L’esperimento musicale che unisce musica e cinema

Creare una colonna visiva per la musica: è questo l’obiettivo del quartetto alternative rock bolognese Earthset, come evidenziato dal loro ultimo disco

Earthset - Bound ©Elide Blind
Earthset - Bound ©Elide Blind

Fare un’operazione legata all’esperienza dei cine-concerti, ma con un percorso inverso rispetto a quello della sonorizzazione di un film: dal creare una colonna sonora per le immagini al creare una colonna visiva per la musica. È questa l’idea alla base di Bound, il nuovo disco del quartetto alternative rock bolognese Earthset, composto da Luigi Varanese, Costantino Mazzoccoli, Emanuele Orsini ed Ezio Romano, noto per aver firmato, in collaborazione con la Cineteca di Bologna, la soundtrack del primo film muto di fantascienza/horror prodotto in Italia: L’Uomo Meccanico.

Earthset, frame da Bound © Elide Blind e Simone Tacconell
Earthset, frame da Bound © Elide Blind e Simone Tacconell

BOUND, L’ALBUM DI EARTHSET

Uscito a marzo, Bound è un concept album esistenzialista, sul tema delle relazioni, umane e non, dove ogni canzone è collegata alla precedente e alla successiva, dove ogni brano ha il proprio video che va a comporre un’unica narrazione audiovisiva, dalle sonorità spesso evocative e malinconiche, squarciate da improvvise impennate noise e dodecafoniche. “Non dei semplici videoclip, ma undici video-ritratti, uno per ogni canzone del disco, che visti nell’ordine della tracklist andranno a comporre un’unitaria narrazione dell’album”, precisa la band, che ha coinvolto due artisti visivi di Bologna, Elide Blind e Simone Tacconelli, anche nella creazione delle foto, delle copertine dei singoli e del progetto grafico del supporto fisico del disco: un progetto multidisciplinare, fatto di musica, letteratura, fotografia, performance live e arti visive.

Tourists and Terrorists © Simone Tacconelli
Tourists and Terrorists © Simone Tacconelli

CINEMA E MUSICA SECONDO EARTHSET

Il legame che si è deciso di trattare è quello che si manifesta attraverso l’atto del ricordare”, raccontano i due artisti. “La rievocazione di una memoria è una relazione che persiste anche dopo l’assenza, la mancanza, la morte”. Per farlo hanno utilizzato il piano-sequenza e un’estetica rétro, ispirata alle avanguardie cinematografiche degli Anni Venti (in particolare Man Ray), ma anche a David Lynch, realizzando “immagini statiche che nel loro fluire raccontano di un’unica emozione attraverso diversi simboli. Non stupisce che sbattendo le ciglia alla fine di ciascun brano, un televisore possa diventare un’alba in riva al mare, oppure un sasso nel fiume, una pillola in un bicchiere”.
Il risultato è un po’ alla Bill Viola, dove la camera fissa raggiunge vette di sublime poesia nel dare impercettibile movimento al suono di The Stranger’s Eye, il secondo singolo: “Mi son perso nell’occhio dell’estraneo, ho sentito il tepore di quella vista sconosciuta, e ora son qui seduto coi miei pensieri, cullato dal dubbio… riusciremo mai a sopravvivere a questi giorni di aprile?”.

Claudia Giraud

https://orcd.co/earthset_bound

Articolo pubblicato su Artribune Magazine #65

Abbonati ad Artribune Magazine
Acquista la tua 
inserzione sul prossimo Artribune

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Claudia Giraud
Nata a Torino, è laureata in storia dell’arte contemporanea presso il Dams di Torino, con una tesi sulla contaminazione culturale nella produzione pittorica degli anni '50 di Piero Ruggeri. Giornalista pubblicista, iscritta all’Albo dal 2006, svolge attività giornalistica per testate multimediali e cartacee di settore. Dal 2011 fa parte dello Staff di Direzione di Artribune (www.artribune.com ), è Caporedattore Musica e cura, per il magazine cartaceo, la rubrica "Art Music" dedicata a tutti quei progetti dove il linguaggio musicale si interseca con quello delle arti visive. E’ stata Caporedattore Eventi presso Exibart (www.exibart.com). Ha maturato esperienze professionali nell'ambito della comunicazione (Ufficio stampa "Castello di Rivoli", "Palazzo Bricherasio", "Emanuela Bernascone") ed in particolare ha lavorato come addetto stampa presso la società di consulenza per l'arte contemporanea "Cantiere48" di Torino. Ha svolto attività di redazione quali coordinamento editoriale, realizzazione e relativa impaginazione degli articoli per l’agenzia di stampa specializzata in italiani all’estero “News Italia Press” di Torino. Ha scritto articoli e approfondimenti per diverse testate specializzate e non (SkyArte, Gambero Rosso, Art Weekly Report e Art Report di Monte dei Paschi di Siena, Exibart, Teknemedia, Graphicus, Espoarte, Corriere dell’Arte, La Piazza, Pagina).