Paesaggio senza fine(stra). L’editoriale di Claudio Musso

Claudio Musso si interroga sui confini del paesaggio, soprattutto in un’epoca come quella attuale, dominata dalla presenza della tecnologia.

Blue Marble, la fotografia della Terra scattata il 7 dicembre 1972 da Harrison Schmitt dall'Apollo 17. Courtesy NASA
Blue Marble, la fotografia della Terra scattata il 7 dicembre 1972 da Harrison Schmitt dall'Apollo 17. Courtesy NASA

Da qualche tempo provo un interesse morboso per il paesaggio, m’interessano il lemma e le sue origini, non faccio che pensare alla sua (im)possibile (s-)definizione, mi arrovello sulle sue cornici, reali o immaginarie che siano. Insomma, una vera e propria “ossessione paesaggio”.
Niente a che vedere però con quell’“allarme paesaggio” o “allerta paesaggio” che da anni popolano il dibattito, spostando l’attenzione sempre sul versante politico e lasciando da parte, invece, tutto l’ambito culturale. Se è vero che spesso la parola che inizia con la “P” è ampiamente diffusa su qualsiasi canale di comunicazione, è altrettanto vero che il suo costante (ab)uso non fa che consumarla, allontanarla, con il rischio di perderla. Quando tutto è paesaggio, niente lo è davvero. Quali sono allora i confini del paesaggio?
La notizia che ha scosso il mondo di recente e che tutti si sono affannati a postare e condividere sui social è la prima rappresentazione fotografica (o almeno così è stata spesso definita) di un buco nero. Ripartiamo da qui. Da uno spazio-tempo assolutamente distante che, con l’utilizzo combinato di tecnologie all’avanguardia, diviene un’immagine a portata di tutti.

Nicholas Mirzoeff - Come vedere il mondo (Johan & Levi, 2017)
Nicholas Mirzoeff – Come vedere il mondo (Johan & Levi, 2017)

MIRZOEFF E CLARK

L’ipotesi è paradossale, lo ammetto, ma questa immagine potrebbe ridefinire la nostra idea di paesaggio? Il caso ricorda quello citato da Nicholas Mirzoeff nel suo Come vedere il mondo, la fotografia del globo terrestre scattata nel 1972 dall’astronauta Schmitt. “Da quando è stata scattata, nessun essere umano ha più goduto in prima persona di quella prospettiva, eppure, grazie a ‘Blue Marble’, la maggior parte di noi ha la sensazione di sapere che aspetto ha la Terra”. Registrare il pianeta al di fuori dell’atmosfera proietta il punto di vista oltre quella finestra che per secoli è stata la cornice “naturale” del paesaggio e spinge a sovrapporre i limiti del visibile (e del paesaggio) con i limiti dell’immagine.
Anche l’indagine artistica sul paesaggio, che prosegue incessante nonostante le alterne fortune del genere, si occupa spesso di indagare i rapporti esistenti tra l’immagine e la realtà. Del resto già Kenneth Clark, nel suo Il paesaggio nell’arte, sosteneva che la fotografia avesse avuto un’influenza indiretta sulla percezione e sull’arte: “Ha dato agli artisti la possibilità di allargare il campo della loro esperienza estetica molto al di là della loro diretta esperienza della natura”.

OLTRE L’ORIZZONTE

Il nostro immaginario è popolato e condizionato da contorni che i lens-based media hanno tracciato intorno al paesaggio, inquadrandolo e generando dei filtri che guidano la visione secondo percorsi prestabiliti. La mappa non è il territorio, lo sappiamo, e l’immagine non è l’ambiente, aggiungiamo. La sfida allora è quella di recuperare l’analisi e l’esperienza per disegnare nuove traiettorie. E per andare oltre l’orizzonte. Anzi, oltre l’orizzonte degli eventi.

Claudio Musso

Articolo pubblicato su Artribune Magazine #49

Abbonati ad Artribune Magazine
Acquista la tua inserzione sul prossimo Artribune

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Claudio Musso
Critico d'arte e curatore indipendente, la sua attività di ricerca pone particolare attenzione al rapporto tra arte visiva, linguaggio e comunicazione, all'arte urbana e alle nuove tecnologie nel panorama artistico. Ha conseguito il dottorato di ricerca in Archeologia e Storia dell’arte presso l'Università di Bologna, ateneo dove aveva precedentemente conseguito la laurea triennale e specialistica. Attualmente è docente di Fenomenologia delle arti contemporanee e di Teoria della percezione e psicologia della forma presso l’Accademia G. Carrara di Belle Arti di Bergamo dove ricopre il ruolo di Coordinatore del corso di Pittura, insegna inoltre Linguaggio della visione presso Spazio Labo’ a Bologna. Tra il 2007 e il 2011 ha collaborato con il MAMbo - Museo d'Arte Moderna di Bologna per la ricerca scientifica e per l'organizzazione di conferenze e incontri. Ha partecipato in qualità di curatore e di membro di giuria a festival internazionali (LPM - Live Performers Meeting, Roma – Minsk; roBOt - Digital Paths into Music and Arts, Bologna) ed è stato invitato come relatore a convegni e conferenze in Italia e all’estero (tra le altre AVANCA | CINEMA International Conference Cinema, Art, Technology - Cineclub Avanca, Portogallo; VIII MAGIS – International Film Studies Spring School - Università di Udine, Gorizia; Artscapes - An Interdisciplinary Conference on Art and Urban Scapes - University of Kent, Canterbury). Dal 2004 al 2011 è stato collaboratore di Exibart.com e Exibart.onpaper, dove dal 2008 dirigeva la rubrica visualia. Prende parte al network Digicult e collabora con il magazine di cultura digitale Digimag. Scrive regolarmente per Artribune. Ha pubblicato numerosi articoli, testi critici e saggi, il più recente si intitola Dalla strada al computer e viceversa (Libri Aparte, Bergamo 2017).