Musica a Matera: il video della performance dei vincitori call per producer Open Sound Festival

A fine settembre, presso la Terrazza di Palazzo Lanfranchi a Matera, si è svolta Suite Osa, performance live finale di Open Sound Festival: suoni ancestrali lucani manipolati, frutto dei producer vincitori della call lanciata in estate

Open Sound Festival
Open Sound Festival

Quest’anno Open Sound Festival, che era nel cartellone ufficiale di Matera capitale europea della cultura 2019, non si è svolto causa Covid. Ma è andato comunque in scena un solo evento finale il 26 settembre nella suggestiva cornice della Terrazza di Palazzo Lanfranchi. Si tratta della Suite Osa, un’esecuzione dal vivo di produzioni originali, costruite sull’incontro fra musica elettronica contemporanea e suoni ancestrali della Basilicata. Per realizzare questa performance, è stata lanciata in estate una call per producer che ha visto la partecipazione di 67 candidati, affascinati dalla sfida di ricodificare, in chiave contemporanea, sonorità antichissime appartenenti al patrimonio lucano. I 9 selezionati, a fine agosto, hanno partecipato all’Open Sound Academy, in collaborazione con Sugar Music, presso il Cecilia, Centro per la creatività di Tito (PZ): due giorni di seminari, ascolti, esperienze one to one, showcase e masterclass e, alla sera, le audition/esibizioni, dei partecipanti che hanno permesso di individuare tre giovani talenti ammessi, poi, alla fase conclusiva del progetto.

SUITE OSA: I PROSSIMI APPUNTAMENTI

Nella settimana tra il 6 ed il 13 settembre, i tre producer hanno, infatti, lavorato negli studi di registrazione nel cuore dei Sassi di Matera agli inediti che sono stati co-prodotti e riarrangiati assieme ai guest producer Stabber, Clap! Clap!e Yakamoto Kotzuga, con la supervisione del direttore artistico Alioscia Bisceglia. Venerdì 9 e sabato 10 ottobre _resetfestival, da 12 anni il festival dell’innovazione musicale a Torino, ospiterà i producers selezionati con la CALL #OSA ed esibitisi durante la Suite, ovvero Mala Femmina, Enrico Lillo Dadone e Angelo Rosato Fanelli. Il tour proseguirà a Milano, a novembre, dove la Suite OSA sarà presentata nel Linecheck Festival (nella Milano Music Week) di cui Open Sound è partner. Ecco la documentazione fotografica di quello che è successo in queste settimane di preparazione e il video a cura di Monkeys Video Lab della performance finale…

Claudia Giraud

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Claudia Giraud
Nata a Torino, è laureata in storia dell’arte contemporanea presso il Dams di Torino, con una tesi sulla contaminazione culturale nella produzione pittorica degli anni '50 di Piero Ruggeri. Giornalista pubblicista, iscritta all’Albo dal 2006, svolge attività giornalistica per testate multimediali e cartacee di settore. Dal 2011 fa parte dello Staff di Direzione di Artribune (www.artribune.com ), è Caporedattore Musica e cura, per il magazine cartaceo, la rubrica "Art Music" dedicata a tutti quei progetti dove il linguaggio musicale si interseca con quello delle arti visive. E’ stata Caporedattore Eventi presso Exibart (www.exibart.com). Ha maturato esperienze professionali nell'ambito della comunicazione (Ufficio stampa "Castello di Rivoli", "Palazzo Bricherasio", "Emanuela Bernascone") ed in particolare ha lavorato come addetto stampa presso la società di consulenza per l'arte contemporanea "Cantiere48" di Torino. Ha svolto attività di redazione quali coordinamento editoriale, realizzazione e relativa impaginazione degli articoli per l’agenzia di stampa specializzata in italiani all’estero “News Italia Press” di Torino. Ha scritto articoli e approfondimenti per diverse testate specializzate e non (SkyArte, Gambero Rosso, Art Weekly Report e Art Report di Monte dei Paschi di Siena, Exibart, Teknemedia, Graphicus, Espoarte, Corriere dell’Arte, La Piazza, Pagina).