Noé Soulier, giovane promessa della danza europea

Enfant prodige della giovane danza francese, Noé Soulier si forma presso la scuola di Anne Teresa de Keersmaeker P.A.R.T.S, dopo un lungo periodo di studio della danza classica. A questo percorso pratico si affianca la sua ricerca nel campo della filosofia coltivata presso l’Università Paris-Sorbonne.

Noé Soulier, Removing - photo © Chiara Valle Vallomini
Noé Soulier, Removing - photo © Chiara Valle Vallomini

Noé Soulier (1987) analizza il modo in cui il movimento è interpretato e percepito attraverso un approccio pratico e teorico. Il suo lavoro interroga la tradizione classica e contemporanea per produrre spettacoli, performance, installazioni e testi concepiti sempre nel segno della scrittura coreografica. Protagonista di questo novembre con Removing al Romaeuropa festival e la nuova produzione, Faits et gestes al parigino Festival D’Automne, Noé Soulier conferma la sua vocazione d’artista faro di una nuova generazione di coreografi. Se Removing continua la ricerca già avviata con Mouvement sur Mouvement (uno spettacolo del 2014), questa volta focalizzando l’attenzione sullo studio di gesti tratti dal quotidiano e privati del loro contesto, Faits et gestes nasce da osservazioni e spunti di ricerca del precedente Removing.
Prima di lasciare spazio alle parole dell’artista, registrate in un incontro informale il mese scorso, ricordiamo che Soulier è artista associato al CND (Centre National de la Danse, Parigi) fino al 2017.

Come si integrano teoria e pratica nei tuoi spettacoli?
Il mio percorso presso P.A.R.T.S. mi ha permesso di avere un approccio pratico a gran parte del repertorio della danza contemporanea: da William Forsythe a Trisha Brown, dalla stessa de Keersmaeker a Wim Vandekeybus. Avendo già studiato la danza classica e in parte anche la danza moderna, questa scuola mi ha permesso di acquisire una conoscenza pratica e abbastanza completa della danza occidentale.
Il nostro patrimonio coreografico è molto importante: ciò che cerco di fare attraverso le mie performance, i miei spettacoli e alcuni miei testi teorici è capire come instaurare un rapporto attivo con questa eredità. Data la mia età sono erede di una generazione di danzatori prevalentemente concettuali (penso ad artisti come Xavier Leroy, Jérôme Bel o Tino Seghal). Anche per questo ho deciso di approfondire lo studio del pensiero filosofico. Non volevo essere impressionato né tantomeno annientato dalla teoria, volevo al contrario padroneggiare il pensiero, avere un campo di riferimenti teorici meno esplorato, fare in modo che la teoria non servisse solo da giustificazione delle scelte coreografiche, ma fosse parte integrante dei miei lavori.

Noé Soulier, Removing - photo © Chiara Valle Vallomini
Noé Soulier, Removing – photo © Chiara Valle Vallomini

Qual è il rapporto tra teoria e pratica?
Cerco sempre di mantenere una certa autonomia tra teoria e pratica per far sì che la pratica non sia una semplice illustrazione della teoria, o al contrario, che la teoria serva da esplicazione della pratica. In questo momento, ad esempio, sto lavorando contemporaneamente a uno spettacolo [Faits et gestes, N. d. R.], e a un libro, che sarà pubblicato dalle edizioni del CND. Il libro è un’opera coreografica che prende la forma di un testo. Nello spazio del testo analizzo le forme di movimento che appartengono alle diverse pratiche coreografiche, sia classiche-moderne sia contemporanee. Sebbene sia lavoro concettuale – puro testo, privo di immagini e disegni – esso non tende alla smaterializzazione, bensì vuole restituire una corporeità al pensiero, in modo che vi sia poi un ritorno alla pratica.

Removing mette in scena movimenti interrotti, ma nel farlo offre allo spettatore un’idea di armonia e bellezza. C’è un rapporto con il classico nel tuo lavoro?
Il mio primo approccio alla danza avviene attraverso gli studi classici al Conservatoire National Supérieur de Paris e poi all’École Nationale de Ballet du Canada. La danza classica resta per me un riferimento importante, soprattutto nella disposizione dei movimenti nello spazio. Quando si tenta di offrire attraverso la scena dei discorsi complessi è necessario renderli leggibili e fruibili per lo spettatore. Per Removing ho scelto un approccio “classico” nel modo di proporre il discorso coreografico. Ad esempio, esistono molte strategie per orientare lo sguardo, che appartengono alla danza da secoli e che utilizzo all’interno dello spettacolo: sequenze di movimento all’unisono, ripetizioni e un’omogeneità nel modo in cui i danzatori compiono i loro movimenti. La danza classica ingloba nel suo orizzonte di riferimento non solo delle modalità di movimento ma anche dei riferimenti culturali forti: le regole di galateo, il giardino alla francese o all’italiana, l’architettura del Rinascimento, la prospettiva, le linee dritte, la geometria ortogonale utilizzata per studiare lo spazio…
La danza classica è un riferimento molto importante, sebbene non tenti di riprodurne gli stilemi, la tengo sempre a mente.

Noé Soulier, Removing - photo © Chiara Valle Vallomini
Noé Soulier, Removing – photo © Chiara Valle Vallomini

Sei partito da gesti quotidiani per privarli di finalità. Come hai composto lo spettacolo?
Ho lavorato su quei movimenti che nella realtà hanno uno scopo pratico. Volevo che l’intenzione che dà origine al movimento fosse molto chiara per il danzatore che lo compie, ma, allo stesso tempo, che non fosse riconoscibile da parte dello spettatore. Infatti, se lo spettatore riconosce lo scopo di un’azione sarà portato a concentrarsi sull’aspetto narrativo del gesto o sulle sue motivazioni e non invece sulla qualità del movimento.
Nella prima parte della coreografia lavoriamo su tre azioni: picchiare, evitare e lanciare. Per sfuggire l’effetto “mimo” ci concentriamo su modalità innaturali di praticare i gesti: acchiappare oggetti immaginari, lanciare una parte del corpo come se potessimo distaccarcene, picchiare con parti del corpo di solito non utilizzate per quest’azione. Poiché tutti i movimenti scelti hanno in origine degli scopi pratici, entrano immediatamente in gioco le emozioni, e questa, per me, è una grande ricchezza.

Quali altri linguaggi hai messo in campo?
Nella seconda parte dello spettacolo riproduciamo le modalità di azione del Ju-Jitsu, un’arte marziale che si sviluppa attraverso prese e leve, ma eliminandone gli aspetti agonistici. Dal corpo a corpo tra i danzatori scaturisce una dimensione erotica e carnale molto forte agli occhi di chi guarda, ma completamente assente nell’esperienza di chi abita i movimenti.
Trovo molto emozionante quando una coreografia riesce a far emergere delle sensazioni intime senza rappresentarle o metterle in scena esplicitamente. Sono interessato al rapporto tra ciò che si può mostrare sulla scena e le sensazioni che si possono suscitare indirettamente nel pubblico.

Chiara Pirri

http://noesoulier.tumblr.com
http://romaeuropa.net/festival-2016/removing/
http://www.festival-automne.com/edition-2016/noe-soulier-deaf-sound

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Chiara Pirri
Esperta di arti performative e arti visive, particolarmente interessata al dialogo tra i diversi linguaggi artistici. Svolge attività di ricerca, è curatrice indipendente e si occupa di comunicazione. Sperimentatrice di formati ibridi tra performance, cultura pop e produzione editoriale, ha realizzato numerosi e diversi progetti di scrittura sperimentale attorno alla produzione artistica contemporanea. Ha collaborato con festival quali Romaeuropa e Drodesera - Centrale Fies, ideando e dirigendo progetti di mediazione, comunicazione e approfondimento critico. Dal 2016 è responsabile dell'area "Arti Performative" per Artribune.