Ciack, si gira. 9 oggetti a tema cinematografico

Oggi i film li vediamo un po’ ovunque: sulla tv, sul computer e persino sul telefono, ma il fascino della sala cinematografica non subisce flessioni. Ecco una selezione di oggetti dedicata agli appassionati della settimana arte.

1. ANIMAZIONE A PORTATA DI MANO

Un flipbook realizzato da Ben Zurawski aka The Flippist

Il meccanismo alla base dei flipbook è lo stesso del cinema: quando le immagini scorrono veloci, il nostro occhio le percepisce in movimento. Comparsi per la prima volta nell’Ottocento – anche se secondo alcuni ne esistono esemplari più antichi – i libricini da sfogliare con il pollice fanno parte di un ampio e affascinante gruppo di oggetti partorito durante l’era del pre-cinema. Dispositivi con nomi strani come taumatropio, fenachistoscopio e stereofantascopio. Mentre la gran parte di questi congegni è andata scomparendo, trasformandosi in curiosità per specialisti, i flipbook sono invece sopravvissuti e sono oggi di gran moda. La loro semplicità di costruzione (esistono anche app online che aiutano a stampare le immagini giuste) e il loro carattere ludico li rendono molto popolari, soprattutto agli occhi di bambini e ragazzi. L’artista Ben Zurawski, aka The Flippist, li colleziona da anni e attraverso il suo sito web accetta commissioni per la realizzazione di esemplari customizzati. Per confezionare un flipbook di 15 secondi impiega diversi giorni, a volte intere settimane, se la sequenza è lunga e complessa. Il processo è interamente manuale: “Non mi piace usare i computer. Stampare, allineare, rilegare: sono tutte cose che preferisco fare a mano. Mi piace mettere del sudore nelle cose che faccio, credo che le renda speciali”, ha dichiarato al magazine Collectors Weekly.

www.theflippist.com
prezzi su richiesta

2. BUONGIORNO, BUONASERA E BUONANOTTE

Lo specchio dello studio Crispin Finn ispirato dal film The Truman Show

Ispirato dal film Truman Show e dalle insegne vittoriane, questo specchio firmato dallo studio di design Crispin Finn è un regalo originale per gli appassionati di cinema. Caratterizzato dai colori simbolo dello studio – blu e rosso –, è stato realizzato in edizione limitata e conta solo 50 esemplari.

https://crispinfinn.com/
£ 295

3. SALOTTI KUBRICKIANI

Il tappeto ispirato all’Overlook Hotel di Shining

La fantasia di questo tappeto è inconfondibile e non mancherà di solleticare l’immaginario dei cinefili, e in particolare dei fan del grande Stanley Kubrick. Il riferimento, naturalmente, è alla tappezzeria del corridoio dell’Overlook Hotel di Shining, sopra al quale scorrevano le ruote di un famoso triciclo…

https://filmandfurniture.com/
$ 2.500

4. UN’INSEGNA PERSONALE

My Cinema Lightbox

My Cinema Lightbox è una lampada che si ispira alle vecchie insegne dei film ed è disponibile in tre diverse dimensioni: mini, original e xl. In ogni confezione è presente un set di lettere e numeri, per comporre a piacimento scritte e messaggi.

https://mycinemalightbox.com/
$ 20/100

5. GIF ANIMATE DA TAVOLO

Alessandro Scali & Marco Calabrese, Giphoscope

Il Giphoscope è opera di un duo tutto italiano, formato da Alessandro Scali e Marco Calabrese. Dal loro studio di Torino confezionano e spediscono in tutto il mondo questi bellissimi “player per gif analogici”. Disponibili in diverse versioni e customizzabili con immagini a piacere.

www.giphoscope.com
a partire da € 249

6. SUSHI NELLO SPAZIO

Set da sushi ispirato all’Enterprise

L’astronave è un piattino per la soia e le scie blu che lascia dietro di sé sono vere bacchette. Il set da sushi proposto da Thinkgeek, sito culto per i nerd di ogni latitudine, ricalca le forme dell’Enterprise, mitica nave spaziale di Star Trek.

www.thinkgeek.com
$ 29.99

7. COLAZIONI MAGICHE

Tazza in ceramica a forma di calderone, ispirato da Harry Potter

I fan del piccolo mago di J. K. Rowling sono sempre in aumento nel mondo, anche dopo la conclusione della saga. Tra i tantissimi gadget legati ai film che sono stati prodotti, un posto d’onore lo merita questa tazza in ceramica a forma di calderone. Per iniziare la giornata con un incantesimo.

www.harrypottershop.com
$ 17.95

8. BOBINE DA SALOTTO

Una scultura che riproduce una bobina

Somiglia in tutto e per tutto a una macchina da presa vintage questa scultura venduta dal sito americano di arredamento Kirkland. Realizzata in legno e metallo, è l’accessorio ideale per la vostra stanza delle proiezioni domestica.

www.kirklands.com
$ 44.97

9. I BICCHIERI DEL FUTURO

Bicchieri disegnati da Cini Boeri per la Arnolfo di Cambio

Disegnati da Cini Boeri per la Arnolfo di Cambio, questi bicchieri da whisky sono diventati famosi anche per la loro apparizione in Blade Runner, dove vengono usati da Harrison Ford nei panni di Deckard. Sono realizzati a mano e disponibili sia singoli che in coppia.

www.firebox.com
£ 119.95

Valentina Tanni

Articolo pubblicato su Artribune Magazine #48

Abbonati ad Artribune Magazine
Acquista la tua inserzione sul prossimo Artribune

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Valentina Tanni (Roma, 1976) è critica d’arte, curatrice e docente. Si interessa principalmente di new media art e di editoria multimediale. Ha curato numerose mostre, tra cui: la sezione di Net Art di “Media Connection” (Roma e Milano, 2001), le collettive “Netizens” (Roma, 2002) e “L’oading. Videogiochi Geneticamente Modificati” (Siracusa, 2003), “Maps and Legends. When Photography Met the Web” (Roma, 2010), “Datascapes” (Roma, 2011) e “Hit the Crowd. Photography in the Age of Crowdsourcing” (Roma, 2012), “Nothing to see here” (Milano, 2013), “Eternal September. The Rise of Amateur Culture” (Lubiana, 2014), “Stop and Go. L'arte delle gif animate” (Roma, 2016, Lubiana 2017). Ha collaborato con i festival di arti digitali Interferenze e Peam ed è stata curatore ospite di FotoGrafia. Festival Internazionale di Roma per la sezione “Fotografia e Nuovi Media” (edizioni 2010-2012). Ha scritto per testate nazionali e internazionali e lavorato come docente per istituzioni pubbliche e private. Attualmente insegna Digital Art al Politecnico di Milano. Dal 2011 collabora con Artribune.

LEAVE A REPLY