6, L’Aquila e con Arte in Centro. Dal 2006 al 2011 ha collaborato alla realizzazione del Festival dell'Arte Contemporanea di Faenza, diretto da Angela Vettese, Carlos Basualdo e Pier Luigi Sacco. Dal 2005 al 2011 ha collaborato con Exibart nelle sue versioni online e onpaper. Ha pubblicato per Maxim e Fashion Trend, mentre dal 2005 ad oggi ha pubblicato su Il Corriere della Sera, Arte, Alfabeta2, Il Giornale dell'Arte, minima et moralia e saggi testi critici su numerosi cataloghi e pubblicazioni.