Festività coi i giochi da tavolo (e non solo) a tema arte

Disegnare, creare una collezione, essere creativi e imparare a fare squadra. Anche durante le festività è possibile divertirsi in famiglia e con gli amici, senza lasciar fuori l’arte. Ecco i nostri consigli

Non riuscite a spiegare ai vostri amici cosa significhi essere un curatore? Non volete giocare a Briscola o a Scala 40 durante le feste natalizie 2021? Se il Trivial Pursuit è nelle vostre corde ma vorreste provare qualcosa di nuovo, abbiamo delle valide alternative per adulti e bambini, eccole qui.  

-Giorgia Basili  

1. I GIOCHI DI CAS HOLMAN, CREATIVI E GENDERLESS  

GEEMOpackage

Cas Holman è una designer americana e la sua azienda Heroes Will Rise si contraddistingue per una poetica improntata sullo spirito dell’invenzione e sulla creatività. “L’anima di questi prodotti è idealista, ottimista e radicata nella convinzione che l’immaginazione sia una parte essenziale dell’infanzia”. La gamma di proposte non è declinabile per genere e incoraggia il gioco esplorativo. Holman ha inventato Geemo mentre studiava: la sua creazione è stata lanciata al NY MoMA Design Store nel 2007 e ha vinto numerosi premi. All’interno della confezione si trovano degli arti magnetici flessibili che si afferrano e si respingono a vicenda in modi imprevedibili. Imagination Playground è invece un progetto su larga scala, concepito come un’unità di stoccaggio mobile per tradurre il parco giochi in un “pop-up” adattabile a tutti gli angoli del mondo: è composto da moduli – grandi blocchi da costruzione – che costituiscono le “parti sciolte” da assemblare insieme per creare flessibili architetture. 

https://casholman.com/projects  

2. ARTLINK, IL GIOCO DA TAVOLA PER ASPIRANTI CURATORI E AMANTI DELL’ARTE  

 

È un gioco da tavolo, prodotto da dV Giochi, sul ruolo del curatore e sull’arte contemporanea italiana, realizzato in partnership con il Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale. Artlink Farnesina! ha vinto il concorso Gioco Inedito 2021– Miglior Proposta di Gioco, contest internazionale per game designer emergenti, realizzato da Lucca Comics&Games. Partendo dalla Collezione Farnesina, il game designer Luca Rosa ha ideato un gioco di carte per il quale chi partecipa non deve essere un esperto d’arte. Ogni giocatore è libero di mettere in campo le proprie associazioni mentali, di scegliere le opere che preferisce per ideare un’originale esposizione. Lo scopo del gioco è infatti realizzare, insieme agli altri giocatori (dai 3 ai 5 partecipanti), una mostra a tema usando le opere d’arte della Collezione Farnesina. C’è un piccolo problema: nessuno sa quale tematiche siano capitate agli altri. Quest’attività ludica, di tipo cooperativo, non è adatta per gli amanti della competizione ma può essere ottima per rafforzare il team-building, anche all’interno di un’impresa e sviluppare la creatività.

Dove comprare Artlink Farnesina. 

3. MODERN ART DI REINER KNIZIA 

Modern Art

Modern Art è un gioco da tavolo in stile tedesco (regole semplici, partite brevi, meccaniche di gioco astratte) ideato da Reiner Knizia nel 1992. Si basa ma anche canzona, con un tocco di cinismo, le dinamiche finanziarie legate al mondo dell’arte. L’azienda CMON ha riformulato l’estetica ludica in un’edizione rinnovata, giunta in Italia grazie ad Asmodee. In cosa consiste? Da 3 a 5 giocatori interpretano il ruolo di dirigenti in musei moderni d’altissimo profilo. Anche se non viene fornito alcun nome riguardo alle istituzioni riconducibili alle illustrazioni presentate, si riescono ad identificare il Guggenheim Museum di New York, la TATE di Londra, il MASP di San Paolo, il Centro Pompidou di Parigi e il Reina Sofia di Madrid. Ciascun giocatore riceve delle carte e, quando è il suo turno, deve vendere le opere d’arte associate. A questo scopo, sono adottabili cinque diverse tipologie di asta: libera, a giro singolo, al buio, a prezzo fisso, doppia. Nel gioco bisogna essere abili nel manovrare i meccanismi del mercato, in modo da raccogliere un ingente bottino e far convergere nelle casse dei musei nuove risorse pecuniarie. 

 

https://www.tomshw.it/culturapop/modern-art-recensione/ 

4. DOODLES, SCARABOCCHI ALLA VELOCITÀ DELLA LUCE 

doodles

“Non importa esserne capaci: disegnare non è mai stato così divertente! In Doodles tutti i giocatori disegnano contemporaneamente in manches di 30 secondi”. Su cosa si basa la sfida? Bisogna indovinare e far indovinare quale sia la parola giusta che ha ispirato lo scarabocchio. Non c’è bisogno di essere abili disegnatori, il gusto è proprio quello: non c’è giusto né sbagliato, solo il divertimento di far scorrere velocemente la matita sul foglio e regalarsi un po’ di relax, fuori dalle convenzioni delle scuole d’arte. Si avverte: “davanti al tempo che corre nessuna abilità nel disegno vi aiuterà a vincere”! L’autore è Jeff Lai. 

https://www.dungeondice.it/18979-doodles.html 

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Giorgia Basili
Giorgia Basili (Roma, 1992) è laureata in Scienze dei Beni Culturali con una tesi sulla Satira della Pittura di Salvator Rosa, che si snoda su un triplice interesse: letterario, artistico e iconologico. Si è spe-cializzata in Storia dell'Arte alla Sapienza con una tesi di Critica d'arte sul cinema di Pier Paolo Pasolini, letto attraverso la lente warburghiana della Pathosformel. Collabora con diverse riviste di settore prediligendo tematiche quali l’arte urbana e il teatro, la cultu-ra e l’arte contemporanea nelle sue molteplici sfaccettature e derive mediali. Affascinata dall’innesto del visivo con la letteratura, di tea-tro e mitologia, si dedica alla scrittura di poesie per esprimere la propria sensibilità e il proprio pensiero estetico-critico su ciò che la circonda.