Seeyousound 2020. A Torino le 6 cose da non perdere del festival di cinema a tematica musicale

Dall’omaggio al regista del film sui Sex Pistols, Julien Temple, al focus sul video animatore Donato Sansone, ecco una selezione di sei eventi della sesta edizione della rassegna di musica e cinema a Torino

Dopo aver esportato il format nel resto d’Italia e in Europa, torna nella propria città d’origine Seeyousound – il primo festival italiano di cinema a tematica musicale, nato a Torino nel 2015 da un’idea dell’associazione Choobamba. Organizzato da Associazione Seeyousound, con il patrocinio di Museo Nazionale del Cinema e Città di Torino, è in programma per la sua sesta edizione sotto la Mole dal 21 febbraio al 1 marzo con tante novità. “Seeyousound numero 6, nuove date e nuovo programma”, racconta il direttore del festival Carlo Griseri. “Quando si lavora con intensità a un progetto come questo, che si sviluppa quasi quotidianamente e che nell’ultimo anno ha visto un’espansione in sei città italiane, oltre a svariati altri progetti e al lavoro internazionale del network di festival tematici nato lo scorso anno proprio durante il nostro, si rischia di non accorgersi del tempo che passa. Poi metti insieme i pezzi di tutto ciò su cui hai lavorato e guardi il programma completo che siamo riusciti a costruire quest’anno: un po’ di orgoglio, inutile nasconderlo, c’è”. Un ricco programma di 10 giorni con 64 appuntamenti per 99 film e videoclip tra concorsi, rassegne e proiezioni speciali, di cui 24 anteprime italiane, 3 assolute, 1 internazionale e 1 produzione originale, accompagnati da registi e ospiti, live ed eventi collaterali in 5 location. Ecco tutti gli highlight di questa edizione…

-Claudia Giraud

https://www.artribune.com/mostre-evento-arte/seeyousound-festival-2020/

1. INAUGURAZIONE E OMAGGIO A JULIEN TEMPLE

IBIZA THE SILENT MOVIE_nella foto Fatboy Slim

Il festival prende il via alla presenza di Julien Temple, personaggio iconico che ha saldato la sua carriera al cinema e alla musica, e la proiezione in anteprima italiana del suo ultimo film Ibiza – The Silent Movie (Regno Unito, 2019, 91’). Realizzato in coppia con Fatboy Slim, music director dell’intera colonna sonora, questo film muto mescola la musica a video d’archivio e originali creando un’esperienza audiovisiva inedita, che ripercorre dagli albori la storia della mitica isola spagnola, dove suoni e culture si incontrano da sempre e che negli ultimi decenni è diventata capitale del clubbing internazionale. Il regista, ospite d’onore di questa edizione, sarà protagonista anche di un omaggio che, durante la giornata di sabato 22 febbraio, lo vedrà in sala a presentare tre titoli della sua filmografia accomunati dallo sguardo attento e affascinato sulla relazione e influenza reciproca che si instaura tra luoghi e musica: in anteprima italiana, Habaneros, racconta L’Havana lungo i cambiamenti politici, culturali e la vibrante scena musicale; Oil City Confidential documentario sui Dr. Feelgood, band inglese anni ‘70 dal rock spoglio e minimale; Rio 50 Degrees sulla storia di come Rio de Janeiro, con i suoi musicisti e la loro musica, ha scoperto la libertà e trovato una chance di ri-democratizzazione.

21 e 22 febbraio – Cinema Massimo, via Verdi 18

2. LE SONORIZZAZIONI LIVE DELLE PROIEZIONI

MARLENE KUNTZ

Seeyousound porterà a Torino ospiti come Christophe Chassol che sonorizzerà Ludi, film da lui scritto e composto; i Marlene Kuntz con la sonorizzazione del muto anni ’30 Menschen am Sonntag; Massimo Zamboni dei CCCP e CSI, regalerà al pubblico alcuni brani live per la proiezione de La macchia mongolica; Patrizio Fariselli degli Area, sarà protagonista della serata Gioia e rivoluzione che celebrerà l’indimenticato Demetrio Stratos, durante la quale suonerà alcuni pezzi.

Cinema Massimo, via Verdi 18

3. L’ARTWORK DI DONATO SANSONE PER I 15 ANNI DEL GRUVILLAGE 105 MUSIC FESTIVAL

Party – Donato Sansone

Da anni il GruVillage 105 Music Festival sceglie l’arte contemporanea come veicolo di comunicazione. E lo fa affidando a un artista visuale il compito di realizzare in esclusiva un’opera che diventi il fil rouge di tutta l’immagine e la comunicazione di questa rassegna di musica e spettacolo dal vivo, che ogni estate trasforma l’Arena verde di Le Gru in una delle manifestazioni di punta del panorama estivo del nord ovest, e realizzando anche un art-movie che racconti la line-up. Per l’edizione 2020 e in occasione della celebrazione dei suoi primi 15 anni, il compito è stato affidato a Donato Sansone: “uno degli autori più visionari, innovativi e inquietanti del panorama italiano» secondo noi di Artribune. La sua opera The Party, ideata e realizzata in esclusiva per il GruVillage, verrà presentata in occasione del SYS attraverso un percorso di immagini all’interno del Cinema Massimo. Per celebrare l’unione tra SYS e GruVillage, da anni al fianco del festival, venerdì 14 febbraio ci sarà un’anteprima di tutta la rassegna, con il duo torinese Project-TO che presenterà Live In Love: un’immersione di suoni e immagini in un’ambientazione originale per la Piazza Nord di Le Gru, seguita da una esclusiva festa a inviti.

Project-TO – Live In Love: Piazza Nord di Le Gru, venerdì 14 febbraio dalle 18 alle 21
Proiezione GruVillage 105 Music Festival Afermovie 2019. Regia: Marco Testa.
Cinema Classico, Piazza Vittorio, 20 febbraio, ore 21, SYS VI Preview
Percorso d’immagini, Donato Sansone per GruVillage: Cinema Massimo dal 21/2/20 al 1/3/20

4. RECONTEMPORARY E LA RINASCENTE INSIEME NEL SEGNO DELLA REALTÀ VIRTUALE

22.7°C di Molécule, Recontemporary

Un’esperienza unica attenderà il pubblico festivaliero negli spazi di Recontemporary art & design talks e di La Rinascente, per trasportarli nell’estremo Nord con -22.7°C di Molécule, Jan Kounen &Amaury La Burthe; un progetto di VR ispirato al viaggio in Groenlandia del produttore francese di elettronica Molécule per catturare i suoni dell’Artico. Dal 17 febbraio al 28 marzo Recontemporary ospiterà una postazione interattiva per dare la possibilità di perdersi in un ascolto profondo, lasciarsi guidare dai suoni della natura magnetica del Circolo polare artico ed esplorare il proprio mondo interiore. Il progetto -22,7 sarà fruibile anche al 2° piano dello store LA RINASCENTE di via Lagrange, dal 17 febbraio all’1 marzo grazie a visori standalone.

Seeyousound – Molècule -22.7°c: dal 17 febbraio al 28 marzo, Recontemporary, via Gaudenzio Ferrari 12 h
Seeyousound – Molècule -22.7°c: dal 17 febbraio al 1 marzo, La Rinascente, via Lagrange

5. FOCUS SU DONATO SANSONE DA OGGETTI SPECIFICI

Focus on Donato Sansone, Oggetti Specifici

Il 18 febbraio inaugura, presso lo spazio Oggetti Specifici, Focus on Donato Sansone con in mostra una serie di disegni preparatori e storyboard di alcuni dei lavori più importanti dell’artista d’animazione e live action, tra cui lo storyboard originale di Bavure, in semifinale per il Premio César 2020. L’evento è in linea con lo spirito della galleria, un luogo nato da poco nel cuore di Torino che ha la ricercatezza di una wunderkammer e la familiarità di un interno domestico. La peculiarità dello spazio consiste, infatti, nella scelta di proporre manufatti che appartengono alla fase generativa di un’opera.

Focus on Donato Sansone
Dal 18 al 29 febbraio
Oggetti Specifici, via Santa Giulia 32.bis

6. LA PARTNERSHIP CON SKY ARTE – LA SERIE STILI RIBELLI IN ANTEPRIMA

STILI RIBELLI TONY FACE Berlin wall 1984

SKY ARTE, il primo canale televisivo italiano dedicato all’Arte in tutte le sue declinazioni, è Media Partner del Seeyousound International Music Film festival. Nel corso della rassegna verrà presentata la serie Stili Ribelli che andrà in onda su Sky Arte da mercoledì 4 marzo con due episodi ogni mercoledì sera a partire dalle 21.15. Prodotta da Kiné in collaborazione con Sky Arte e la regia di Lara Rongoni, sul legame tra moda e musica nella creazione di iconografie simbolo di intere correnti creative, la serie sarà proiettata in anteprima assoluta tramite due episodi e sarà sottotitolata per essere accessibile anche a persone con disabilità sensoriali/visive. Inoltre, la giornalista e modella Benedetta Barzini, terrà la masterclass organizzata con IAAD ispirata alla serie Stili Ribelli prodotta da Sky Arte.

Cinema Massimo, via Verdi 18

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Claudia Giraud
Nata a Torino, è laureata in storia dell’arte contemporanea presso il Dams di Torino, con una tesi sulla contaminazione culturale nella produzione pittorica degli anni '50 di Piero Ruggeri. Giornalista pubblicista, iscritta all’Albo dal 2006, svolge attività giornalistica per testate multimediali e cartacee di settore. Dal 2011 fa parte dello Staff di Direzione di Artribune (www.artribune.com ), è Caporedattore Musica e cura, per il magazine cartaceo, la rubrica "Art Music" dedicata a tutti quei progetti dove il linguaggio musicale si interseca con quello delle arti visive. E’ stata Caporedattore Eventi presso Exibart (www.exibart.com). Ha maturato esperienze professionali nell'ambito della comunicazione (Ufficio stampa "Castello di Rivoli", "Palazzo Bricherasio", "Emanuela Bernascone") ed in particolare ha lavorato come addetto stampa presso la società di consulenza per l'arte contemporanea "Cantiere48" di Torino. Ha svolto attività di redazione quali coordinamento editoriale, realizzazione e relativa impaginazione degli articoli per l’agenzia di stampa specializzata in italiani all’estero “News Italia Press” di Torino. Ha scritto articoli e approfondimenti per diverse testate specializzate e non (SkyArte, Gambero Rosso, Art Weekly Report e Art Report di Monte dei Paschi di Siena, Exibart, Teknemedia, Graphicus, Espoarte, Corriere dell’Arte, La Piazza, Pagina).