Il disco relazionale di Alex Cremonesi

Estetica relazionale e musica si fondono nell’attività di Alex Cremonesi. Nel suo ultimo disco ha guardato alle logiche dell’arte contemporanea.

Alex Cremonesi. Photo © Simone Cargnoni
Alex Cremonesi. Photo © Simone Cargnoni

Alessandro o Alex Cremonesi, fondatore e autore di molti testi dei La Crus, ci ha abituati a progetti molto particolari e raffinati: da Canzoni Invisibili, uscito per Moleskine, a Vinyl in Canvas, oggetto d’arte da esporre in galleria, è un susseguirsi di lavori dove l’estetica relazionale si fonde con la musica.
Anche il suo ultimo disco uscito per Riff Records, La Prosecuzione della Poesia con Altri Mezzi, pensato con modalità più vicine all’arte contemporanea che al tradizionale approccio discografico, non fa eccezione. Per realizzarlo ha invitato trentasei tra musicisti e cantanti – Bienoise, Lagash dei Marlene Kuntz, Riccardo Sinigallia, Max Casacci dei Subsonica, fino a Howie B, il produttore scozzese noto per le collaborazioni con Björk, U2 e Tricky – a mandare il loro contributo. “Ho chiesto loro un frammento sonoro, un loop, scelto a proprio totale piacimento, senza alcun vincolo”, ci spiega Cremonesi. “Agli interpreti vocali ho suggerito di interpretare altrettanto liberamente uno a loro scelta fra cinque brevi testi ispirati alla psicoanalisi”. Poi il suo lavoro di mash-up ha fatto il resto, dando origine a diciassette brani elettronici dal sapore cantautorale. “L’essenza di questo tipo di pratica risiede nell’invenzione di relazioni fra i soggetti, nel metterci ‘laddove non eravamo’; nell’inventare incontri possibili”, continua Cremonesi.

ORFEO ED EURIDICE

Se per ‘Orfeo’ Edda avesse ascoltato il giro di synth di Davide Arneodo non avrebbe mai cantato il testo a quel modo; viceversa, se Davide avesse ascoltato la voce di Edda mai e poi mai avrebbe tirato fuori quella frase di synth per accompagnarla! In questo mi è piaciuto richiamare la frase di Miró secondo il quale ‘è la materia a dettare l’opera”. Una citazione che compare anche nel manifesto poetico, contenuto nel packaging del disco: un’edizione numerata di 250 copie assemblate “sartorialmente” dallo stesso musicista, ideatore di grafica, lettering, foto delle cartoline e della cover, con l’immagine di Orfeo ed Euridice seduti fuori fuoco.
A latere, un contributo video dei Masbedo. “Fa parte di una installazione intitolata ‘Il silenzio non esiste’ presentata a Torino in una mostra alla galleria di Riccardo Costantini dal 6 febbraio; il video è abbinato a una versione remix di Orfeo 2, con un featuring tra Lorenzo Monguzzi e Alessandra Bossa”, conclude Cremonesi.

Claudia Giraud

https://www.riffrecords.it/

Articolo pubblicato su Artribune Magazine #53

Abbonati ad Artribune Magazine
Acquista la tua inserzione sul prossimo Artribune

Dati correlati
AutoreAlex Cremonesi
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Claudia Giraud
Nata a Torino, è laureata in storia dell’arte contemporanea presso il Dams di Torino, con una tesi sulla contaminazione culturale nella produzione pittorica degli anni '50 di Piero Ruggeri. Giornalista pubblicista, iscritta all’Albo dal 2006, svolge attività giornalistica per testate multimediali e cartacee di settore. Dal 2011 fa parte dello Staff di Direzione di Artribune (www.artribune.com ), è Caporedattore Musica e cura, per il magazine cartaceo, la rubrica "Art Music" dedicata a tutti quei progetti dove il linguaggio musicale si interseca con quello delle arti visive. E’ stata Caporedattore Eventi presso Exibart (www.exibart.com). Ha maturato esperienze professionali nell'ambito della comunicazione (Ufficio stampa "Castello di Rivoli", "Palazzo Bricherasio", "Emanuela Bernascone") ed in particolare ha lavorato come addetto stampa presso la società di consulenza per l'arte contemporanea "Cantiere48" di Torino. Ha svolto attività di redazione quali coordinamento editoriale, realizzazione e relativa impaginazione degli articoli per l’agenzia di stampa specializzata in italiani all’estero “News Italia Press” di Torino. Ha scritto articoli e approfondimenti per diverse testate specializzate e non (SkyArte, Gambero Rosso, Art Weekly Report e Art Report di Monte dei Paschi di Siena, Exibart, Teknemedia, Graphicus, Espoarte, Corriere dell’Arte, La Piazza, Pagina).